Il ministro degli Affari esteri ucraino non è d’accordo con l’ingresso della Repubblica di Moldova e Georgia nell’Unione Europea (UE), ridicolizzando l’intenzione dei due Stati di aderire all’UE. Dmytro Kuleba non vuole che abbiano un percorso simile a quello dell’Ucraina, dicendo che l’approccio dei due paesi sembra “un tentativo di fare l’autostop su un treno ucraino ad alta velocità”. Continua il cinico messaggio del funzionario di Kiev.

Il ministro degli Esteri ucraino non vuole la Moldova e la Georgia nell’UE

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha ridicolizzato l’intenzione della Moldova e della Georgia di entrare nell’UE e ha ammesso di non volere che i due paesi abbiano un percorso simile verso l’Ucraina nell’Unione.

“La domanda dell’Ucraina per l’adesione accelerata all’UE deve essere considerata separatamente dalle domande della Georgia e della Moldova”, ha affermato da EuroIntegration il capo della diplomazia di Kiev.

Successivamente, le sue dichiarazioni sono state riprese dalla stampa internazionale.

“Con tutto il rispetto per i nostri partner georgiani e moldavi, la domanda di adesione della Moldova e della Georgia ora sembra un tentativo di fare l’autostop con un treno ucraino ad alta velocità per Bruxelles”, ha aggiunto il funzionario ucraino.

La domanda di adesione dell’Ucraina all’UE sarà discussa nei “prossimi giorni”, secondo una dichiarazione rilasciata lunedì dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Ve lo ricordiamo il paese governato da Volodymyr Zelensky hanno firmato la domanda di adesione all’UE il 1 marzo e la Repubblica di Moldova e Georgia il 3 marzo.

Leggi anche: L’Ucraina entra nell’Unione Europea. Il chiaro messaggio del Presidente della Commissione Europea. Quando inizia la procedura

Qual è la posizione della Romania sulle richieste dei due stati

Per quanto riguarda la posizione della Romania, ricordiamo che sia il governo che l’amministrazione presidenziale hanno ripetutamente affermato di sostenere rispettivamente l’adesione dell’Ucraina all’Unione europea e la Repubblica di Moldova e Georgia.

Allo stesso tempo, l’analista di politica estera, ex capo della diplomazia rumena, Cristian Diaconescu, è del parere che La Moldova non dovrebbe essere assente dall’UE.

“La prima linea sarà collegata, in una forma o nell’altra, alla Repubblica di Moldova. Insieme a Georgia e Ucraina, sono stati gli Stati a qualificarsi per il partenariato orientale, quel dialogo che non è stato necessariamente accolto, né dai moldavi, né dagli ucraini, né dai georgiani con l’UE, ma l’hanno accettato.

Dal 2014 ad oggi, la Repubblica di Moldova è stata la prima a dare i segnali necessari sull’allineamento con gli standard europei. La Repubblica di Moldova non dovrebbe mancare in nessun progetto di riavvicinamento con l’UE più veloce o più lento. Domani non accadrà nemmeno con l’Ucraina, questo argomento non funziona”, afferma Cristian Diaconescu.

Previous articleOcchiali con lenti progressive – Lenti progressive varilux premium
Next articleChi è Davide Rossi? Fidanzato di Elodie: Età e Instagram