Le immagini satellitari mostrano una colonna di diverse centinaia di veicoli militari russi che si estende per 64 chilometri e avanza verso Kiev. Cinque giorni dopo l’inizio dell’invasione, la Russia ha ripreso a bombardare le principali città ucraine di Kiev e Kharkov lunedì mattina. Anche una città vicino alla capitale è stata colpita, dove un missile ha distrutto un caseggiato. Il bombardamento russo è continuato durante i colloqui di pace tra una delegazione russa e ucraina, che includeva il ministro della difesa dell’Ucraina, in Bielorussia.

I punti salienti di oggi:

  • Le immagini satellitari mostrano una colonna lunga 27 chilometri di veicoli militari russi in viaggio verso Kiev
  • Pesanti esplosioni vicino a Kiev. I russi avrebbero colpito una base militare con dei missili. Altri missili hanno colpito le città di Vasilkiv, Bila Tserkva e Kalinovka nella regione di Kiev lunedì sera. Hanno distrutto un dormitorio e due edifici residenziali.
  • Il primo round di negoziati tra Ucraina e Russia si è concluso senza risultati concreti.
    Volodimir Zelenski chiede all’UE di ricevere l’Ucraina con una procedura di emergenza.
  • Pesanti esplosioni si sono verificate a Kharkov dopo un attacco missilistico in una zona residenziale. Diversi morti e feriti. Un missile russo ha colpito un blocco a Chernihiv.
  • Joe Biden terrà una conferenza telefonica lunedì con gli alleati e i partner della NATO sul conflitto in Ucraina.
  • Il rublo russo sta crollando. È sceso del 30% dopo che l’Occidente ha annunciato nuove sanzioni.
  • Il bilancio delle vittime dell’esercito russo supera i 5.000 morti, secondo le forze ucraine.

AGGIORNAMENTO, 1 MARZO, 07:00 Una colonna di carri armati russi è stata avvistata fuori Kiev lunedì sera. Il convoglio si estende per 64 km. Le immagini satellitari sono state trasmesse dalla società di sorveglianza Maxar.

Le immagini satellitari della società Maxar mostrano un convoglio militare russo a nord di Kiev, che si estende per circa 64 km. Il convoglio è sostanzialmente più grande di quanto riportato inizialmente lunedì.

Maxar ha detto che altre forze di terra e unità di elicotteri terra-aria sono state viste nel sud della Bielorussia, meno di 32 km a nord del confine con l’Ucraina.

La colonna contiene centinaia di veicoli corazzati, carri armati, artiglieria e veicoli di supporto logistico, riferisce Reuters.

Diverse esplosioni sono state sentite durante la notte nelle città di tutto il paese.

AGGIORNAMENTO, 1 MARZO, 01:00 Le immagini satellitari mostrano un enorme convoglio di veicoli militari russi, stimato in 27 chilometri di lunghezza, che avanza verso Kiev, riferisce Reuters.

Le immagini satellitari scattate lunedì hanno mostrato le forze di terra russe che continuano ad avvicinarsi alla capitale ucraina. Secondo Maxar Technologies il convoglio, formato al bordo orientale dell’aeroporto Antonov, conteneva centinaia di veicoli corazzati, carri armati, artiglieria trainata e veicoli di supporto logistico e si stava muovendo a sud verso Kiev.

Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha criticato i piani dell’UE di fornire armi all’Ucraina in una dichiarazione di lunedì, aggiungendo che la Russia continuerà a perseguire i suoi interessi nazionali nonostante le sanzioni internazionali.

Biden, “conferenza telefonica sicura” con gli alleati

AGGIORNAMENTO 1 MARZO, 00:40 Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha tenuto una conference call “sicura” con i leader occidentali lunedì sulla guerra in Ucraina e sul mantenimento della stabilità economica globale. Secondo un comunicato stampa della Casa Bianca, gli alleati hanno accettato di fornire assistenza all’Ucraina e di imporre “costi severi” alla Russia. Gli alleati hanno concordato di fare ogni sforzo per mantenere la stabilità economica globale, compresi i prezzi dell’energia.

