Trading con piccole somme, guadagni 1000 euro in due giorni, ecco come

Vuoi mantenere il rischio piccolo ma avere grandi rendimenti? Fare trading con piccole somme e guadagnare 1000 euro in due giorni?
Una delle affermazioni più ingannevoli nel trading è “Devi rischiare di più per fare di più” o “Rischi molto per fare molto”. Semplicemente non è così. Al contrario, i trader dovrebbero cercare di rischiare meno su ogni operazione al fine di ottenere rendimenti più elevati.
Ecco come farlo e perché.

Trading con piccole somme, guadagni alti

Le parole-chiava che devi rammentare sono:

  • Rischiare piccole quantità su ogni operazione, come l’1% del saldo del conto, ha maggiori probabilità di produrre grandi rendimenti nel lungo periodo piuttosto che rischiare il 20% del conto.
  • Una volta deciso quanto puoi rischiare, devi determinare il tuo punto di ingresso, stop-loss e obiettivo di profitto.
  • Idealmente, prendi le negoziazioni in cui il rischio / rendimento è inferiore a 0,5, ma più piccolo diventa il rapporto, assicurati che l’obiettivo di profitto sia ancora probabile che venga raggiunto.
  • Pensa in piccolo: limita il rischio del tuo account e il rischio commerciale, quindi imposta obiettivi ragionevoli che potrebbero essere raggiunti.
  • Mantenere piccolo il rischio di trading

Quando si tratta di rischio di trading, la maggior parte delle persone fa tutto sbagliato. Rischiare piccole quantità su ogni operazione, come l’1% del saldo del conto, ha maggiori probabilità di produrre grandi rendimenti nel lungo periodo piuttosto che rischiare il 20% del conto.

Il motivo è che non importa quanto sia bravo un trader, le operazioni in perdita accadono, a volte diverse di fila. Maggiore è il rischio su ogni operazione, maggiore è il tuo “rischio di rovina”, che è la possibilità che tu possa perdere tutto.

Rischiando l’1% del saldo del tuo conto per operazione, il rischio di rovinarti è molto basso.

Il modo in cui usi l’1% è la chiave, però. Se hai un account da €10.000, rischiare l’1% non significa acquistare azioni (o altre attività) per un valore di €100 e lasciarlo guidare. Invece, prendi l’1% e lo combini con un obiettivo di stop-loss e profitto per massimizzare l’efficienza del tuo capitale distribuito.

Trading con piccole somme trading guadagni 1000 euro Trading con piccole somme trading guadagni 1000 euro trading online trading trading binario trading on-line trading opzioni binarie trading on line trading in bitcoin borsa on line trader trading significato fare trading fare trader cos'è il trading come fare trading trader online trading cos'è online trading trade online we trading cos'è il trading online piattaforme trading investi online trading online piattaforma trading traduzione investimenti online capire la borsa migliore piattaforma trading fare trading online piattaforme trading online trading online cos'è trading finanziario trader significato piattaforma trading la casa del trader

Rapporti rischio/rendimento e tasso di vincita

Sai quanto del tuo account puoi rischiare, ma ora devi determinare come verrà utilizzato quel capitale. Per fare ciò, è necessario determinare il punto di ingresso, lo stop-loss e l’obiettivo di profitto.

Ad esempio, il titolo ZXYZ è scambiato a € 17,15. Vuoi venderlo allo scoperto a € 17,11 e hai un account da € 10.000.
Rischiando l’1% del tuo account, puoi permetterti di perdere € 100. Guardando il grafico azionario, decidi di piazzare uno stop-loss a € 17,22 per il tuo day trade. Stai rischiando solo € 0,11 per azione, ma ti è permesso rischiare € 100, quindi dividi € 100 per il rischio per azione (€ 0,11) e ottieni 909.
Così saprai quante azioni puoi cedere allo scoperto (dimensione della posizione). Arrotondalo comunque a 900€ .

Anche così si determina che € 16.70 è un buon obiettivo di profitto. In base al tuo punto di ingresso, questo ti dà un potenziale profitto di € 0,41. Il rapporto rischio/rendimento è di € 0,11 diviso per € 0,41, per 0,27.
Il tuo rischio è solo circa 1/4 del tuo potenziale profitto. Limitando sia il rischio per il tuo account, sia il rischio sul tuo trade con uno stop-loss, non è probabile che tu perda più dell’1% (lo slippage potrebbe aumentare leggermente la perdita), ma se vinci il tuo trade, otterrai un profitto vicino al 4% sul saldo del tuo conto (perché hai rischiato l’1% e il tuo potenziale profitto è vicino a quattro volte il tuo rischio).

Il 4% sul conto azionario è un grande guadagno per un’operazione. Alcune operazioni vincenti si traducono in un guadagno che la maggior parte degli investitori realizza nel corso di un anno, ma il nostro rischio è ancora molto basso e calcolato.

Il rischio di rovina è vicino allo zero, eppure possiamo ottenere enormi guadagni mantenendo il rischio piccolo.

Il rischio/ rendimento non è l’unico fattore che dobbiamo considerare, però. Un ottimo rapporto rischio/rendimento è inutile se l’obiettivo di profitto non ha quasi alcuna possibilità di essere raggiunto. È qui che la maggior parte dei trader sbaglia. Imparano a conoscere i rapporti rischio/rendimento e pensano che un rapporto 0,1 sia migliore di un rapporto 0,5 o 0,75. Questo non è necessariamente vero. È necessario impostare lo stop-loss e l’obiettivo per ogni operazione in base a ciò che è ragionevole (azione recente dei prezzi), non a ciò che si desidera che accada.

Idealmente, prendi le negoziazioni in cui il rischio / rendimento è inferiore a 0,5, ma più piccolo diventa il rapporto, assicurati che l’obiettivo di profitto sia ancora probabile che venga raggiunto. Un obiettivo di profitto stravagante che non viene mai raggiunto è inutile e significa solo che sei fermato (cioè perdi) sulle tue operazioni più spesso.

Praticare le tue strategie in un conto demo per diversi mesi ti darà una buona idea di quale tipo di tasso di vincita (probabilità di un trade di successo) e rapporti rischio / rendimento funzionano bene per ciò che stai negoziando.

x
Previous articleOppenheimer di Christopher Nolan: data di uscita, cast, trama del film
Next articleCar Thing, il dispositivo di Spotify per le auto: quando esce? Dettagli e utilizzo