Il generale Petraeus, ex capo della CIA, avverte nel contesto della guerra in Ucraina: “Quella di cui devi preoccuparti è la Moldova”. Ha anche affermato di non essere d’accordo con il presupposto che Kiev sarebbe inevitabilmente caduta nelle mani della Russia. “Penso che Odessa e Moldova siano in pericolo”, ha detto. Per maggiori dettagli, continua a leggere.

Ex capo della CIA, grave avvertimento nel contesto dell’invasione russa dell’Ucraina

Il generale di riserva David Petraeus, ex capo della CIA e del quartier generale degli Stati Uniti durante i conflitti in Iraq e Afghanistan, lancia l’allarme sugli sviluppi la guerra tra Russia e Ucraina.

Secondo lui, “l’esercito russo è progettato per utilizzare le ferrovie. Non potendo farlo in Ucraina, ha grossi problemi logistici. Ma lei continuerà a cercare di compensare, attaccando nel sud, dove diventa forte. Penso che Odessa e la Moldova sono in pericolo”.

L’ex capo della CIA ha anche affermato di non sostenere l’ipotesi secondo cui Kiev cadrà nelle mani dei russi“Cercheranno di occupare Odessa, sarà una dura lotta, la gente del posto combatterà duramente”.

L’assedio di Kiev è “molto più difficile da fare di quanto pensassero i russi e anche molti in Occidente”, ha detto Petraeus alla CNN.

“I russi ci stanno provando, ma pensano che l’area di Kiev sia più grande di quella di New York”, ha aggiunto.

Kiev è la settima città più trafficata d’Europa, con quasi 3 milioni di abitanti. Rispetto a Bucarest, Kiev ha un’area quasi quattro volte più grande.

Leggi anche: La Moldova teme di essere “soffocata” dai profughi ucraini: “C’è ansia e un certo grado di paura tra la popolazione”

“La Moldavia dovrebbe preoccuparti”

Con un servizio militare di 37 anni nelle forze armate statunitensi e un capo della CIA per un anno, domenica il generale David Petraeus è stato invitato alla CNN per commentare l’evoluzione dell’invasione dell’Ucraina.

In quell’occasione, ha affermato che sembra che i russi “non possano mantenere alimentate le loro colonne”, elogiando la resistenza dell’Ucraina finora.

“Hanno cancellato i segnali stradali o scritto ‘Benvenuto all’inferno.’ Sarà una battaglia molto lunga a Kiev. La gente del posto ha accumulato cibo, ci sarà una resistenza estremamente feroce. Non accetto l’ipotesi che cadrà “, ha detto David Petraeus.

Interrogato sulla vulnerabilità di altri Stati vicini alla Russia, inclusa la Moldova, che non fa parte della NATO, l’ex direttore della CIA ha esposto uno scenario terrificante.

“Quello di cui devi preoccuparti è la Moldova”, ha avvertito.

Il generale della riserva ha anche affermato che i russi stanno avanzando duramente in Ucraina perché “gli ucraini hanno interrotto tutti i collegamenti tra le ferrovie del loro paese e la Russia”, perché sapevano che l’esercito di Putin era progettato per utilizzare le ferrovie per fornire munizioni. , carburante, cibo, acqua.

Previous articleRussia, accusata di genocidio per crimini in Ucraina. Ci saranno 2 giorni di udienze presso la Corte Internazionale di Giustizia
Next articleQuando esce Blocco 181, la nuova serie Sky girata a Milano? Con Salmo nel cast