Bruxelles sta valutando livelli minimi obbligatori di stoccaggio del gas e intende aumentare la capacità delle fonti rinnovabili. La Commissione europea ha elaborato un piano in 10 punti per ridurre la dipendenza del blocco russo dal gas russo, secondo una bozza di comunicazione ottenuta da politico.

Come l’Europa intende rompere la sua dipendenza dalle importazioni di gas dalla Russia

La guerra in Ucraina Ha aggiunto che l’UE sta intensificando i suoi sforzi per eliminare le importazioni dalla Russia, spingendo Bruxelles a ritardare la tanto attesa comunicazione sull’affrontare i prezzi dell’energia alle stelle e trasformarla in un piano per migliorare la sicurezza energetica del continente.

Il risultato è una proposta per realizzare “un sistema energetico dell’UE più resiliente, con misure di riduzione Consumo di gas dell’UE e di ridurre la dipendenza da un unico fornitore”, scrive la Commissione.

Nell’ambito del testo di rifusione, la Commissione sta esaminando la definizione di livelli obbligatori di stoccaggio del gas per gli Stati membri, affermando che per prepararsi al prossimo inverno, l’UE ha bisogno di un “livello medio di riempimento dei depositi di almeno l’80% al 30% .” Settembre”.

Bruxelles vuole utilizzare i suoi ricavi dal mercato del carbonio dell’UE

L’UE importa la stragrande maggioranza del gas che consuma e La Russia ha rappresentato circa il 45% delle importazioni l’anno scorsosecondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE).

La bozza di testo, che dovrebbe essere presentata l’8 marzo e potrebbe ancora essere modificata, contiene anche alcune misure volte ad ampliare la capacità di energia rinnovabile dell’UE, denominate “Nuova energia compatta”.

Bruxelles vuole che i paesi dell’UE lo facciano “Mappa, valutare e garantire rapidamente un’adeguata disponibilità di terra e mare per progetti di energia rinnovabile” e sostiene l’uso dei proventi del mercato del carbonio dell’UE, il sistema di scambio di quote di emissione, per finanziare nuove installazioni.

A giugno, la Commissione formulerà una raccomandazione sull’autorizzazione delle energie rinnovabili, volta a ridurre la burocrazia e ad accelerarne il lancio, nonché una strategia solare autonoma.

La copertura solare “potrebbe coprire quasi un quarto del consumo di elettricità dell’UE”, afferma il progetto. Ma nota che il blocco dipendeva dalle importazioni di pannelli e celle e così via “Il 20-25% dei progetti solari previsti nell’UE ha dovuto essere posticipato o annullato del tutto nel 2021”principalmente a causa dell’aumento dei costi energetici, materiali e logistici.

La strategia solare includerà misure per accelerare le installazioni e “aiutare a sviluppare una catena del valore per l’energia solare e rafforzare la competitività dell’UE e affrontare le dipendenze”.

Bruxelles vuole anche rilanciare il biogas raccomandando una produzione in blocchi di 35 miliardi di metri cubi entro il 2030 e sollecitando i paesi a convogliare i finanziamenti della politica agricola comune verso “la produzione di biogas da fonti sostenibili di biomassa”.

Oltre alle nuove misure, la Commissione afferma anche che sarà essenziale una rapida attuazione del pacchetto di legislazione sul clima Fit for 55, attualmente sotto controllo in Consiglio e Parlamento. La serie di proposte include piani per rendere gli edifici più efficienti dal punto di vista energetico e un quadro per espandere la capacità di energia rinnovabile dell’edificio.

“L’attuazione delle proposte Fit for 55 porterà già a una riduzione del 23% della dipendenza dal gas dell’UE entro il 2030”, secondo la bozza di testo.

Giovedì l’AIE ha lanciato un piano in 10 punti per ridurre le importazioni di gas dell’UE dalla Russia. Ha raccomandato, tra le altre misure, requisiti minimi di stoccaggio del gas, misure per accelerare l’attuazione delle energie rinnovabili e della bioenergia e piani di efficienza energetica più ambiziosi.

Previous article“Ci sediamo sulle nostre spalle e guardiamo”
Next articleI ministri degli Esteri russo e ucraino si incontrano per discutere la situazione della guerra