La paura di Vladimir Putin è diventata realtà: la Russia è diventata un paese “circondato” da severe sanzioni economiche e ora è uno stato quasi isolato e odiato sulla scena internazionale dopo la brutale invasione dell’Ucraina. L’Unione Europea ha annunciato i piani per iniziare a fornire armi all’Ucraina – una prima volta nella storia dell’Unione. Un’altra decisione storica è arrivata lunedì dalla Svizzera, che ha deciso di congelare i soldi dei russi coinvolti nell’invasione dell’Ucraina. Inoltre, il ritiro della Federazione Russa dal sistema di pagamenti bancari SWIFT è un vero e proprio “attacco nucleare finanziario” contro la Banca Centrale di Mosca, secondo l’ex vice direttore della banca nazionale russa.

“La guerra è iniziata, ma i soldi sono finiti prima che la guerra finisse”, ha detto Sergei Alekashenko, ex capo della Banca Centrale di Mosca.

La Russia si affida al sistema SWIFT per le esportazioni di petrolio e gas. Rimuovere Mosca dal sistema impedisce alle banche di fare affari all’estero e blocca le esportazioni e le importazioni russe, secondo il capo della Commissione Europea Ursula von der Leyen.

Gli Stati Uniti e l’UE, insieme al Regno Unito e al Canada, imporranno anche delle restrizioni per impedire alla Banca Centrale Russa – stimata in 630 miliardi di dollari – di utilizzare le sue riserve internazionali per mitigare l’impatto delle sanzioni.

In pratica, gran parte delle riserve della Banca Centrale di Mosca – quelle in valuta estera (dollari, euro, ecc.) – non sono attualmente disponibili. Il capo della diplomazia europea Josep Borrell ha detto domenica che non tutte le riserve della Banca Centrale Russa possono essere congelate, perché non tutte sono in paesi occidentali e l’UE non può, per esempio, bloccare le riserve in Cina.

Le conseguenze: le esportazioni russe di beni come petrolio, metalli e grano saranno colpite duramente dalle sanzioni occidentali, dice un’analisi di Reuters.

La Svizzera è neutrale e si allinea alle sanzioni. La Turchia chiude il Mar Nero. Code ai bancomat in Russia

Mentre gran parte della riserva di 630 miliardi di dollari è congelata, la banca nazionale russa ha ancora circa 130 miliardi di dollari in riserve d’oro.

“A chi potremmo vendere l’oro?” chiese Alekashenko.

Alla Svizzera, per esempio, uno stato neutrale riconosciuto come il principale centro commerciale e finanziario del mondo. Tranne che l’oro russo è fisicamente impossibile da “portare” qui, perché l’UE ha chiuso tutto lo spazio aereo alla Russia, compresi i voli privati usati dagli oligarchi di Mosca. E la Svizzera è praticamente un'”enclave” all’interno dell’UE, senza alcun modo per arrivare qui in aereo se non attraverso lo spazio aereo dell’UE.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha cancellato il suo viaggio alla sede delle Nazioni Unite a Ginevra lunedì perché il suo aereo non era autorizzato a sorvolare lo spazio aereo che l’UE ha chiuso all’aviazione russa.

Ma non è tutto: La Svizzera ha annunciato che seguirà l’esempio dell’Unione Europea e adotterà sanzioni contro i russi coinvolti nell’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito di Vladimir Putin.

La banca centrale della Russia ha fatto appello alla calma, temendo che la gente possa correre a ritirare i propri soldi dalle banche. Infatti, diverse città russe hanno visto enormi code ai bancomat.

Il rublo russo è sceso del 30% contro il dollaro USA dopo che i paesi occidentali. Il nuovo minimo storico per la valuta russa è stato registrato dopo l’esclusione delle banche russe dal sistema di pagamenti internazionali SWIFT.

Ultimo ma non meno importante, la Turchia ha annunciato che attuerà la Convenzione di Montreux, un patto internazionale sul traffico navale nel Mar Nero che permette ad Ankara, a certe condizioni, di limitare l’accesso delle navi da guerra attraverso gli stretti del Bosforo e dei Dardanelli. Che potrebbero essere navi militari russe, in questo caso. Lunedì sera, Ankara ha annunciato che le navi da guerra non possono più passare attraverso lo stretto.

Arme pentru Ucraina, sancțiuni pentru Rusia

Comisia Europeană va propune statelor membre să folosească linia de finanţare de urgenţă a UE pentru a furniza forţelor ucrainene „arme letale, carburant, echipamente de protecţie şi articole medicale”. Decizia, anunțată luni, în a cincea zi de la începutul invaziei trupelor ruse în Ucraina, a pus, în esență, capăt „tabuului potrivit căruia Uniunea Europeană nu furnizează arme beligeranţilor”, după cum a spus șeful diplomaţiei europene, Josep Borrell.

