L’Ucraina ha dichiarato che non rivelerà in anticipo informazioni sulla data e l’ora dei futuri colloqui con la Russia nel contesto dell’invasione delle truppe di Putin nel paese vicino. Quello che si sa, però, secondo l’annuncio fatto dalle squadre negoziali delle due parti, è che nei primi giorni della prossima settimana potrebbe svolgersi un terzo giro di trattative sull’armistizio. Maggiori dettagli di seguito.

Il terzo round dei colloqui Russia-Ucraina sarà segreto

Il consigliere del presidente ucraino Oleksi Arestovich ha dichiarato venerdì in una trasmissione video che l’Ucraina non rivelerà i dettagli del luogo e dell’ora in anticipo. eventuali trattative con la RussiaLo riporta Reuters.

Giovedì 3 marzo, quando si è svolto il secondo giro di trattativesecondo le informazioni fornite da un membro della delegazione ucraina, le squadre dei partiti russo-ucraino hanno convenuto che il prossimo round di colloqui sull’armistizio potrebbe svolgersi all’inizio della prossima settimana.

Ricordiamo che i colloqui svolti ieri tra le delegazioni russa e ucraina non si sono conclusi con i risultati sperati per l’Ucraina. Un membro della delegazione ucraina ha affermato ieri che il Paese che rappresenta non ha ricevuto le garanzie su cui contava. Tuttavia, entrambe le parti hanno raggiunto un accordo sulla fornitura congiunta di corridoi umanitari per l’evacuazione dei civili dalle zone di combattimento.

“Il secondo round di negoziati è terminato. Purtroppo non abbiamo ancora i risultati attesi per l’Ucraina. Solo la soluzione per l’organizzazione umanitaria è stata concordata”, ha scritto su Twitter il consigliere presidenziale Mihailo Podoliak, membro della delegazione ucraina al fine dei colloqui.

Leggi anche: Vladimir Putin convoca il Consiglio di sicurezza il giorno del secondo round di negoziati con l’Ucraina

L’annuncio è stato dato dalla squadra di Zelenski

Secondo The Kyiv Independent, che cita Podoliak, questi corridoi umanitari garantiranno l’evacuazione dei civili e la consegna di cibo e medicine nelle aree dove si stanno verificando i combattimenti più intensi. In queste aree, dove verranno forniti aiuti, potrebbe essere applicato anche un cessate il fuoco temporaneo.

All’inizio dei colloqui di ieri, Mihailo Podoliak ha affermato che “i punti chiave all’ordine del giorno sono un cessate il fuoco immediato, un armistizio e un movimento umanitario per evacuare i civili da città e villaggi che vengono costantemente distrutti o bombardati”.

“Il problema principale che è stato risolto oggi è il salvataggio delle persone, dei civili che si trovavano nell’area degli scontri militari”, ha affermato il rappresentante russo Vladimir Medinski.

“Con nostro grande rammarico, non abbiamo ottenuto i risultati sperati”, ha scritto il negoziatore ucraino Mihailo Podoliak, che ha annunciato che sarebbe seguito un altro round di negoziati.

Previous articleCinturini in acciaio: una panoramica delle tipologie più diffuse
Next articleRussia, accusata di genocidio per crimini in Ucraina. Ci saranno 2 giorni di udienze presso la Corte Internazionale di Giustizia