Incrocio Manzoni prezzo, Maschio dei Cavalieri, caratteristiche, opinioni

Incrocio Manzoni è uno vino bianco italiano, il cui nome si capisce bene, ricorda quello del grande scrittore: ma quali sono le caratteristiche? L’enologia? E soprattutto qual è dello spumante Incrocio Manzoni prezzo?

Incrocio Manzoni   incrocio manzoni prezzo  incrocio manzoni  manzone vini  vino manzoni  manzoni vino  incrocio manzoni bianco  vino incrocio manzoni  incrocio manzoni vino  incrocio manzoni 6.0.13  incrocio manzoni rosso  colvendrà prezzo  maschio dei cavalieri incrocio manzoni 6.0 13  vino manzoni rosso

Esplorare le uve d’Italia potrebbe (e dovrebbe) essere un lavoro a tempo pieno. Si stima che 2.000 varietà di vino si trovino nei vigneti del nostro bel paese, anche se solo poche centinaia di queste sono utilizzate per la produzione di vino di qualità oggi.

Parliamo del Manzoni Bianco, un’uva di cui forse non avete sentito parlare ma che assolutamente dovreste conoscere. In vena di un vino bianco invernale corposo – proprio la cosa in cui tutti quei rossi ricchi pesano pesantemente sul palato – quest’uva potresti non trovarla in giro troppo spesso, i suoi vini bianchi saporiti e generosi sono quelli da raccogliere.

Sebbene il Manzoni Bianco non sia nato come gli altri vitigni autoctoni italiani, la maggior parte sono stati creati naturalmente in vigneti nel corso di centinaia o migliaia di anni, alcuni dei quali hanno lignaggi che risalgono a così lontano che non possiamo identificare completamente le loro origini, è ancora considerato un vitigno autoctono dell’Italia.

Incrocio Manzoni Storia

Il Manzoni bianco è il risultato di maggior successo di un progetto sperimentale di incrocio della vite.
Nel 1924, il professor Manzoni decise di incrociare vari vitigni presso la Scuola di Viticoltura ed Enologia di Conegliano, nel Veneto, al fine di creare nuove uve che avrebbero sostituito o completato le varietà esistenti coltivate nella regione locale del Piave.

I risultati di questi incroci, avvenuti fino al 1935, divennero ‘giustamente’ noti come Incrocio Manzoni, per l’idea di “attraversamenti manzoniani”.

Manzoni Bianco è stato creato nel 1930 incrociando Riesling e Pinot Bianco, e ha finito per essere uno dei pochi Incrocio Manzoni che è stato effettivamente piantato per essere distribuito commercialmente.

Tuttavia, le piantagioni sono relativamente scarse. Secondo l’Oxford Companion to Wine, a partire dal 2010 c’erano solo 943 acri di Manzoni Bianco piantati in Italia; comparativamente, c’erano quasi 25.000 acri di Pinot Grigio piantati nel paese nello stesso periodo.
Mentre il Manzoni Bianco si adatta bene a terreni e climi diversi, prospera in zone fresche, vigneti collinari e terreni profondi, proprio come i suoi genitori, più comunemente, l’uva si trova nelle regioni del Trentino-Alto Adige, Veneto e Friuli-Venezia Giulia.

Incrocio Manzoni prezzo

Incrocio Manzoni è uno spumante che ha un prezzo decisamente ragionevole e alla portata di tutti.

Ecco alcuni esempi:

Ducale Terre del Colleoni Doc - Incrocio Manzoni - Locatelli Caffi

Ducale Terre del Colleoni Doc – Incrocio Manzoni – Locatelli Caffi

Provenienza Lombardia
Produttore Locatelli Caffi
Vitigno Manzoni
7,2 €

 

Manzoni Bianco delle Dolomiti Igt - Zanotelli

Manzoni Bianco delle Dolomiti Igt – Zanotelli

Provenienza Trentino Alto Adige
Produttore Zanotelli
Vitigno Manzoni
13,36 €

 

Manzoni Magni Vitis Igt Cardine - Cantina La Salute

Manzoni Magni Vitis Igt Cardine – Cantina La Salute

Provenienza Veneto
Produttore Cantina La Salute
Vitigno Manzoni
6,89 €

 

Manzoni bianco theodor mas dei chini 2018 vigneti dolomiti igt
x
Previous articleLa Ruota del Tempo 2 su Amazon Prime Video: quando esce la seconda stagione? Cast, Attori
Next articlePif chi è? Vero nome, compagna, figlia, film, Le Iene