„Pentru prima dată, UE va finanța achiziția și livrarea de arme și echipamente către o țară atacată”, a adăugat președinta Comisiei Europene, Ursula von der Leyen, care a precizat că decizia marchează „un moment de cotitură”.

În plus, UE a anunțat impunerea de sancțiuni „pe persoană fizică” în cazul președintelui rus Vladimir Putin și a ministrului său de externe, Serghei Lavrov.

Izolarea internațională a lui Putin este fără precedent. State europene care, până acum, aveau cel puțin o poziție ambiguă sau favorabilă față de Rusia, precum Germania sau Ungaria, s-au alăturat UE în privința adoptării de sancțiuni dure. De aemenea, acordul Ciprului în cazul decuplării băncilor rusești de la sistemul SWIFT, a fost și el important, această țară fiind o destinație importantă pentru investitorii ruși.

La rabbia dell’Irlanda, il messaggio della Cina, le sanzioni del Giappone

Il ministro degli esteri irlandese ha respinto i commenti del capo della diplomazia di Mosca, che ha cercato di giustificare l’invasione russa dell’Ucraina paragonando la minoranza russofona del paese alla storia coloniale dell’Irlanda sotto l’impero britannico.

Sergei Lavrov ha detto a una conferenza stampa venerdì: “Come si sentirebbe la Gran Bretagna se l’Irlanda vietasse l’uso dell’inglese?

I suoi commenti hanno provocato una risposta arrabbiata del ministro degli esteri irlandese Simon Coveney.

Anche la Cina, un importante partner economico di Mosca, ha invitato alla calma dopo la decisione di Putin di mettere in allerta le forze nucleari.

Anche il Giappone ha sanzionato la Russia. In primo luogo, vietando l’emissione di obbligazioni emesse dalla Russia in Giappone e congelando i conti di alcuni russi e limitando i viaggi in Giappone. Poi è arrivato il secondo round di sanzioni: misure che hanno preso di mira il settore finanziario e le esportazioni di componenti elettronici.

Inoltre, il Giappone ha anche annunciato che sta negoziando con l’Unione Europea per reindirizzare più delle sue importazioni di gas naturale liquefatto (LNG) verso l’Europa, se la Russia dovesse limitare le esportazioni di gas,

Niente Pornhub, niente Eurovision, niente finale di Champions League a San Pietroburgo

Il sito web per adulti Pornhub ha deciso di bloccare l’accesso agli utenti russi. Chi accede al sito da un indirizzo IP russo vedrà immagini della bandiera ucraina invece di contenuti porno.

I siti web di diverse pubblicazioni russe sono stati attaccati domenica dagli hacker, che hanno lasciato un messaggio per i cittadini russi:

“Vi esortiamo a fermare questa follia, non mandate i vostri figli e le vostre mogli a morte certa”.

Il messaggio è apparso contemporaneamente sulle pagine di TASS, Kommersant, Izvestia, Fontanka e altre pubblicazioni russe.

Il messaggio è apparso contemporaneamente su TASS, Kommersant, Izvestia, Fontanka e altre pubblicazioni russe.

La Russia è stata anche bandita dall’Eurovision Song Contest: gli organizzatori del concorso hanno annunciato venerdì che alla Russia non sarà permesso di competere.

Sputnik e Russia Today, pubblicazioni vicine al regime del Cremlino, sono state vietate anche nell’Unione Europea. L’annuncio è stato fatto dal presidente della Commissione Europea Ursula von de Leyen.

Anche la Romania si è conformata: Russia Today non sarà più trasmesso in Romania e il sito web di propaganda russa Sputnik sarà bloccato, il governo rumeno ha annunciato lunedì.

I russi saranno anche senza calcio, o almeno la gioia di ospitare la finale di Champions League. Il secondo giorno dopo l’invasione della Russia in Ucraina, l’organo calcistico europeo UEFA ha deciso che la città russa di San Pietroburgo non ospiterà più la finale di Champions League. La finale, prevista per il 28 maggio, si giocherà invece a Parigi nell’arena dello Stade de France a Saint-Denis.

Lunedì, diverse federazioni calcistiche europee hanno annunciato che non giocheranno nessuna partita con la Russia nelle circostanze attuali. Galles, Scozia, Irlanda, Danimarca, Norvegia, Svizzera e Albania hanno seguito l’esempio di Inghilterra, Repubblica Ceca, Svezia e Polonia rifiutandosi di incontrare la Russia in qualsiasi competizione calcistica. Poco dopo, la FIFA e la UEFA hanno deciso di sospendere le squadre nazionali e i club della Russia dalla partecipazione a tutte le competizioni.

Previous articleSesto giorno di guerra in Ucraina. Un’enorme colonna di 64 chilometri di veicoli militari russi si dirige verso Kiev
Next articleParassiti dei cani: quali malattie possono provocare