Dopo dieci giorni di guerra, la Russia sta cominciando “a rendersi conto del vero costo della guerra”, dice uno stretto consigliere del presidente ucraino, che dice che i negoziati possono ora essere “costruttivi”. Nel frattempo, sabato sera Volodimir Zelenski ha avuto un’altra telefonata con Joe Biden, che ha chiesto più aiuto finanziario per resistere all’invasione della Russia. La città portuale di Mariupol rimane sotto un blocco russo e da cinque giorni è senza elettricità, acqua e riscaldamento. Attacchi durante la notte nel nord del paese hanno provocato vittime, secondo i servizi di emergenza ucraini.

Informazioni principali della giornata:

  • Joe Biden e Volodymyr Zelenski parlano al telefono, il presidente degli Stati Uniti promette ulteriori aiuti finanziari
  • Nella città di Mariupol, per 5 giorni senza acqua, riscaldamento ed elettricità, è stato annunciato un nuovo cessate il fuoco per l’evacuazione dei civili
  • L’azione è fallita per il secondo giorno consecutivo; le parti si accusano a vicenda di non aver rispettato il cessate il fuoco
  • Volodymyr Zelensky annuncia che un altro aeroporto nell’ovest del Paese è stato distrutto dalle bombe russe
  • Putin ha parlato al telefono con Erdogan e Macron domenica
  • Tre persone, tra cui due bambini, sono state uccise a Irpin mentre cercavano di scappare

Bombardamento civile di Irpin

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 18:00 Tre persone, tra cui due bambini, sono state uccise domenica dai bombardamenti russi mentre cercavano di fuggire dalla città nord-occidentale di Irpin, Kiev. I bombardamenti sono iniziati in mattinata e il suono delle esplosioni si sentiva da lontano, riferiscono i corrispondenti della CNN dalla capitale ucraina .

I soldati di Putin hanno sparato proiettili e proiettili mentre centinaia di persone in questo sobborgo di Kiev, per lo più bambini e donne, cercavano di fuggire. Poiché gli autobus non potevano entrare a Irpin perché le strade erano state distrutte, i civili lì dovettero camminare per salire sulle macchine per portarli fuori dall’inferno.

La città di Irpin, sulla rotta russa per Kiev, è stata pesantemente bombardata per diversi giorni.

Putin e Macron hanno parlato di nuovo al telefono per quasi due ore

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 17:00 Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente francese Emmanuel Macron hanno parlato di nuovo al telefono domenica, in una conversazione durata un’ora e 45 minuti, ha annunciato la Presidenza francese.

Secondo la BBC, non sono stati forniti dettagli su ciò che è stato discusso.

I due leader hanno parlato anche al telefono giovedì e, dopo la discussione, Emmanuel Macron ha confessato che Putin gli ha dato l’impressione che il suo obiettivo sia conquistare l’intera Ucraina, secondo un funzionario francese.

Macron è uno dei leader che ha parlato molto con Vladimir Putin, sperando che potesse mediare un cessate il fuoco in Ucraina.

Domenica, Putin ha parlato anche con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan , che ha anche chiesto la fine urgente delle ostilità. Secondo il Cremlino, Putin ha detto a Erdogan che i negoziatori ucraini dovrebbero adottare un “approccio più costruttivo” ai colloqui, “tenendo pienamente conto delle realtà emergenti”.

“È stato sottolineato che la sospensione dell’operazione speciale è possibile solo se Kiev interrompe le operazioni militari e soddisfa le ben note richieste della Russia”, ha affermato il Cremlino. La Russia definisce la sua invasione dell’Ucraina una “operazione speciale”.

Croce Rossa: evacuazione fallita

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 16:30 La Croce Rossa conferma la cessazione dell’evacuazione dei civili da Mariupol, e il consiglio comunale afferma che i russi non hanno fermato i bombardamenti.

“I tentativi (di evacuazione) falliti di ieri e di oggi accentuano la mancanza di un accordo dettagliato e funzionale tra le due parti in conflitto. Oggi, le nostre squadre hanno iniziato ad aprire vie di fuga da Mariupol prima che le ostilità riprendessero. Le nostre squadre restano a Mariupol e sono pronte a prendere parte a futuri tentativi (evacuazione) se le parti raggiungeranno un accordo dettagliato, che solo loro possono applicare e rispettare”, si legge in un messaggio dell’organizzazione della Croce Rossa.

Zelenski: aeroporto nell’ovest del paese, distrutto dai russi

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 15:56 Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky domenica ha condannato la totale distruzione di un aeroporto vicino alla città occidentale di Vinita, colpito da otto missili russi: “La pacifica Vinita non ha mai minacciato la Russia”.