Dopo la telefonata, Biden ha twittato: “Oggi ho parlato con gli alleati e i nostri partner della guerra non provocata della Russia in Ucraina. Continuiamo ad offrire sostegno al popolo ucraino mentre difende il suo paese. Siamo pronti a continuare a imporre costi molto alti alla Russia se non de-escalation la situazione”.

Zelenski, un nuovo messaggio all’Ucraina: il male armato di missili deve essere fermato immediatamente

AGGIORNAMENTO 1 MARZO, 00:37 Il presidente Volodimir Zelenski ha chiesto in un discorso di lunedì sera che la Russia sia rimossa dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite: “Il male, armato di missili, bombe e artiglieria, deve essere fermato immediatamente. Distrutto economicamente. Per dimostrare che l’umanità è capace di difendersi. Stanno uccidendo persone a Chernihiv, Mariupol, Donetsk”, ha detto.

“Uno stato che commette crimini contro i civili non può essere membro del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Per un tale stato, l’ingresso in tutti i porti, canali e aeroporti del mondo deve essere bloccato”, ha aggiunto il presidente ucraino.

Le forze russe vicino alla più grande centrale nucleare dell’Ucraina

AGGIORNAMENTO 28 FEBBRAIO, ORE 23.35 Le forze armate russe sono vicine alla più grande centrale nucleare dell’Ucraina, ha detto lunedì l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, ribadendo la sua “profonda preoccupazione” al riguardo.

Per il momento, i sei reattori dell’impianto di Zaporozhyey/Zaporizhzhia (est) sono “sicuri”, secondo i dati ricevuti dall’AIEA, che è regolarmente informata degli sviluppi sul campo dalle autorità ucraine. Le truppe russe stanno “operando nelle vicinanze dell’impianto” ma non ne hanno ancora preso il controllo, dice l’AIEA.

La Norvegia dona 2.000 armi anticarro all’Ucraina

AGGIORNAMENTO 28 FEBBRAIO, 23.31 Il governo norvegese invierà armi anticarro all’Ucraina. La decisione ribalta una politica norvegese in vigore dal 1950 di non inviare armi a paesi non-NATO che sono in guerra o a rischio di conflitto armato, riporta Reuters.

Gli Stati Uniti espellono 12 diplomatici russi dalle Nazioni Unite

AGGIORNAMENTO 28 FEBBRAIO, ORE 23.18. L’espulsione degli Stati Uniti di 12 diplomatici russi dalla loro missione all’ONU è legata ad “attività che non sono coerenti” con il loro status, ha detto lunedì l’ambasciatore americano all’ONU, Richard Mills.

La Corte penale internazionale apre un’indagine su possibili crimini di guerra in Ucraina

AGGIORNAMENTO 28 FEBBRAIO, ORE 23:18. La Corte Penale Internazionale dell’Aia, Paesi Bassi, aprirà un’indagine sull’invasione della Russia in Ucraina il “più velocemente possibile”, ha detto lunedì il procuratore Karim Khan, secondo la CNN.

Dopo un esame preliminare della situazione, Khan ha confermato che c’è una base ragionevole “per credere che entrambi i presunti crimini di guerra e i crimini contro l’umanità siano stati commessi in Ucraina”.

Otto presidenti dell’UE chiedono che l’Ucraina diventi un paese candidato “immediatamente”.

AGGIORNAMENTO 28 FEBBRAIO, ORE 23.07 I presidenti di otto paesi dell’Unione Europea hanno chiesto lunedì che all’Ucraina venga concesso immediatamente lo status di paese candidato e che vengano aperti i negoziati per la sua adesione al blocco europeo, secondo una lettera aperta citata da Reuters. L’annuncio arriva dopo che il presidente Zelenski ha formalmente richiesto l’adesione del suo paese all’UE attraverso una procedura di emergenza nel contesto della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina.

 

 

Previous articleSesto giorno di guerra in Ucraina. Un’enorme colonna di 64 chilometri di veicoli militari russi si dirige verso Kiev
Next articleLa vergogna di essere russo: niente soldi, niente calcio, niente donne. Come Putin è riuscito a trasformare la Russia nel paese più odiato del mondo