I cercatori credono che le luci extraterrestri includano minerali che non si trovano nel sistema solare.

Sono piccoli, semplici e lontani, il che significa che non abbiamo molte informazioni sui materiali di cui sono fatti. Questo è particolarmente vero per gli esopianeti rocciosi come Terra, Venere e Marte, le cui superfici non possiamo più vedere, secondo Science Alert.

Tuttavia, c’è un metodo con cui possiamo ottenere una luminescenza sporadica – e questo suggerisce che alcuni dei minerali utilizzati per creare la luminescenza extraterrestre non sono compatibili con nessuno dei minerali trovati nel sistema solare.

Questi minerali sono così insoliti che gli scienziati hanno dovuto coniare nuovi termini per classificarli.

Le luci extraterrestri sono state studiate fin dall’inizio dei tempi, a partire dalla stele in cui sono apparse.

Il metodo consiste nell’analizzare le atmosfere delle stelle nane bianche, che possono diventare “inquinate” da minerali che provengono da pianeti e asteroidi che sono caduti nelle stelle. Lo studio di questi esopianeti distrutti è chiamato necroplanetologia.

“Le nane bianche inquinate rivelano più varietà planetaria nel nostro vicinato solare di quanto attualmente apprezzato, con diverse accrezioni planetarie e percorsi di differenziazione che non hanno una controparte diretta nel nostro sistema solare”, scrivono i ricercatori nel loro documento.

“Questi richiedono nuovi schemi di classificazione delle rocce”.

Quali indizi ti forniscono questi pianeti?

Piticele albe sunt quello che succede a una stea come Soarele quando raggiunge la fine del suo ciclo vitale, facendo collassare il nucleo in un oggetto ultra-denso che emette un forte calore rigenerativo. Durante questo periodo, il suo strato esterno si espande come una grande bula di fierbint che guarda nel suo sistema solare.

Sorprendentemente, gli esopianeti possono sopravvivere a questo processo – ma le loro orbite possono cambiare, diventando instabili, con conseguente scottatura (quando il campo gravitazionale della stele si scontra con l’esopianeta) e acreție (quando il materiale residuo dell’esopianeta viene moltiplicato per il numero di volte che viene moltiplicato per il numero di volte che viene moltiplicato per il numero di volte che si trova a riposo

Gli elementi dell’esopianeta vengono incorporati nella stea quando questo accade, cambiando la luce che emette. Quelli che studiano la scienza

Gli scienziati planetari possono poi analizzare questa luce, cercando elementi che normalmente non si troverebbero nell’atmosfera di una nana bianca, per scoprire di cosa erano fatti i corpi rocciosi. Questa è la scienza della necroplanetologia.

I ricercatori hanno trovato minerali simili alla Terra nelle stelle

Il geologo Keith Putirka della California State University e l’astronomo Siyi Xu del NOIRLab della National Science Foundation hanno condotto tali analisi su 23 nane bianche, tutte entro 650 anni luce dal Sole. Per ognuna di queste stelle, osservazioni precedenti hanno mostrato la presenza di elementi come calcio, silicio, magnesio e ferro.

Poiché le nane bianche sono così dense, elementi più pesanti come questi non dovrebbero essere presenti nell’atmosfera, ma attirati all’interno della stella, dove non sarebbero rilevabili. La loro presenza suggerisce un accumulo relativamente recente di materiale roccioso.

Purtika e Xu hanno analizzato l’abbondanza di questi elementi nell’atmosfera delle nane bianche per cercare di ricostruire la composizione minerale dei corpi genitori rocciosi. Quello che hanno trovato è stato sorprendente.

Gli scienziati hanno dovuto inventare nuovi nomi per le rocce di mondi alieni

“Mentre i mondi alieni che un tempo orbitavano intorno a nane bianche inquinate sembrano simili alla Terra, la maggior parte ha tipi di roccia esotici al nostro sistema solare”, dice Xu. “Non hanno una controparte diretta nel sistema solare”.

I ricercatori hanno ideato una serie di nuovi termini per classificare queste rocce e le loro composizioni esotiche, tra cui pirosseniti di quarzo, ortopirosseniti di quarzo, duniti periclasi, wehrliti periclasi e clinopirosseniti periclasi.

Queste rocce potrebbero dirci molto sui tipi di esopianeti da cui provengono e sulla loro evoluzione, dicono i ricercatori. E queste informazioni potrebbero anche avere implicazioni per valutare le condizioni di vita su questi esopianeti.

“Alcuni dei tipi di roccia che vediamo dai dati delle nane bianche scioglierebbero più acqua delle rocce sulla Terra e potrebbero influenzare lo sviluppo degli oceani”, dice Purtika.

Alcuni tipi di roccia potrebbero fondere a temperature molto più basse e produrre una crosta più spessa delle rocce terrestri e alcuni tipi di roccia potrebbero essere più deboli, il che potrebbe facilitare lo sviluppo delle placche tettoniche”.

Inoltre, imparare di più sulla composizione degli esopianeti rocciosi attraverso la necroplanetologia potrebbe aiutare a rispondere ad alcune domande esistenziali sul nostro posto nell’Universo. Per esempio, potremmo scoprire che mondi alieni simili alla Terra hanno più probabilità di formarsi in alcune regioni della galassia che in altre.

“Gli studi sugli esopianeti ci costringono anche ad affrontare domande ancora irrisolte sul perché la Terra sia così completamente diversa dai suoi vicini planetari immediati e se tali contrasti siano tipici o inevitabili”, spiegano i ricercatori.

Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications.

 

 

Previous articleChampagne Philipponnat prezzo, caratteristiche e recensioni
Next articleLa stagione 20 di Axie Infinity arriva con grandi speranze!