Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
AttualitàDal mondo

LIVE UPDATE | Guerra in Ucraina. Le forze russe vicino alla più grande centrale nucleare dell’Ucraina

È il quinto giorno di guerra nella vicina Ucraina e il primo giorno di negoziati a coltello tra le delegazioni di entrambe le parti.

Filmati in diretta dalle telecamere di sorveglianza di Kiev

Nelle ultime ore la città di Kharkov è stata bombardata senza alcuna pietà dall’artiglieria russa. I colpi sono caduti dappertutto, facendo a pezzi persone assolutamente innocenti. I funzionari di Kiev parlano di decine di morti e centinaia di feriti.

Il presidente ucraino Volodimir Zelenski ha comunicato lunedì di aver firmato una domanda formale per l’adesione dell’Ucraina all’Unione europea. Secondo la Reuters, Zelenski ha chiesto all’Unione europea di permettere all’Ucraina di ottenere immediatamente l’adesione con una procedura speciale mentre si difende dall’invasione delle forze russe.

Lunedì sera, un enorme trasporto militare russo si stava dirigendo verso Kiev. È comprensibile, quindi, perché l’esodo dei civili stia assumendo proporzioni schiaccianti. Più di mezzo milione di ucraini hanno lasciato le loro case, portando il loro destino nelle loro mani.

Dopo una mattinata sospettosamente calma, verso mezzogiorno si è scatenato l’inferno a Kharkov, la seconda città più grande dell’Ucraina.

Kharkov è stata l’obiettivo di serie di bombardamenti successivi. Proiettili e razzi hanno colpito le strade e gli isolati della città. Le conchiglie hanno lasciato dei corpi strappati sull’asfalto. C’erano persone uccise con delle taniche in mano, forse erano uscite a prendere l’acqua, o venivano dalla spesa.

Secondo il comandante delle forze armate ucraine, le sue truppe sono riuscite a respingere diversi attacchi russi nelle vicinanze della capitale. A Bucha, un sobborgo di Kiev, una colonna meccanizzata russa ha subito pesanti perdite.

Come le armi anticarro portatili, i droni consegnati dalla Turchia sono un’arma formidabile per l’esercito ucraino. Dopo aver distrutto un convoglio militare, un drone ha anche fatto esplodere un sistema missilistico antiaereo BUK.

I satelliti hanno rilevato un enorme convoglio di veicoli militari che si avvicina sempre più a Kiev. Colonne di carri armati, carri armati, cannoni semoventi e veicoli logistici si estendevano per più di cinque chilometri.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.