“Il brutale e cinico attacco missilistico ha lasciato l’aeroporto completamente distrutto. Loro (i russi) continuano a distruggere le nostre infrastrutture, le nostre vite, che abbiamo costruito noi stessi, i nostri genitori, i nostri nonni, generazioni di ucraini (…)”, ha affermato in un nuovo video pubblicato sull’account Telegram ufficiale di EFE, segnala EFE, secondo Agerpres.

Zelensky ha nuovamente invitato l’Occidente a chiudere lo spazio aereo sull’Ucraina.

“Ripetiamo ogni giorno: chiudi il cielo sull’Ucraina. Rinchiudilo per tutti i missili russi, per gli aerei, per tutti questi terroristi. Fare uno spazio aereo umanitario senza missili, senza bombe”.

I leader occidentali hanno ripetutamente escluso una no-fly zone sull’Ucraina.

“Siamo esseri umani ed è tuo dovere umanitario proteggere le persone e puoi farlo. Se non lo fai, dacci degli aerei così possiamo difenderci”, ha detto Zelenski, citando la “responsabilità” dei leader mondiali.

Nuovo fallimento per evacuare Mariupol

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 15:47 I separatisti filo-russi e la Guardia Nazionale in Ucraina si sono accusati a vicenda di non aver stabilito un corridoio umanitario per l’evacuazione dei civili da Mariupol domenica, la seconda volta che le parti hanno cercato di organizzarlo, Reuters, secondo Agerpres.

La televisione Ucraina 24 ha riportato un combattente del reggimento Azov della Guardia nazionale che ha affermato che le forze russe e filo-russe che circondavano la città portuale con circa 400.000 abitanti hanno continuato a bombardare aree che avrebbero dovuto essere sicure.

L’agenzia di stampa Interfax ha citato un funzionario dell’amministrazione separatista a Donetsk che ha accusato le forze ucraine di non aver rispettato un cessate il fuoco temporaneo.

Il funzionario separatista ha detto che solo circa 300 persone avevano lasciato la città.

Le autorità ucraine hanno precedentemente affermato di voler evacuare più di 200.000 persone da Mariupol.

Zelenski annuncia che i russi si preparano a bombardare Odessa

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 12:49 Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che le forze russe si stanno preparando a lanciare un bombardamento sul porto di Odessa sul Mar Nero, secondo The Guardian .

“Razzi a Odessa? Questo sarà un crimine di guerra”, ha detto il presidente in un messaggio televisivo domenica, secondo il Guardian.

Un nuovo tentativo di evacuare i civili da Mariupol

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 10:50 Il consiglio comunale di Mariupol, città portuale dell’Ucraina meridionale, ha annunciato che domenica alle 12 inizierà un nuovo tentativo di evacuazione di circa 400.000 persone bloccate nell’assedio delle forze russe, nel mezzo di un temporaneo cessate il fuoco L’incendio, che dovrebbe durare fino alle 21:00 ora locale, riferisce Reuters, secondo Agerpres.

I civili possono anche lasciare la città con le loro auto personali, ma devono viaggiare in colonna in autobus, dietro le auto della Croce Rossa.

Un piano simile è stato abbandonato sabato dopo che l’accordo di cessate il fuoco emesso per imporre l’evacuazione dei civili non è stato rispettato, con entrambe le parti che si incolpano a vicenda.

Leggi anche: Il sindaco di Mariupol, dopo sei giorni di bombardamenti: “Non possiamo uscire a recuperare i corpi. La città non esiste più”

La Russia annuncia perdite all’esercito ucraino: 10 aerei ed elicotteri in 24 ore

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 10:45 La Russia ha bombardato e danneggiato la base aerea di Starokosteantiniv dell’esercito ucraino con armi a lungo raggio di alta precisione, ha annunciato domenica il ministero della Difesa russo.

“Le forze armate russe continuano a colpire le infrastrutture militari ucraine”, ha affermato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

“La mattina del 6 marzo sono state sparate armi a lungo raggio a lungo raggio. La base aerea delle Forze armate ucraine a Starokosteantiniv è stata danneggiata”, ha aggiunto.

Konashenkov ha anche affermato che un sistema missilistico S-300 controllato dall’esercito ucraino era stato distrutto dai missili russi.

Il funzionario russo ha anche affermato che la Russia aveva abbattuto 10 aerei ed elicotteri ucraini nelle ultime 24 ore.

Bilancio stimato delle perdite russe: quasi 100 aerei ed elicotteri

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 09:45 Le forze ucraine hanno presentato un nuovo bilancio delle perdite stimate subite dall’esercito russo dall’inizio dell’invasione, il 24 febbraio.

