La pandemia COVID 19 ha lanciato nuove sfide al superamento della crisi nutrizionale globale e ha evidenziato l’importanza di un’alimentazione sostenibile per combattere la malnutrizione, la fame nascosta e le malattie non trasmissibili legate all’alimentazione. Il numero di morti attribuite alla cattiva alimentazione è aumentato del 15% dal 2010 ed è ora responsabile di più di 12 milioni di morti per malattie non trasmissibili negli adulti. Questo ammonta a un quarto (26%) di tutte le morti di adulti ogni anno. Allo stesso tempo, la domanda globale di cibo è ora responsabile del 30% di tutte le emissioni di gas serra (GHGe), con gli alimenti animali responsabili della maggior parte dei GHGe (fig 1). Rispetto al 2010, l’impatto ambientale della domanda alimentare è cresciuto di ben il 14%.

Figura 1: Emissioni globali di gas serra dalla produzione alimentare
Fonte: Il nostro mondo in dati

La necessità finanziaria di affrontare le nuove sfide della nutrizione dovute all’impatto di COVID 19 è aumentata di molte volte. Solo per raggiungere gli obiettivi di nutrizione su arresto della crescita, spreco, anemia materna e allattamento al seno entro il 2030 c’è bisogno di altri 10,8 miliardi di dollari tra il 2022 e il 2030.

Secondo il National Family Health Survey (NFHS) 2019-21, il 5° della serie l’India non ha visto alcun miglioramento significativo nella salute e nello stato nutrizionale della sua popolazione. Gli ultimi dati mostrano che il 7,7% dei bambini è gravemente sciupato, il 19,3% è sprecato e il 35,5% è stentato. Allo stesso tempo, 3.4% i bambini sono in sovrappeso che era 2.1% in NFHS-4 (fig 2). L’anemia tra i bambini sotto i 5 anni è diventata significativamente peggiore con la prevalenza attuale del 67,1% rispetto al 58,6% secondo NFHS-4. 57% delle donne in età riproduttiva sono anemiche nel paese.

Figura 2: Stato nutrizionale dei bambini sotto i 5 anni di età

Il sovrappeso o l’obesità è anche in aumento tra gli uomini e le donne adulti indiani. NFHS-5 registrato 24% donne adulte di essere in sovrappeso o obesi rispetto al 20.6% in NFHS-4. Il 22,9% degli uomini adulti sono in sovrappeso o obesi secondo NFHS-5 che era il 18,9% come riportato da NFHS-4 (fig 3).

Figura 3: Stato di sovrappeso e obesità tra maschi e femmine adulti

Garantire una dieta equilibrata e facilmente accessibile per eliminare la malnutrizione è diventato più impegnativo per le comunità vulnerabili, come le persone che vivono in povertà, donne e bambini e anziani. Inoltre, l’isolamento prolungato, il movimento limitato, la mancanza di vitamina D, l’accesso limitato a cibi freschi hanno aumentato l’incidenza di disturbi metabolici tra cui sovrappeso, obesità, diabete di tipo 2 e malattie cardiache. Questo doppio peso della malnutrizione richiede un’attenzione immediata per migliorare la nutrizione per una buona salute in tutto il mondo.

Un approccio globale basato sui bisogni è la necessità dell’ora per affrontare la cattiva nutrizione e affrontare la disuguaglianza attraverso la riforma della politica, l’attuazione efficace dei programmi di nutrizione e la garanzia di un sistema di distribuzione alimentare senza soluzione di continuità. Per recuperare la salute persa durante la pandemia, così come per garantire che la popolazione rimanga resiliente in futuro, la nutrizione sostenibile è fondamentale.

Global Nutrition Report 2021 e India – Nel 2012, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha identificato 6 obiettivi nutrizionali globali da raggiungere entro il 2025 che includevano: riduzione del 50% dell’anemia tra le donne in età riproduttiva, riduzione del 30% del basso peso alla nascita, aumento del tasso di allattamento esclusivo nei primi 6 mesi fino ad almeno il 50%, riduzione del 40% dell’arresto della crescita tra i bambini sotto i 5 anni, garanzia di una riduzione inferiore al 5% e mantenimento dello spreco sotto i 5 anni, nessun aumento del sovrappeso sotto i 5 anni; e cattura dell’aumento della prevalenza di obesità e diabete.

