Un uomo viene testato per la malattia da coronavirus (COVID-19) presso un'unità mobile di test COVID-19, mentre i pedoni si fanno strada nel marciapiede durante la diffusione della variante Omicron coronavirus a Manhattan, New York, Stati Uniti, 8 dicembre 2021. Foto: Reuters

Un uomo viene testato per la malattia da coronavirus (COVID-19) presso un’unità mobile di test COVID-19, mentre i pedoni si fanno strada nel marciapiede durante la diffusione della variante Omicron coronavirus a Manhattan, New York, Stati Uniti, 8 dicembre 2021. Foto: Reuters

  • Il CDC condivide ciò che sa sulla variante Omicron di COVID-19 finora.

    Dice di 43 casi attribuiti alla variante Omicron negli Stati Uniti, 34 persone erano state completamente vaccinate.

  • La maggior parte delle persone aveva solo sintomi lievi come tosse, congestione e affaticamento, dice il rapporto CDC.

La maggior parte dei 43 casi di COVID-19 causati dalla variante Omicron identificati finora negli Stati Uniti erano in persone completamente vaccinate, e un terzo di loro aveva ricevuto una dose di richiamo, secondo un rapporto statunitense pubblicato venerdì.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno detto che dei 43 casi attribuiti alla variante Omicron, 34 persone erano state completamente vaccinate. Quattordici di loro avevano anche ricevuto un richiamo, anche se cinque di questi casi si sono verificati meno di 14 giorni dopo il colpo aggiuntivo prima che la protezione completa entri in funzione.

Anche se i numeri sono molto piccoli, si aggiungono alle crescenti preoccupazioni che gli attuali vaccini COVID-19 possano offrire meno protezione contro la nuova variante altamente trasmissibile.

La maggior parte dei casi segnalati di Omicron degli Stati Uniti hanno colpito completamente vaccinati, dice il CDC 1

 

La variante Omicron del coronavirus è stata trovata attraverso i test in circa 22 stati finora dopo essere stata identificata in Africa meridionale e Hong Kong a fine novembre.

Tra i casi Omicron, 25 erano in persone di età compresa tra 18 e 39 anni e 14 avevano viaggiato a livello internazionale. Sei persone erano state precedentemente infettate dal coronavirus.

La maggior parte di loro aveva solo sintomi lievi come tosse, congestione e affaticamento, il rapporto ha detto, e una persona è stata ricoverata in ospedale per due giorni. Altri sintomi riportati meno frequentemente includono nausea o vomito, mancanza di respiro o difficoltà di respirazione, diarrea e perdita di gusto o odore.

Il CDC ha detto che mentre molti dei primi casi riportati di Omicron sembrano essere lievi, esiste un ritardo tra l’infezione e gli esiti più gravi. I sintomi dovrebbero anche essere più lievi nelle persone vaccinate e in quelle con precedente infezione da SARS-CoV-2.

Il primo caso conosciuto di Omicron negli Stati Uniti è stato identificato il 1° dicembre in una persona completamente vaccinata che aveva viaggiato in Sudafrica. Il CDC ha detto che la prima data di comparsa dei sintomi è stata il 15 novembre in una persona con una storia di viaggi internazionali.

La variante Delta rappresenta ancora più del 99% di tutti i casi statunitensi. Ma i rapporti dal Sud Africa mostrano che la variante Omicron è molto trasmissibile.

Anche se la maggior parte dei casi sono lievi, una variante altamente trasmissibile potrebbe provocare abbastanza infezioni da sopraffare i sistemi sanitari, ha ammonito il CDC.

Studi di laboratorio rilasciati questa settimana suggeriscono che la variante Omicron smusserà il potere protettivo di due dosi di vaccino COVID-19 di Pfizer (PFE.N) e BioNTech, anche se una terza dose può ripristinare la protezione.

Gli Stati Uniti hanno autorizzato le dosi di richiamo del vaccino COVID-19 per tutti gli americani dai 16 anni in su.

 

x
Previous articleBitcoin ed ethereum subiscono pesanti perdite mentre il mercato delle criptovalute continua a crollare
Next articleGods Unchained sale del 66% dopo la quotazione su Coinbase