Il miliardario russo Alisher Usmanov è stato punito dall’Unione europea lunedì. Due giorni dopo, Forbes ha saputo che uno dei suoi beni più preziosi – lo yacht Dilbar, lungo 156 metri e valutato quasi 600 milioni di dollari – è stato sequestrato dalle autorità tedesche nella città settentrionale di Hamburg

La nave è stata nel cantiere navale di Amburgo della società tedesca Blohm Voss dalla fine di ottobre per lavori di refit. Fonti che hanno parlato con Forbes hanno detto che il governo tedesco ha sequestrato la nave e che i dipendenti che avevano lavorato sullo yacht non si sono presentati al lavoro mercoledì. I rappresentanti di Blohm Voss e Usmanov non hanno finora risposto a una richiesta di commento sulla questione

Usmanov ha acquistato la Dilbar nel 2016 per 600 milioni di dollari dal costruttore navale tedesco Lürssen, che l’ha costruita su ordinazione in 52 mesi. L’azienda lo definisce “uno degli yacht più complessi e impegnativi mai costruiti, sia in termini di dimensioni che di tecnologia”.

Dilbar è il più grande yacht a motore del mondo per tonnellaggio lordo e ha un equipaggio di 96 persone. La nave di lusso ha la più grande piscina mai installata su uno yacht, così come due piattaforme per elicotteri, una sauna, un salone di bellezza e una palestra. Può ospitare fino a 24 persone in 12 suite.

“Penso che una tale decisione sia ingiusta. Userò tutti i mezzi legali per proteggere il mio onore e la mia reputazione”.

Lo yacht fa parte della ricchezza miliardaria stimata di Usmanov, che include partecipazioni nel gigante minerario di ferro e acciaio Metalloinvest e nell’azienda di elettronica di consumo Xiaomi, così come partecipazioni minori in telecomunicazioni, miniere e media. Uno dei primi investitori di Facebook, insieme al collega miliardario Yuri Milner, Usmanov possiede anche un vasto patrimonio immobiliare in Occidente, che va da due proprietà nel Regno Unito – Beechwood House a Londra e Sutton Place nel Surrey, valutate in totale 280 milioni di dollari – a case di lusso a Monaco – Germania, Losanna – Svizzera, Monaco e Sardegna.

Usmanov ha venduto la sua quota del 30% nella squadra di calcio inglese Arsenal F.C. nel 2018 per quasi 700 milioni di dollari, ma fino a questa settimana aveva legami con il calcio attraverso USM Holdings e la sponsorizzazione di MegaFon di Everton FC. La squadra della Premier League ha detto mercoledì che sta sospendendo la sua collaborazione con lui alla luce dell’attacco della Russia in Ucraina.

Non è l’unico miliardario russo con un mega yacht. Forbes e gli esperti di valutazione di yacht VesselsValue ne hanno rintracciato 32. Martedì, Usmanov ha commentato le sanzioni UE imposte su di lui in una dichiarazione alla Federazione Internazionale di Scherma, dove ha anche annunciato che si sarebbe dimesso da presidente dell’organizzazione. “Credo che tale decisione sia ingiusta e le ragioni usate per giustificare le sanzioni sono una serie di accuse false e diffamatorie che danneggiano il mio onore, la dignità e la reputazione negli affari”, ha scritto. “Userò tutti i mezzi legali per proteggere il mio onore e la mia reputazione”.

 

Previous articleVladimir Putin è accusato di crimini di guerra dal PPE
Next articleMa dov’è Vladimir Putin mentre l’Ucraina è sotto attacco?