Più di 1,7 milioni di rifugiati sono fuggiti dall’Ucraina dall’inizio della diffusa invasione della Russia, dal 24 febbraio al 6 marzo, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati. Inoltre, dal 18 al 23 febbraio più di 96.000 persone si sono trasferite in Russia dalle regioni di Donetsk e Lugansk, secondo NEXTA.

1,7 milioni di ucraini sono riusciti a lasciare il Paese

Inoltre, le autorità ucraine affermano che più di 600.000 persone sono già state evacuate da Kharkov, la seconda città più grande dell’Ucraina dopo la capitale Kiev.

Le sei corsie umanitarie sono state aperte lunedì 7 marzo e evacuazione dei profughi dall’Ucraina è prodotto in Russia e Bielorussia. L’Ucraina ha affermato che la mossa della Russia è stata “completamente immorale, assurda, cinica e inaccettabile”.

L’annuncio dell’apertura di corridoi umanitari è arrivato dopo due giorni di tentativi falliti di cessate il fuoco per consentire ai civili di fuggire dalla città assediata di Mariupol, dove centinaia di migliaia di persone sono rimaste bloccate senza cibo e acqua dall’inizio della scorsa settimana. l’impossibilità di evacuare i feriti.

Volodymyr Zelensky ha definito la proposta di sfratto “completamente immorale”

I nuovi corridoi umanitari sono stati aperti alle 10.00 ora di Mosca (09.00 ora rumena), nella capitale Kiev e nelle città orientali di Kharkov e Sumi, ma anche a Mariupol, ha annunciato il ministero della Difesa russo. Tuttavia, sembra che i sei colori umanitariTuttavia, quattro vanno in Russia o in Bielorussia e solo due di loro consentono l’accesso ad altre città ucraine, ma l’evacuazione è strettamente controllata dai russi.

L’esercito russo dovrà effettuare “un controllo oggettivo ininterrotto dell’evacuazione, anche con l’aiuto di droni”, ha affermato la Russia. Invece un portavoce per Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha definito la proposta di sfratto “completamente immorale” perché la Russia sta cercando di “usare la sofferenza delle persone per creare un’immagine televisiva”.

“Corridoi umanitari. La Russia ha già ostacolato la loro apertura due volte, bombardando le rotte. E ora i russi si dicono pronti ad aprire i corridoi, ma in direzione della Federazione Russa. Cioè, vogliono che i nostri cittadini vadano nel territorio di la Federazione Russa. Assurdo, cinico, inaccettabile”, ha affermato il ministro competente e vice primo ministro Irina Vereșciuk, secondo Unian.net.

Irina Vereșciuk ha invitato il mondo a fare pressione sulla Russia: “Solo messaggi ufficiali delle autorità ucraine! Solo loro sono la base dei lavori dei corridoi umanitari sul territorio ucraino”.

In questo senso, i civili di Kharkov raggiungono la Russia, quelli di Kiev in Bielorussia, e solo quelli di Mariupol e Sumi hanno due opzioni, verso altre città ucraine e verso la Russia. Solo da queste due piccole città le vie di fuga portano ad altre città dell’Ucraina.

Previous articleMiriana Trevisan e l’ex marito Pago, il figlio Nicola: incontro al Grande Fratello Vip
Next articlePutin e Zelenski, sempre più vicini a un faccia a faccia