Grappa Nonino prezzo, caratteristiche, opinioni. Come si fa la grappa

La grappa è puro patrimonio italiano: è il risultato di un percorso alchemico in cui la buccia e la polpa dell’uva si trasformano, goccia a goccia, in grappa.
Solo una manciata di produttori ha imparato a padroneggiare grappe eccezionali, eloquenti e strabilianti.

Il processo utilizzato per realizzare questo incredibile prodotto è chiamato distillazione. Il prodotto utilizzato è la buccia d’uva fermentata rimasta dalla vinificazione.

Una delle più famose in commercio è la Grappa Nonino: vediamone prezzo e caratteristiche.

Grappa Nonino prezzo

La Grappa Nonino ha un prezzo che si aggira intorno alle 15,00 euro.

Dove si fa la grappa Nonino?
Fu Orazio Nonino nel 1897, a far nascere questo noto e omonimo distillato, dopo anni che lavorava con un alambicco montato su ruote, si fermò a Percoto, in Friuli Venezia Giulia, poco lontano da Udine, e qui diede vide alla storica grappa.

Come si fa la grappa?

Le uve vengono raccolte per il vino e inviate alla cantina per essere diraspate e pigiate. Vengono messi in grandi vasche dove inizia ad accadere la magia: la fermentazione! Il processo di fermentazione è quando i lieviti convertono lo zucchero naturale nell’uva in alcol.

Una volta terminato questo processo, il liquido e la parte solida prendono strade diverse: il vino continua a fare quello che deve fare per diventare quel nettare stupefacente che tutti amiamo.

Le uve pigiate rimaste, conosciute come vinaccia (o vinacce) intraprendono un altro percorso molto interessante e unico che li vedrà alla fine diventare grappa.

La vinaccia avanzata inviata alla distilleria deve essere molto fresca e può essere:

Fermentato, se proviene da uve rosse che hanno subito macerazione

-Non fermentato (vergine) se proviene dalla produzione di vino bianco. In questo caso, le vinacce devono essere fermentate perché la distillazione ha bisogno di alcol.

Esistono 2 diversi tipi di processi di distillazione:

Il ciclo discontinuo: utilizzato per realizzare un prodotto artigianale di buona qualità.

Il ciclo continuo: che viene utilizzato per la produzione industriale in serie di grappa.

Siamo interessati al ciclo discontinuo, che è la tecnica utilizzata per fare la Grappa Nonino!

rappa nonino  nonino  grappe nonino prezzi  nonino grappa  distilleria nonino  grappa nonino prezzi  grappa nonino barricata  distillerie nonino  grappa nonino riserva  grappe nonino  nonino grappa shop  grappe nonino da collezione  grappa nonino price  nonino riserva  nonino grappa prezzi  prezzo grappa nonino  distillerie grappa  nonino grappe  grappa nonino barricata prezzo

Le vinacce fermentate vengono poste in alambicchi di rame. Questo alambicco viene sigillato e poi riscaldato dal basso usando fuoco diretto, bagnomaria o vapore. In base ai loro diversi punti di ebollizione, le parti volatili delle vinacce si separano, estraendo l’alcol e le sostanze aromatiche.

I vapori vengono quindi raffreddati al loro stato liquido. La testa, la prima parte del liquido distillato, deve essere eliminata perché darebbe alla grappa un sapore terribilmente sgradevole, oltre al fatto che contiene alcol metilico tossico.
Tutte le sostanze buone, chiamate cuore, arrivano più tardi in quanto hanno un punto di evaporazione più basso. È qui che si annidano tutti i meravigliosi aromi.

Poi c’è la coda, che è un concentrato di sostanze grasse e oleose. Anche questo deve essere scartato in quanto rovinerebbe il prodotto finale.

C’è ancora un’altra procedura prima che il liquido distillato possa essere grappa bevibile. Dopo il processo di distillazione, la grappa da sarà tra il 65 e l’85% di alc/vol, decisamente un po’ troppo per definirla una bevanda piacevole!

Questo sarà ridotto aggiungendo acqua distillata o mineralizzata. La gradazione alcolica finale deve, per legge, oscillare tra i 37,5 e i 60% alc/vol e spetta al produttore decidere la gradazione in base allo stile di grappa che vuole produrre.

x