Chi è Aleksandr Lukashenko, il leader della Bielorussia? Putin, Ucraina

Chi è Aleksandr Lukashenko, il leader della Bielorussia? Lukashenko potrebbe trarre beneficio politico e finanziario schierandosi con Putin, ma gli osservatori avvertono che la sua amicizia potrebbe ritorcersi contro.

“L’attuazione degli accordi di Minsk” è la frase che si sente abbastanza spesso in questi giorni in cui politici ed esperti discutono dello scontro a spirale tra Russia e Ucraina.

Minsk I e II sono due serie di accordi di pace stipulati tra Mosca e Kiev nell’omonima capitale della vicina Bielorussia nel 2014 e nel 2015.

Ma la nazione boscosa di 10 milioni di persone, la Bielorussia –che sembra a molti estranei come una mini-URSS conservata nell’ombra – è molto più di un semplice luogo adatto per i vertici Russia-Ucraina.

Il suo presidente autoritario, Alexander Lukashenko, ha avuto una mano nei giochi politici tra Mosca, il suo principale sostenitore e sponsor, e Kiev, per anni – raccogliendo enormi guadagni politici ed economici.

Martedì, un giorno dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha riconosciuto le province ucraine separatiste di Donetsk e Luhansk come stati indipendenti, Lukashenko ha esortato gli ucraini a “fermare” il loro confronto con la Russia e ad abbandonare i loro “padroni” statunitensi.

“Fermati! Allontana questi maestri dall’oceano. Non ti porteranno alcuna felicità. Non appena non potranno più usarti, ti scaricheranno nella discarica della storia”, ha detto il baffuto 67enne Lukashenko, vestito con un’uniforme militare, mentre si rivolgeva ai vertici bielorussi.

Sabato, Lukashenko si è seduto accanto a Putin osservando esercitazioni militari e lanci di missili balistici e da crociera dagli schermi giganti nel quartier generale del Ministero della Difesa russo a Mosca.

lukashenko	 alexander lukashenko	 bielorussia dittatura	 dittatura bielorussia	 bielorussia lukashenko	 chi è lukashenko	 news lukashenko

Chi è Aleksandr Lukashenko, il leader della Bielorussia?

E domenica, circa 30.000 soldati russi hanno “esteso” le loro esercitazioni con i militari bielorussi che sono iniziate nel sud della Bielorussia, il 10 febbraio vicino al confine ucraino.

Le truppe si trovano vicino alla zona di esclusione di Chernobyl, scarsamente sorvegliata dell’Ucraina, un’area di 2.600 chilometri quadrati (1.000 miglia quadrate) contaminata dal disastro nucleare del 1986.

E a soli 100 km (62 miglia) a sud della zona si trova Kiev, la capitale dell’Ucraina e sede di due milioni di persone.

Ma cosa ci guadagna Lukashenko da tutto questo?

“Questa è una questione di soldi. Quando parla dei pericoli [della guerra], può sempre negoziare alcuni fondi per l’aggiornamento dell’esercito o semplicemente per il sostegno finanziario”, ha detto Ihar Tyshkevich, un esperto bielorusso con sede a Kiev.

E c’è anche la questione di rimanere al potere.

Aleksandr Lukashenko “l’ultimo dittatore d’Europa”

Alla fine degli anni 1990, Lukashenko, un uomo forte iperattivo già soprannominato “l’ultimo dittatore d’Europa”, e il presidente russo Boris Eltsin, hanno accettato di creare uno Stato dell’Unione – una fusione di Russia e Bielorussia.

Lukashenko sperava di sostituire il malato e alcolizzato Eltsin, ma quest’ultimo scelse Putin.

Lukashenko ha bloccato la fusione, ma l’ha usata per più di 20 anni per mungere il Cremlino con prestiti multimiliardari, preferenze commerciali e vantaggi per centinaia di migliaia di lavoratori migranti bielorussi che lavorano in Russia.

Ha anche usato il litigio dell’Ucraina con la Russia come un modo per riempire le sue casse.

Infatti, dopo le proteste di Maidan del 2014 che hanno rovesciato il presidente ucraino filo-russo Viktor Yanukovych, Kiev ha limitato il commercio con Mosca – e la Bielorussia ha iniziato a riconfezionare e rivendere merci ucraine e russe a entrambe le parti.

Previous articleAmici chi è stato eliminato? Amici 21 Serale: data, allievi a rischio
Next articleFrasi e immagini Buongiorno e Buon Venerdì: le più belle del 25 febbraio 2022