Il Global Nutrition Report 2021 (GNR 2021) ha rivelato che cinque dei sei obiettivi globali di nutrizione materna, infantile e dei bambini (MIYCN) per affrontare l’arresto della crescita, lo spreco, l’anemia, il basso peso alla nascita e l’obesità infantile sono fuori strada. Allo stesso tempo, l’obiettivo nutrizionale globale (GNT) per combattere la crescente prevalenza delle malattie non trasmissibili (NCD) è anche fuori strada. Il passaggio dal consumo di pasti equilibrati a base di cibo intero al consumo di bevande zuccherate, cibi ultra-lavorati e carne rossa lavorata sta avendo un impatto negativo sulla nostra salute e sull’ambiente.

Figura 4: I progressi dell’India verso gli obiettivi globali di nutrizione
Fonte: Rapporto globale sulla nutrizione 2021 Profilo dell’India

Tranne che per tre obiettivi MIYCN, l’India è fuori strada per raggiungere tutti gli altri GNT (fig. 4). L’India è “sulla buona strada” nel raggiungere l’obiettivo per l’arresto della crescita, ma il 34,7% dei bambini sotto i 5 anni è ancora colpito, molto più alto della media asiatica del 21,8%. Non ci sono progressi verso il raggiungimento del GNT per lo spreco. Rispetto alla media asiatica (9,1%), l’India ha il 17,3% di bambini stentati sotto i 5 anni. Nel frattempo, l’India ha riportato alcuni progressi nell’assicurare l’allattamento al seno esclusivo con il 58,0% dei bambini da 0 a 5 mesi allattati esclusivamente al seno. Purtroppo, non ci sono abbastanza dati per valutare i progressi dell’India verso il raggiungimento dell’obiettivo di basso peso alla nascita o la prevalenza.

La dieta indiana è significativamente bassa in frutta, legumi, noci, pesce e latticini che sono cruciali per una crescita ottimale, lo sviluppo e la prevenzione delle NCD.

L’India ha mostrato progressi limitati verso il raggiungimento del GNT per le NCD legate alla dieta. Secondo il GNR 2021, si stima che il 6,2% delle donne adulte (dai 18 anni in su) e il 3,2% degli uomini adulti in India conviva con l’obesità. Nel frattempo, si stima che il diabete colpisca il 9% delle donne adulte e il 10,2% degli uomini adulti.

L’India sta mangiando una dieta povera – GNR 2021 ha riportato un confronto delle assunzioni dietetiche di alimenti e nutrienti chiave tra gli adulti di 25 anni e oltre con gli obiettivi minimi e massimi. I dati hanno rivelato che, ad eccezione dei cereali integrali, gli indiani adulti non soddisfano l’obiettivo dietetico raccomandato per i gruppi alimentari essenziali, determinato dalla commissione EAT-Lancet sulle diete sane dai sistemi alimentari sostenibili. La dieta indiana è significativamente bassa in frutta, legumi, noci, pesce e latticini che sono cruciali per una crescita ottimale, lo sviluppo e la prevenzione delle NCD.

Figura 5: Assunzione di alimenti e nutrienti chiave negli adulti di 20 anni e più rispetto agli obiettivi minimi e massimi
Fonte: Rapporto globale sulla nutrizione 2021 Profilo dell’India

Dove siamo carenti? Negli ultimi anni, l’India è diventata autosufficiente nella produzione di cereali e ha goduto di una crescita economica costante. Nonostante questo successo, non c’è un alleviamento della povertà, dell’insicurezza alimentare e della malnutrizione nel paese. In un rapporto, il WFP ha rivelato che quasi il 21,25% della popolazione indiana vive con 1,90 dollari al giorno, con un enorme spettro di disuguaglianza ed esclusione sociale. In termini di nutrizione per la salute pubblica, le seguenti ragioni potrebbero essere il più grande ostacolo per garantire cibo per tutti nel paese.