  • oltre 11.000 soldati
  • 285 carri armati
  • 985 mezzi corazzati per il trasporto di personale
  • 109 sistemi di artiglieria
  • 50 lanciarazzi
  • 21 sistemi antiaerei
  • 44 aerei
  • 48 elicotteri
  • 447 veicoli da combattimento
  • 2 barche
  • 60 carri armati
  • 4 droni

Regione di Zhitomir: attacchi missilistici, bambini salvati dai sotterranei

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 09:10 I servizi di emergenza ucraini hanno riportato vittime in seguito all’esplosione di un razzo russo che ha colpito una zona residenziale nella regione di Zhitomir, a circa 140 km a ovest di Kiev, scrive The Guardian .

Circa 15 case sono state distrutte nell’assalto alla città di Ovruci nella regione di Zhitomir.

Nella città di Korosten, a sud di Ovruci, una persona è stata uccisa e altre due sono rimaste ferite in un attacco missilistico sabato notte, secondo le autorità ucraine.

Dieci case sono state distrutte e un edificio dato alle fiamme. Cinque bambini sono stati salvati dal seminterrato.

Leggi anche: Servizi di intelligence britannici: la Russia prende di mira le aree popolate dell’Ucraina. Ha usato la stessa tattica in Cecenia e Siria

Città di Mariupol, 5 giorni senza elettricità e riscaldamento

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 8:40 Il sindaco della città portuale di Mariupol, nel sud dell’Ucraina, Vadim Boichenko, ha affermato che la città sta affrontando un “blocco umanitario” ed è stata privata di tutti i servizi.

L’esercito russo ha distrutto tutte le 15 linee ad alta tensione della città, che erano rimaste senza elettricità per cinque giorni, ha detto Boicenko alla TV Ucraina sabato, secondo DPA, rilevata da Agerpres.

Le persone tremano nei loro appartamenti, mentre le centrali elettriche funzionano con l’elettricità, ha aggiunto.

Anche le comunicazioni mobili non funzionano senza elettricità, ha spiegato Boicenko.

Anche la città non ha acqua.

Boikenko ha accusato la parte russa di agire “molto metodicamente” per fermare tutti i rifornimenti alla città e quindi aumentare la pressione.

Ha anche accusato la parte russa di aver aperto il fuoco sugli autobus che sabato avrebbero dovuto portare i civili fuori città attraverso un corridoio umanitario. Dei 50 autobus con i serbatoi pieni, ne sono rimasti solo 20, ha aggiunto Boicenko.

“Potremmo non avere altri autobus se si ripresentesse la possibilità di una nuova evacuazione dei civili”, ha avvertito.

L’agenzia dpa osserva che le informazioni non possono essere verificate da altre fonti.

Boikenko ha chiesto la creazione di un nuovo corridoio umanitario per evacuare gli anziani, le donne ei bambini della città assediata dalla Russia.

Le città dell’Ucraina nord-orientale sono state attaccate sabato

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 8:24 Le città di Sumi e Lebedin nel nord-est dell’Ucraina hanno continuato a essere sotto attacco russo sabato, ha detto il capo dell’amministrazione regionale di Sumi Dmitro Zhivitsky sul suo account Telegram.

Gli aerei russi hanno distrutto un deposito di cibo, materiali da costruzione e un parcheggio sabato, ha detto Jivitsky, secondo il dpa, rilevato da Agerpres. Una centrale elettrica che forniva anche elettricità è stata distrutta venerdì.

Le forze russe stanno cercando di prendere il controllo della capitale ucraina Kiev e della città di Kharkov, nonché di altri territori chiave in tutto il paese. L’impianto di riscaldamento non è più funzionante nell’intera città di Ohtîrka, situata tra le due città, e in alcuni punti acqua ed elettricità sono state chiuse.

“Cosa posso dire, Ohtirka è parzialmente distrutta”, ha scritto Jivitsky. 70 soldati ucraini sono stati uccisi qui martedì in un attacco missilistico.

Le informazioni non possono essere verificate da fonti indipendenti.

Ambasciata di Kiev negli Usa: 3mila americani vogliono combattere in Ucraina

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 08:00 Circa 3.000 americani si sono offerti volontari per combattere in Ucraina, secondo la BBC un portavoce dell’ambasciata ucraina a Washington.

Pochi giorni fa, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha stimato che 16.000 volontari stranieri si erano offerti volontari per combattere per l’Ucraina.

