Chiunque stia ristrutturando una casa o un appartamento, o costruendo una nuova casa, ha fatto investimenti che spesso non si vedono, ma che si sentono nel portafoglio. L’installazione della pavimentazione è uno dei primi passi che renderanno il sogno di vivere in una casa, realtà. Il pavimento è uno degli elementi più importanti dell’interno. La sua scelta influenzerà notevolmente la percezione e l’uso dello spazio.

Riscaldamento a pavimento – sì o no?

Raccomandiamo l’uso di materiali che distribuiscono bene il calore – per esempio piastrelle di ceramica e di pietra, pavimenti versati… Anche i pavimenti in linoleum, vinile e PVC possono essere raccomandati. L’efficienza del riscaldamento è incomparabile con i materiali che sono intrinsecamente isolanti. L’eccezione tra gli isolanti è il sughero, che funziona molto bene con il riscaldamento a pavimento nello spessore richiesto per i pavimenti. Con i pavimenti in legno in particolare, fate attenzione che reagiscono visibilmente ai cambiamenti di umidità. Se parte dello spazio è riscaldato a pavimento e parte no, la differenza si noterà sul rivestimento in legno. Si può aggiungere alla ridotta efficienza del riscaldamento il rischio di giunti antiestetici. È opinione diffusa che i legni esotici diffondano bene il calore a causa delle resine presenti e della loro maggiore densità di massa e non reagiscono così tanto ai cambiamenti di umidità. Specialmente per il riscaldamento a pavimento, sono usati in strati più sottili per diminuire ulteriormente il loro effetto isolante. L’utilizzo di uno strato di legno più sottile priva l’utente della frequenza di una possibile riaffilatura. Tuttavia, i pavimenti in legno sono utilizzati per il riscaldamento a pavimento, specialmente a più strati. Secondo gli esperti, è accettabile anche il parquet con uno spessore fino a 1 cm. Si possono usare anche pavimenti in laminato di alta qualità con giunti stretti.

Come verrà caricato il pavimento

Se avete bambini o animali domestici, vi consigliamo di usare almeno in parte un pavimento caldo e morbido al tatto (come legno, sughero, bambù o linoleum naturale). Vale la pena di considerare una maggiore usura meccanica e la necessità di una rifinitura occasionale, quindi i pavimenti in legno massiccio saranno migliori di quelli a più strati, e il legno a più strati sarà migliore del laminato, che si può a malapena riparare. Sia con i pavimenti in sughero che con quelli in linoleum, le singole piastrelle possono essere cambiate e il sughero può anche essere levigato. I pavimenti in PVC e vinile sono relativamente durevoli e facili da pulire.

Considerazioni sulla salute

Dal punto di vista della salute, i materiali naturali solidi trattati con olio o cera e minimizzando l’uso di qualsiasi materiale artificiale sono generalmente i più adatti. I tappeti non sono adatti alle persone che soffrono di allergie o di asma perché creano un ambiente polveroso adatto agli acari della polvere. I pavimenti artificiali (laminato, vinile e PVC) sono anche raccomandati per la facilità di manutenzione. Il gonfiore dei piedi non migliorerà con il riscaldamento a pavimento, ma non dovrebbe peggiorare se la temperatura del riscaldamento non è superiore ai normali 28 °C. La suscettibilità al freddo dovrebbe essere considerata soprattutto per i “pavimenti freddi” come le piastrelle di ceramica o di pietra se i membri della famiglia camminano a piedi nudi.

Disponibilità a pulire

Qui, fate attenzione ai pavimenti in tinta unita o nettamente chiari o scuri, dove qualsiasi sporco è immediatamente visibile. Anche i pavimenti naturali richiedono un trattamento occasionale. Il pavimento in sughero trattato ad olio è considerato uno dei più ad alta manutenzione. Tuttavia, se lo spazio è poco trafficato, non c’è motivo di non usarlo.

Approccio all’invecchiamento

Dovreste mantenere il pavimento come nuovo e sostituirlo quando si consuma, o preferite levigarlo e rifinirlo quando ci sono più di un numero tollerabile di graffi? Scegliere il materiale della pavimentazione anche in base alla sua resistenza ai danni meccanici. Per esempio, i pavimenti in vinile sono tra i più durevoli, mentre i materiali naturali tendono ad essere più suscettibili ad un’usura più rapida.

Considerazioni ecologiche

Se vi interessa sapere dove e in quali condizioni il vostro pavimento è prodotto, come il materiale è ottenuto o qual è l’impronta ecologica, allora chiedete i certificati di origine e di sicurezza al produttore/venditore. Diffidate particolarmente dei pavimenti fatti con legni esotici e materiali artificiali.

Rumore e propagazione del calore

La cosiddetta insonorizzazione – questo punto è essenziale per la vostra tranquillità e le buone relazioni con l’ambiente circostante.

Il pavimento isola (un pavimento clamorosamente caldo) o dissipa, diffonde e accumula bene il calore (un pavimento clamorosamente freddo, buono per il riscaldamento a pavimento)?

L’umidità dell’ambiente per il quale state scegliendo la pavimentazione

La domanda riguarda principalmente i bagni e le cucine. Le piastrelle di ceramica sono classiche, ma chi non le ama o non ama pulire le fughe può usare anidrite, marmoleum, pavimenti in vinile o PVC. Per le aree ben ventilate dove il pavimento è umido solo brevemente, si possono usare pavimenti in sughero, bambù o legno. Il legno deve essere trattato per l’uso in aree umide e idealmente dovrebbero essere usati legni resistenti all’umidità come il teak o l’acacia. Tuttavia, i pavimenti in legno per il bagno significano sempre un maggiore investimento finanziario e maggiori esigenze di manutenzione.

Disponibilità a investire nel pavimento

Le soluzioni economiche e veloci a breve termine sono spesso più costose a lungo termine. Con un budget basso, una solida alternativa è quella di cercare vecchi pavimenti in parquet. L’investimento di tempo per rifinirli e oliarli è ancora di solito meglio che comprare un pavimento laminato economico con imitazione del legno.

Considerazioni estetiche

La pavimentazione è importante perché riflette il vostro stile di vita. Non abbiate paura del colore e dei formati insoliti dei pavimenti. Incorporare tutto in un insieme vibrante. Le imitazioni artificiali dei materiali naturali sono sempre più diffuse. Ma anche se le imitazioni hanno sempre più successo, sono ancora un’illusione. Riconoscere il carattere del materiale è senza tempo e giustificato. L’uso di pavimenti artificiali non è riprovevole, per cui è necessario mascherarli con una decorazione naturale.

 

Previous articleDivise da lavoro: perché sono importanti per le tue strategie di branding
Next articleFrasi e Immagini Buongiorno, Buon Carnevale e Benvenuto Marzo 2022