Crescente prevalenza dell’insicurezza alimentare – Nel 2019, l’India aveva 6,2 crore in più di persone che vivono con insicurezza alimentare, che è aumentata del 3,8% tra il 2014 e il 2019. Nel 2020, l’India ospita quasi 200 milioni di persone sottonutrite. La pandemia COVID 19 e il successivo blocco hanno peggiorato l’insicurezza alimentare interrompendo il sistema di distribuzione del cibo in gran parte dell’India. In uno studio, Anupriya Saxena e colleghi hanno documentato che due terzi dei 211 intervistati di una comunità tribale migrante del Rajasthan non menzionavano cibo sufficiente nella loro famiglia. Il 97% di loro non aveva abbastanza soldi per comprare il cibo. Nel loro studio, Garima Rautela e colleghi hanno intervistato 4334 famiglie di Delhi e Chennai e hanno riportato che la prevalenza complessiva dell’insicurezza alimentare era dell’8,5% delle famiglie più povere rispetto all’1,7% delle famiglie più ricche.

Gli esperti hanno criticato l’ambizioso Poshan Abhiyaan 2018 che potrebbe solo ridurre l’arresto della crescita tra i bambini da 0 a 3 anni di età solo di un punto percentuale a differenza della sua promessa di ridurre l’arresto della crescita di tre punti percentuali all’anno.

Nel 2019, il rapporto “Strategy for New India @ 75” di NITI Aayog ha rilevato che la principale piattaforma del programma di nutrizione dell’India, Integrated Child Development Services (ICDS) ha un focus inadeguato sui primi 1000 giorni di vita del bambino.

Questo rapporto ha sostenuto che il programma fornisce principalmente servizi ai bambini dai 3 ai 6 anni, mentre ai bambini sotto i 2 o 3 anni dovrebbe essere data la massima priorità per assicurare una crescita e uno sviluppo ottimali dei bambini piccoli. Gli esperti hanno criticato l’ambizioso Poshan Abhiyaan 2018 che potrebbe ridurre l’arresto della crescita tra i bambini da 0 a 3 anni solo di un punto percentuale a differenza della sua promessa di ridurre l’arresto della crescita di tre punti percentuali all’anno.

Il sistema di distribuzione pubblica dell’India (PDS) mira a distribuire prodotti essenziali alla popolazione emarginata a prezzi sovvenzionati per garantire la sicurezza alimentare per tutti. Tuttavia, ci sono problemi persistenti nel PDS dell’India, come la falsa fornitura di carte di razionamento che lascia i poveri fuori, la vendita dei prodotti sul mercato aperto, la mancata fornitura di quantità consentite di grani alimentari da parte dei negozi di prezzi equi, la sostituzione di grani alimentari di buona qualità con varietà a buon mercato, ecc.

Sono urgentemente necessarie iniziative politiche per trasformare il sistema alimentare esistente coinvolgendo tutte le parti interessate.

Lacune e strada per il recupero – Gli obiettivi nutrizionali globali mancano dell’impatto ambientale del cibo e di come affrontare la carenza di micronutrienti. Inoltre, le valutazioni nutrizionali per la malnutrizione infantile e adolescenziale non sono esplicite. Il primo passo dell’India per combattere il doppio peso della malnutrizione, della disuguaglianza nutrizionale e dell’insicurezza alimentare è quello di colmare le lacune nella composizione nutrizionale della dieta quotidiana.

Garantire un’alimentazione sostenibile aggiungendo alla dieta quotidiana indiana colture dense di nutrienti e intelligenti dal punto di vista climatico, come il miglio, potrebbe essere gratificante per prevenire le carenze nutrizionali e le malattie non trasmissibili legate alla dieta.

Sono urgentemente necessarie iniziative politiche per trasformare il sistema alimentare esistente coinvolgendo tutte le parti interessate. Sono necessari più finanziamenti per soddisfare i requisiti aggiuntivi per affrontare la perdita nutrizionale indotta dalla pandemia. Allo stesso tempo l’India ha bisogno di un migliore sistema di gestione dei dati, di una maggiore responsabilità nel sistema di distribuzione degli alimenti, di una gestione efficiente delle risorse, di un’adeguata educazione alimentare, di un rafforzamento della manodopera e di un monitoraggio sistematico per puntare al raggiungimento degli obiettivi nutrizionali globali entro il 2030.

x
Previous articleQuanto costa mettere il microchip al cane?
Next articleCome ottenere il bonus sul risparmio energetico