Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Salute e Benessere

Igiene personale e sport: come riconoscere i sintomi della tigna sull’uomo

Si dice spesso che una sana alimentazione associata all’attività sportiva aiuti non solo a mantenersi in forma ma anche in salute. Gli sport da praticare sono tanti, ma il nuoto è senza dubbio quello più completo e il più adatto a tutte le fasce di età. Basti pensare infatti che venga consigliato anche ai più piccoli. È pur vero, però, che se il nuoto viene praticato in piscina bisogna prestare maggiore attenzione all’ambiente per evitare le infezioni micotiche come la tigna. Gli ambienti umidi e caldi, infatti, sono proprio i preferiti dai batteri, che possono moltiplicarsi a dismisura. Ma come riconoscere i sintomi della tigna sull’uomo e come trattare questo tipo di infezione micotica?

I sintomi della tigna sull’uomo dalla testa ai piedi

La tigna sull’uomo può colpire diverse aree del corpo, dalla testa ai piedi. Generalmente i sintomi si manifestano dopo 4-14 giorni che si è entrati in contatto con l’agente micotico. Questi possono manifestarsi in modo diverso a seconda della zona infettata, ma generalmente si avverte prurito cutaneo, si presentano chiazze rosse e squamose, che possono aggravarsi e diventare eruzioni a forma di anello. Nei casi più gravi, inoltre, può esserci la caduta di capelli. Ma vediamo nel dettaglio i sintomi per le varie zone:

  • Sui piedi si manifestano pelle rossa, esfoliante, gonfia e pruriginosa soprattutto tra il quarto e il quinto dito, ma la tigna può colpire anche il tallone o la pianta del piede. Nei casi più gravi possono comparire anche delle vescicole;
  • Sul cuoio capelluto si presentano chiazze di forma circolare, rosse, squamose e pruriginose, che possono aumentare di dimensioni fino a causare persino calvizie. Inizialmente potrebbero formarsi anche delle pustole.
  • Sull’inguine solitamente si formano chiazze pruriginose, squamose e rosse, soprattutto sui lati interni delle pieghe cutanee delle cosce. La pelle può anche screpolarsi e squamarsi;
  • Sulla barba la tigna si manifesta con chiazze purulente che causano la caduta dei peli;
  • Sulle unghie l’infezione agisce rendendole bianche o giallastre e più fragili.

Tigna sull’uomo: 3 modalità di trasmissione

La tigna può essere trasmessa principalmente attraverso 3 modalità:

  1. Da un soggetto affetto, specie quando si usano gli stessi asciugamani, oggetti personali (come rasoi o pettini) o indumenti;
  2. Da un animale domestico infetto, come cani e gatti, o da animali da fattorie come cavalli, maiali, mucche e capre;
  3. Dall’ambiente, cioè i funghi della tigna sopravvivono sulle superfici umide come le docce pubbliche o gli spogliatoi. Ecco perché infatti è sconsigliato camminare a piedi nudi nei luoghi comuni come la piscina.

Si tratta quindi di un’infezione piuttosto comune e molto diffusa, ma non particolarmente pericolosa. Basta infatti un trattamento antimicotico per guarire. Di solito difatti il medico prescrive di spalmare sull’area infetta una crema che contenga i principi attivi antimicotici bifonazolo o clotrimazolo. È, altresì, importante prevenirne la diffusione e contagiosità rispettando qualche regola basilare, come il lavaggio frequente delle mani, la corretta igiene personale, l’utilizzo di asciugamani puliti e la pulizia degli spazi comuni.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Le più belle Immagini di Buongiorno nuove Per oggi Giovedì 06 Giugno 2024

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.