Arredare casa non è mai facile, specialmente se non si gode di ottima fantasia e se gli spazi da organizzare sono piccoli o presentano conformazioni strutturali difficili da gestire. Ecco quindi che potrebbe essere utile avere a portata di mano una guida semplice e facile da consultare, che contiene qualche piccolo consiglio per arredare anche gli spazi più angusti e apparentemente non sfruttabili.

1. Mobili su misura – Rimedio numero uno per gli spazi piccoli

I mobili su misura sono la scelta ottimale quando si necessita di arredare spazi piccoli e dalla forma poco regolare. Sono solitamente le grandi città a vantare un commercio più intenso di questo tipo di mobili, in quanto molte case risultano essere mini appartamenti ricavati dalla suddivisione di abitazioni più grandi e destinati a usi transitori, per universitari o lavoratori temporanei. I negozi di arredamenti Roma, Milano o di qualsiasi altra grande città infatti, sono soliti offrire un servizio per realizzare dei mobili su misura, aventi la caratteristica di poter essere fabbricati su completa richiesta del committente a seconda delle necessità. Colori, altezza, profondità, forma, materiale, tutto è nelle mani del cliente, che suggerito da personale competente può permettersi di arredare la propria casa senza sprecare alcun angolo utile. Ovviamente, commissioni di questo tipo devono essere assegnate ad aziende serie ed esperte nel proprio settore, partendo sempre dalla richiesta di un preventivo. Quest’ultimo, deve essere sempre preciso e ricco di informazioni, in modo che l’utente abbia a disposizione tutti i dettagli e che a fine servizio sia completamente soddisfatto del prodotto realizzato.

2. Scegliere i colori che rispecchiano lo stile desiderato

La scelta dei colori, per quanto riguarda tendaggi, tappeti, biancheria, come anche mobili e altri oggetti d’arredo, deve sempre avvenire in base allo stile desiderato. Chi adora le linee geometriche e i colori minimali dello stile urban ad esempio, dovrà optare per nuance decise, come il grigio canna di fucile, il nero o il bianco gesso, alternate a legni dalle sfumature giallastre e non troppe chiare. Per chi invece predilige stili coloniali o classici, meglio puntare su colori più tenui come l’avorio, il tortora e il color panna.

3. Diffidare da professionisti improvvisati

Per l’acquisto dei mobili, per il tinteggio delle pareti o per l’acquisto di qualsiasi altro prodotto o servizio, è sempre bene diffidare da professionisti improvvisati, senza esperienza comprovata. La provenienza dei materiali, il loro costo (unito a quello della manodopera) e soprattutto il portfolio lavori delle ditte a cui ci si affida deve essere sempre chiaro al fine di ottenere risultati in linea con i propri desideri e gusti.

4. Sfruttare tutti i punti luce della casa

Saper posizionare bene lampadari, faretti e abat-jour significa ottimizzare l’utilizzo della luce naturale già presente in casa (come quella che proviene dalle finestre) e creare punti luce là dove effettivamente vi è la necessità. Questo permette anche di rendere la casa più spaziosa, che otticamente grazie alla luce, sembrerà guadagnare qualche metro quadro. Per quanto riguarda il colore delle luci inoltre, meglio scegliere di rispettare una continuità cromatica, acquistando lampadine dalla temperatura completamente calda o completamente fredda, senza mescolarle. Anche questo trucchetto aiuterà a rendere gli spazi più grandi.

Previous articleVolodimir Zelenski, duro discorso contro la NATO: hanno dato il via libera per continuare a bombardare l’Ucraina
Next articleIl prezzo del Bitcoin è aumentato di quasi 10.000 dollari in 5 giorni. Possibili ragioni