I paesi occidentali hanno annunciato che non invieranno truppe in Ucraina e si sono anche rifiutati di impegnarsi nell’aviazione per imporre no-fly zone sull’Ucraina in modo da non entrare in un conflitto diretto con la Russia. Invece, hanno fornito armi ed equipaggiamento militare all’Ucraina, hanno partecipato con sostegno finanziario e imposto dure sanzioni economiche alla Russia.

Leggi anche: Presidente Volodymyr Zelensky, un nuovo messaggio agli ucraini: Resistere! Scendi in strada e scaccia il male!

Conversazione telefonica Zelenski – Biden

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 7:12 Il presidente ucraino Volodymyr Zelenski ha annunciato nelle prime ore di domenica di aver parlato di nuovo al telefono con il suo omologo statunitense Joe Biden per discutere del sostegno finanziario statunitense all’Ucraina e delle sanzioni contro la Russia.

“In un dialogo permanente, abbiamo avuto una nuova conversazione con @POTUS (Presidente degli Stati Uniti). L’agenda includeva questioni di sicurezza, sostegno finanziario all’Ucraina e continue sanzioni contro la Russia”, ha scritto Volodymyr Zelensky su Twitter.

La Casa Bianca ha anche annunciato il colloquio telefonico tra i due capi di Stato, dimostrando che Joe Biden ha apprezzato la decisione di Visa e Mastercard di sospendere i propri servizi in Russia.

“In particolare, (il presidente Biden) ha apprezzato la decisione di Visa e Mastercard stasera di sospendere i servizi in Russia”, secondo una dichiarazione della Casa Bianca.

“Il presidente Biden ha anche affermato che la sua amministrazione aumenterà l’assistenza umanitaria ed economica all’Ucraina e sta lavorando a stretto contatto con il Congresso per raccogliere fondi aggiuntivi”, si legge nella nota.

La Russia inizia a “realizzare il vero costo della guerra”

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 7:00 La Russia è sulla buona strada per “realizzare il costo reale della guerra” di fronte alla resistenza ucraina e i colloqui tra le delegazioni dei due paesi stanno iniziando a essere “costruttivi”, ha affermato il negoziatore ucraino Mihailo Podoliak di sabato.

Intervistato a Lviv (Ucraina) dal quotidiano canadese The Globe and Mail, Mihailo Podoliak, ritratto come uno stretto collaboratore del presidente ucraino Volodymyr Zelenski, ha affermato che stava iniziando a vedere un cambiamento nella posizione della Russia sulla resistenza ucraina e le sanzioni internazionali.

“All’inizio della guerra, i (russi) insistevano per il dominio totale. Non si aspettavano una resistenza così forte dall’Ucraina “, ha affermato Mihailo Podoliak, secondo AFP, rilevato da Agerpres.

“Sto appena cominciando a rendermi conto del vero costo della guerra. E ora stiamo iniziando ad avere negoziati costruttivi”, ha detto.

Il terzo round di colloqui è previsto per lunedì, secondo la delegazione ucraina.

I russi “persero quantità significative di equipaggiamento e personale. Sanzioni come non ho mai visto distruggere la loro economia. Il loro Paese è fuorilegge sulla scena internazionale e la loro propaganda non funziona”, ha affermato.

Mihailo Podoliak ha ribadito il suo appello per una no-fly zone sull’Ucraina sostenuta dalla NATO, provocando un forte contraccolpo da parte del presidente Volodymyr Zelensky, incolpando l’Alleanza del Nord Atlantico per il “via libera per i continui bombardamenti”.

Insistendo sul fatto che le due parti nei negoziati hanno concordato di non discutere i dettagli dei colloqui, Mihailo Podoliak ha indicato che gli obiettivi ucraini rimangono un cessate il fuoco immediato, garanzie di sicurezza che l’Ucraina non sarà attaccata e un risarcimento “significativo” per la perdita di vite umane e danni. nelle città ucraine.

Visa e Mastercard sospendono le operazioni in Russia

AGGIORNAMENTO 6 MARZO, 01:00 Tra pochi giorni i russi non potranno più utilizzare le loro carte bancarie. Visa e Mastercard hanno  annunciato  sabato sera che sospenderanno tutte le operazioni in Russia. Ciò significa che le persone non potranno utilizzare nemmeno gli sportelli bancomat, non potranno effettuare pagamenti online e dovranno prelevare denaro allo sportello, come accadeva qualche decennio fa.

Previous articleVolodymyr Zelensky vuole aerei di fabbricazione russa dai paesi dell’Europa orientale. Il presidente dell’Ucraina ha parlato di nuovo al telefono con Joe Biden
Next articleLa Russia vuole vietare l’uso e il mining delle criptovalute