Uno dei temi discussi di recente dal Presidente del Consiglio Mario Draghi e dai leader sindacali è stato quello della sicurezza sul lavoro. In Italia ogni giorno si registrano 3 morti bianche, un dato scioccante che evidenzia l’urgenza di intervenire il prima possibile con regole che tutelino la sicurezza e la salute dei lavoratori.

Il rischio di infortunio sul lavoro è particolarmente elevato nei magazzini, dove gli operatori utilizzano strumenti e congegni come le piattaforme elevatrici, ovvero delle macchine per il sollevamento di materiali e merci che raggiungono anche grandi altezze.

Per garantire una maggiore tutela della salute dei lavoratori, è fondamentale adottare piattaforme elevatrici sicure e affidabili come quelle di Armo Spa, realtà piemontese che progetta e realizza sollevatori nei suoi stabilimenti di Collegno e di None, in provincia di Torino. Ma oltre ad utilizzare piattaforme elevatrici di qualità, è indispensabile seguire alcune pratiche di sicurezza che limitino il rischio di incidenti in magazzino: vediamo quali sono.

1. Scegliere le piattaforme elevatrici più adeguate

La scelta delle piattaforme elevatrici più appropriate è fondamentale. Le loro caratteristiche, infatti, devono rispettare precisi requisiti in base alla tipologia di lavoro da effettuare. Le dimensioni del pianale superiore, la portata massima, il peso e il tempo di salita sono da valutare ad ogni utilizzo per permettere agli operatori di lavorare bene e in sicurezza.

Inoltre, la scelta corretta delle piattaforme elevatrici consente di evitare guasti e malfunzionamenti durante il loro utilizzo: per esempio, caricare un sollevatore superando la sua portata massima potrebbe seriamente danneggiare la macchina e metterla fuori uso.

2. Addestrare gli operatori

Per garantire la sicurezza in magazzino è indispensabile formare gli operatori. Senza un’adeguata formazione, un operatore potrebbe mettere in pericolo se stesso e i suoi colleghi, oltre che danneggiare le piattaforme elevatrici. È quindi opportuno istruire gli operatori sul corretto funzionamento delle piattaforme elevatrici e sulle regole generali di sicurezza, fornendo ogni volta aggiornamenti sull’utilizzo nuove macchine.

3. Fare controlli regolarmente

Le piattaforme elevatrici devono essere ispezionate regolarmente per assicurarsi che funzionino in modo corretto. Durante l’ispezione, bisogna verificare eventuali perdite d’aria e di fluido idraulico, oltre la presenza di danni nelle singole componenti. Se sono necessari lavori di riparazione, è consigliato far esaminare le piattaforme elevatrici da personale esperto e qualificato.

4. Fare manutenzione costante

Per rendere i magazzini più sicuri e assicurare una maggiore longevità delle piattaforme elevatrici, è necessaria una manutenzione continua. La manutenzione delle macchine riduce il rischio di malfunzionamento, rendendo il loro utilizzo più sicuro e durevole.

Sicurezza garantita con le piattaforme elevatrici Armo

Per ottenere un elevato livello di sicurezza in magazzino, oltre a seguire le pratiche finora descritte, è essenziale utilizzare macchinari di qualità. Le piattaforme elevatrici migliori sono costruite con materiali di prima scelta, rispettano i più rigidi standard di sicurezza e consentono di lavorare in modo efficiente.

 

Negli stabilimenti di Armo la produzione di piattaforme elevatrici è controllata in ogni fase: dalla progettazione su misura al taglio delle materie prime, dal montaggio al collaudo, per garantire sicurezza e rapidità nella realizzazione di sollevatori dalle prestazioni eccellenti.

Le piattaforme elevatrici di Armo soddisfano ogni esigenza logistica: da quelle leggere per il sollevamento merci fino a 2000 kg a quelle montacarichi che raggiungono grandi altezze, tutte ideate e costruite nel rispetto della Normativa Europea di riferimento EN 1570. Inoltre, Armo per ogni macchinario offre una garanzia di 2 anni, estendibile fino a 5 anni, con un servizio di riparazione e manutenzione su tutte le tipologie di attrezzature.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here