Unicef  sta preparando una collezione di gettoni non fungibili (NFT) per celebrare il suo 75° anniversario, l’organizzazione stessa ha annunciato in un comunicato stampa venerdì 10 dicembre.

Circa 1.000 monete in totale saranno messe in vendita sulla rete Ethereum, l’organizzazione ha rivelato nel suo comunicato stampa. Alcuni degli NFT saranno filigranati digitalmente per commemorare l’anniversario dell’Unicef, mentre altri arriveranno nella collezione all’inizio del prossimo anno e saranno incorporati ” a vari eventi” , secondo il comunicato.

” Alcuni di questi NFT porteranno una filigrana digitale che celebra 75 anni di lavoro dell’UNICEF, mentre altri onoreranno vari eventi previsti per l’inizio 2022. Questi oggetti digitali da collezione saranno venduti direttamente dall’UNICEF attraverso la blockchain di Ethereum. ” con lo scopo di finanziare vari progetti con il denaro raccolto, hanno aggiunto.

Henrietta Fore, direttore esecutivo dell’Unicef, ha detto che con questa raccolta NFT, stanno cercando di espandere i loro strumenti di finanziamento per fare la differenza nella vita di più bambini nel mondo.

” Dobbiamo usare tutti gli strumenti a nostra disposizione se vogliamo raggiungere più bambini e costruire un mondo migliore – e questo include nuovi modi di raccolta fondi e finanziamenti. Il lancio da parte dell’UNICEF della sua prima collezione di gettoni digitali guidati dai dati sosterrà direttamente i nostri sforzi globali per colmare il divario digitale e aumentare l’accesso a Internet per tutti i giovani.

Henrietta Fore, direttore esecutivo dell’UNICEF

.

Tra i progetti che saranno finanziati dalle vendite dei NFT dell’Unicef c’è Giga, che mira a fornire connettività internet al maggior numero possibile di scuole nel mondo.

Per la collezione NFT, l’Unicef ha commissionato il lavoro dell’artista e specialista in visualizzazione dei dati Nadieh Bremer. Le opere saranno concettualmente legate alle scuole e alla loro connettività alla rete. “L’intera collezione incorpora dati su più di 280 000 scuole in 21 paesi, con ogni opera che rappresenta un sottoinsieme di queste” , dice il testo.

Unicef e la sua relazione con le criptovalute

Questa non è la prima volta che l’Unicef è stato collegato al mondo delle criptovalute e delle blockchain. Infatti, negli ultimi anni, diversi progetti dell’organizzazione si sono uniti all’onda delle criptovalute.

L’anno scorso l’Unicef aveva iniziato a usare le criptovalute per finanziare progetti a livello globale, anche in paesi come Argentina, Cile, Messico e Guatemala; mentre quest’anno ha investito fondi nella criptovaluta Ethereum, ether (ETH), per promuovere l’educazione finanziaria tra la popolazione argentina.

x
Previous articleAutocertificazione Capodanno 2021: modello pdf e word da scaricare, orari, regole
Next articleAttenzione! nuova truffa delle criptovalute su Twitter