Il presidente di Square Enix, Yosuke Matsuda, ha speso gran parte di una lettera del 1 gennaio per spiegare quello che chiama ” gioco decentralizzato” , notando che ” spero che questo diventi una tendenza importante nel gioco in futuro” .

” Se ci riferiamo alla relazione a senso unico in cui i giocatori e i fornitori di giochi sono legati da giochi che sono prodotti finiti come ” gioco centralizzato ” per contrastarlo con il gioco decentralizzato, allora incorporare giochi decentralizzati nel nostro portafoglio oltre ai giochi centralizzati sarà un tema strategico importante per noi a partire dal 2022” , ha scritto, aggiungendo:

” Le tecnologie di base ed elementari per abilitare il gioco blockchain esistono già, e c’è stato un aumento della cultura sociale e dell’accettazione delle criptovalute negli ultimi anni. Monitoreremo da vicino i cambiamenti della società in questo spazio, ascoltando i molti gruppi di utenti che lo popolano, e intensificheremo i nostri sforzi per sviluppare un business di conseguenza, con l’obiettivo di emettere potenzialmente i nostri token in futuro.  ”

La lettera di Matsuda non era esattamente un’approvazione completa degli NFT, dato che a un certo punto ha scritto che   “stiamo vedendo esempi qua e là di scambi di beni digitali basati su NFT surriscaldati con toni un po’ speculativi, indipendentemente dal valore osservato del contenuto fornito.  ”

” Ovviamente non è una situazione ideale, ma mi aspetto che le transazioni di beni digitali alla fine si raddrizzeranno man mano che diventeranno più diffuse tra il grande pubblico, con il valore di ogni contenuto disponibile adattato al suo valore reale stimato, e spero che diventeranno familiari come le transazioni di beni fisici” “, ha continuato.

È ancora una dichiarazione notevole dalla azienda di videogiochi, meglio conosciuta per la sua lunga serie Final Fantasy. I resoconti della stampa videoludica di sabato mattina indicano che alcuni fan di Square Enix non sono contenti delle dichiarazioni, il che forse non sorprende visto il recente contraccolpo contro i produttori di videogiochi mainstream che si avventurano nelle acque NFT.

Il primo uso pubblico di NFT da parte di Square Enix è avvenuto la scorsa primavera, quando la società ha collaborato con una startup blockchain chiamata Double Jump Tokyo, come riportato da Kotaku. Anche questo annuncio sembrava sollevare preoccupazioni sulla direzione di Square Enix.

Nella sua lettera, Matsuda ha riconosciuto che gli NFT continueranno ad essere controversi per alcuni giocatori nella sua base di clienti.

” Sono consapevole che alcune persone che ” giocano per divertimento ” e che attualmente costituiscono la maggioranza dei giocatori hanno espresso riserve su queste nuove tendenze, e questo è comprensibile,”  ha scritto. ” Tuttavia, credo che ci sarà un certo numero di persone la cui motivazione è quella di ” giocare per contribuire “, il che significa aiutare a rendere il gioco più eccitante. “

Il segmento dei giochi blockchain ha attirato notevoli investimenti VC quest’anno, compreso il round di finanziamento da 750 milioni di dollari di Forte in novembre.

Previous articleFrasi e immagini Buongiorno e Buon Lunedì: le più belle del 3 gennaio 2022
Next articleAbiti che hanno attirato l’attenzione nel corso degli anni. Come apparivano le più grandi star sul tappeto rosso