Quanto costa un panettone artigianale?

Non sarebbe Natale senza una fetta di panettone. Con il suo impasto morbido; profumato, ricco di burro, uova, uvetta e frutta candita, accoglie il periodo natalizio. Quanto costa un panettone artigianale?

Innanzitutto: sapevate che il panettone non è sempre stato quello che conosciamo ora? Una volta era più corto, e con molto meno burro.

Come è fatto il panettone artigianale autentico?

Ci sono regole precise perché un prodotto di pasticceria qualsiasi possa essere chiamato “panettone”.
Addirittura c’è stato un decreto ministeriale fatto il 22 luglio 2005 citando gli ingredienti e le caratteristiche di alcuni dolci tradizionali italiani; come gli amaretti, i savoiardi, la colomba, il Pandora e, naturalmente, non poteva mancare il panettone.
La classica pasticceria milanese deve essere di consistenza morbida e prodotta dalla lievitazione naturale. Deve essere fatto con farina di frumento, zucchero e uova, ma con una percentuale di bianchi più alta rispetto ai tuorli. Poi ci sono l’uvetta e la buccia di agrumi canditi in quantità non inferiori al 16 per cento, anche il burro in quantità non inferiori al sedici per cento, il lievito e il sale.
Qualche altro “elemento speciale”?

C’è lo “scoring“, cioè l’incisione incrociata che viene fatta sulla superficie della torta prima che venga sparata. È un simbolo importante e nella tradizione cristiana era il modo per benedire il pane.
Dall’intersezione dei due tagli si formano quattro angoli retti, le cui punte si arricciano durante la cottura, creando le cosiddette “orecchie della torta”.
Alcuni pasticceri mettono un po’ di burro sopra le punte prima di cuocere la torta, in modo che la parte superiore della torta acquisisca un colore particolare. Altri, al posto della croce, “disegnano” una sorta di asterisco, per rendere più riconoscibile il loro prodotto.

Come è nato il panettone?

Originariamente, era più simile a una pagnotta di pane. I primi documenti che ne parlano dicono che la notte del 24 dicembre, furono portati in tavola tre grandi pani di grano, un numero che si riferisce alla Trinità.
Era un momento speciale, perché di solito il pane era fatto con una miscela di chicchi di grano meno nobili, perché era molto costoso.
Il Natale, tuttavia, è stata un’eccezione. I tre pani venivano serviti ai commensali a partire dal padre di famiglia e una fetta veniva conservata fino all’anno , a simboleggiare la continuità, la rinascita e la ciclicità della vita.
panettone artigianale milano  panettone artigianale prezzo  panettone artigianale ricetta  panettone artigianale palermo  panettone artigianale brescia  panettone artigianale bergamo  panettone artigianale bari  panettone artigianale roma  panettone artigianale padova  panettone  panettone artigianali  miglior panettone 2020  panettoni  panettoni pistacchio  panettoni tradizionali  il panettone  amazon panettone  panettoni artigianali  panettoni artigianali 2020  panettone ingredienti  immagine panettone  panettone tradizionale  i migliori panettoni artigianali  panettone iginio massari ricetta  miglior panettone  panettone pistacchio  ricetta panettone massari  ricetta panettone iginio massari

Quanto costa un panettone artigianale?

E’ di circa 28 euro al chilo il prezzo medio del panettone artigianale in Lombardia, mentre a Milano la forbice dei prezzi oscilla fra i 27 a 40 al chilogrammo.

Previous articleFrasi e immagini Buongiorno e Buon Venerdì: le più belle del 19 novembre 2021
Next articleChi è la moglie di Claudio Bisio? Sandra Bonzi, età, lavoro, figli