Gli inglesi non dovrebbero andare in Ucraina per combattere, ma dovrebbero aiutare gli inglesi il più possibile, ha affermato il capo delle forze armate. Parlando alla BBC, Sir Tony Radakin ha detto di aver respinto la richiesta dell’Ucraina di una no-fly zone, dicendo che non sarebbe d’aiuto tatticamente perché potrebbe intensificare i combattimenti.

Il paese che consiglia ai suoi cittadini di non aiutare l’Ucraina

Ha esortato l’Occidente a fidarsi che stanno facendo “la cosa giusta”. L’invasione non stava andando bene, la Russia sta diventando meno forte e non può continuare, ha detto. Per quanto riguarda gli inglesi che vogliono unirsi alla lotta, Radakin ha affermato che il “rumore degli spari” non era “qualcosa a cui vuoi affrettarti” e ha esortato le persone a sostenere l’Ucraina in modi ragionevoli in Gran Bretagna.

Alla domanda se il ministro degli Esteri Liz Truss avesse ragione nel dire che avrebbe sostenuto qualsiasi britannico che volesse combattere, ha detto: “Possiamo tutti capire questo sentimento e deve essere incanalato nel sostegno all’Ucraina”.secondo BBC.

Gli alti funzionari militari britannici sono sinceramente preoccupati che alcune truppe britanniche, sia regolari che riserviste, possano tentare di unirsi alla battaglia in Ucraina, e così facendo rischiano una vittoria propagandistica per la Russia.

La scorsa settimana, il capo della difesa, il tenente generale James Swift, ha inviato un messaggio alla catena di comando sottolineando che il personale militare nel Regno Unito “non è autorizzato” a recarsi lì. Ha detto che se c’era qualche sospetto che le truppe stessero cercando di dirigersi verso l’Ucraina, allora dovrebbe essere segnalato immediatamente al servizio di polizia.

Il messaggio avverte che se il personale militare britannico in servizio dovesse entrare in guerra in Ucraina, non solo rischierebbe la vita, ma rischierebbe anche di dare alla Russia la “percezione errata” che la Gran Bretagna abbia inviato truppe per impegnarsi nelle ostilità. Sir Tony Radakin ha ora sottolineato questo messaggio, dicendo che sarebbe “illegale e inutile”.

Al momento, il Ministero della Difesa non ritiene che ci siano esempi di personale militare britannico a tempo pieno che sarà assente per combattere in Ucraina. Ma è più difficile per loro tenere conto dei riservisti che spesso hanno un’altra carriera. Nella sua intervista con la BBC di domenica mattina, il capo della difesa ha dipinto un quadro di Forze russe che subiscono pesanti perdite e il morale basso, con guasti alle attrezzature e un massiccio convoglio militare bloccato fuori dalla capitale, Kiev.

Il Cremlino ha perso più truppe in una settimana della Gran Bretagna in 20 anni in Afghanistan, ha detto, e alcune “forze russe di punta” sono state decimate. Descrisse storie di soldati il ​​cui morale era stato così scosso da aver abbandonato il convoglio diretto a Kiev per accamparsi nei boschi.

Il bombardamento e la distruzione provenivano dall’artiglieria, non dagli aerei russi

Sabato, il Presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky ha tenuto un discorso infuocato, affermando che la riluttanza dell’Occidente a implementare una no-fly zone sull’Ucraina ha dato alla Russia il “via libera” per continuare a bombardare città e villaggi. Ma Radakin ha insistito sul fatto che un tale intervento non avrebbe aiutato.

“Il consiglio che, come professionisti militari di alto rango, diamo ai nostri politici è di evitare di fare cose tatticamente inefficienti e sicuramente di evitare di fare cose che tatticamente potrebbero portare a calcoli. sbagliati o escalation”.

Ha detto che la maggior parte dei bombardamenti e della distruzione proveniva dall’artiglieria, non dagli aerei russi, e che una no-fly zone potrebbe significare l’eliminazione dei sistemi di difesa russi e l’abbattimento degli aerei russi. arrampicata, ha aggiunto.

Parlando più avanti nello stesso programma, il vice primo ministro britannico Dominic Raab ha insistito sul fatto che l’Occidente è sempre stato chiaro che non si sarebbe impegnato in uno scontro militare diretto. Questo sosterrebbe l’argomento Il presidente russo Vladimir Putinche è in conflitto con l’Occidente, ha detto.

Putin ha detto sabato che qualsiasi mossa del genere per implementare una no-fly zone sarebbe stata vista come “Partecipazione a un conflitto armato da parte di quel Paese”.

Previous articleChi è il marito di Laura Chiatti? Moglie e figli, Fisico, Film, Emma
Next articleLe forze dell’esercito ucraino hanno colpito una nave della marina russa nel Mar Nero