Dopo un forte crollo il 24 febbraio 2022, quando la Russia ha iniziato la sua invasione dell’Ucraina, i prezzi del Bitcoin e delle altre criptovalute sono aumentati altrettanto bruscamente nei giorni successivi, fino ad oggi, martedì 1 marzo 2022. Quali potrebbero essere i fattori determinanti?

Bitcoin non ha cominciato bene il 2022, continuando con grandi fluttuazioni in gennaio e febbraio. A metà febbraio 2022, la principale criptovaluta aveva recuperato fino a 44.000-45.000 dollari. Ma è seguito un ulteriore declino, che ha “raggiunto il picco” il 24 febbraio, quando la Russia ha iniziato la sua invasione dell’Ucraina. In quel periodo il bitcoin è crollato ad un minimo intraday di 34.338 dollari, un calo di circa 10.000 dollari in meno di due settimane.

Poco dopo, bitcoin ha ripreso il suo aumento, raggiungendo 44.165 dollari (il massimo della giornata) martedì 1 marzo 2022, secondo Coindesk. In 5 giorni, il prezzo del Bitcoin ha ripreso 9.827 dollari (28,6% di aumento dal livello del 24 febbraio). In pratica chi ha comprato 1 bitcoin giovedì scorso e l’ha venduto martedì 1 marzo, ha guadagnato quasi 10.000 dollari (senza commissioni e tasse). Bitcoin tuttavia fluttua selvaggiamente. In un solo giorno, martedì 1 marzo 2022, BTC ha fluttuato ad un certo punto del 16%, tra un minimo della giornata di 37.963$ e un massimo di 44.165$ (4.200$ di differenza).

Anche Ethereum ha seguito una traiettoria simile. Dopo essere precipitato a 2.301 dollari giovedì scorso, ETH è salito martedì 1 marzo a un massimo di 2.972 dollari al giorno (aumento del 29,1% in 5 giorni).

Anche eGold, la criptovaluta rumena di Elrond, è salita dal minimo di giovedì scorso di 122 dollari a 158 dollari martedì 1 marzo (il massimo della giornata) – quasi il 30% in più.

Cripto su e giù: possibili cause ed effetti legati alla guerra

StartupCafe.co.uk non può stabilire un’esatta relazione causale tra la guerra e le alte fluttuazioni delle criptovalute, soprattutto perché è noto che il mercato delle criptovalute è generalmente caratterizzato dalla volatilità.

Alcuni analisti hanno comunque fatto questo collegamento.

Nel gennaio 2022, il mercato delle criptovalute ha avuto un brusco calo mentre in Kazakistan stavano avendo luogo sanguinose rivolte di strada, culminate nell’intervento delle forze russe dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) su richiesta del presidente kazako Kasim-Jomart Tokaev. A un certo punto, le autorità kazake hanno anche bloccato l’accesso a internet in tutto il paese. Il 25 gennaio, c’è stato anche un grande blackout in Asia centrale, che ha colpito anche il Kazakistan.

Gli analisti hanno poi collegato la flessione delle criptovalute alle tensioni in Kazakistan, dato che il paese, così come la Russia, è tra i primi minatori di Bitcoin al mondo.

“L’hashrate di Bitcoin è sceso dopo che le interruzioni di corrente hanno colpito l’industria mineraria delle criptovalute del Kazakistan. La crisi politica in corso, che ha portato a disordini e tensioni nella capitale, ha quindi avuto un impatto indesiderato sul bitcoin. Con l’interruzione dell’energia elettrica del paese, le principali operazioni di crypto mining sono state costrette a chiudere, portando a un calo dell’hashrate delle criptovalute, della potenza di calcolo complessiva della rete e un calo del valore dei token BTC. Il Kazakistan è diventato in silenzio un leader nel bitcoin mining a livello globale, con la sua produzione seconda solo a quella degli Stati Uniti dopo il recente giro di vite sulle operazioni di mining della Cina. Mentre la situazione rimane poco chiara nel paese, le tensioni in corso continueranno a influenzare potenzialmente l’hashrate e il prezzo globale”, ha commentato Simon Peters, analista della piattaforma di trading eToro.

Come Bitcoin ha iniziato a crescere un po’ di più, lo stesso vale per le minacce della Federazione Russa all’Ucraina, con i russi che sono passati all’azione il 24 febbraio quando hanno iniziato gli attacchi missilistici e l’invasione di terra dell’Ucraina. Già il 21 febbraio bitcoin è crollato a 37.200 dollari, perdendo 7.000 dollari (16%) in cinque giorni.

1
2
3
Previous article4 consigli per arredare casa
Next articleMarzo, la primavera del motorsport: MotoGP e F1 riaccendono i motori