Chi è Chico Forti? Moglie, ergastolo, figli, Di Maio, biografia

Enrico “Chico” Forti è un ex sportivo e imprenditore italiano che, nel 2000, è stato condannato per la morte a 1998 a Miami di Dale Pike, figlio del leggendario proprietario dell’hotel di Ibiza Anthony “Tony” Pike.

Forti proclama ancora la sua innocenza, sostenendo di essere stato vittima di un errore giudiziario.

Chi è Chico Forti? Biografia e Carriera sportiva

Forti è nato e cresciuto a Trento, figlio di Maria e Aldo. Diplomato al liceo nel 1978, si trasferisce successivamente a Bologna, dove frequenta l’Istituto Superiore di Educazione Fisica (I.S.E.F.).

Dal 1979 inizia a praticare windsurf grazie a Karl Heinz Stickl, ex campione del mondo, e diventa pioniere della disciplina.
Nel 1984, mentre era alle Hawaii, è stato tra i primi a tornare su una tavola da windsurf.

Nello stesso anno, ha progettato la prima rampa di salto windsurf. Forti ha gareggiato in un totale di sei campionati mondiali di windsurf (nel 1985 è stato il primo italiano a competere in un campionato mondiale di windsurf) e due campionati europei.

Ha anche praticato base jumping, sci, snowboard e wakeboard.

Nel 1991 vince il campionato italiano di vela, conquistando poi il secondo posto al campionato del mondo.

Produzione televisiva e Attività Imprenditoriali

Nel 1987, un incidente automobilistico lasciò Forti incapace di perseguire la sua carriera di windsurf.
Dopo la sua guarigione, ha iniziato a scrivere articoli per riviste sportive ed è diventato caporedattore di una rivista italiana di windsurf.

Nel tempo, ha anche iniziato a produrre filmati raffiguranti sport estremi, creando la sua società di produzione, Hang Loose, nel 1990, e trasmettendo su ESPN.

Nello stesso anno, ha partecipato e vinto Telemike, un quiz show italiano con il conduttore televisivo Mike Bongiorno.

Con il premio in denaro, si trasferì nella lussuosa William’s Island, Miami, Florida, nel 1992.

Dopo aver divorziato dalla sua prima moglie, si risposò con Heather Crane, un’ex modella, e ebbe tre figli con lei: Savannah Sky, Jenna Bleu e Francesco Luce. Si interessò al settore immobiliare e acquistò diversi appartamenti a William’s Island, stabilendo una rete esclusiva di conoscenti, tra cui l’ex senatore dello stato della Florida Paul Steinberg (che divenne il suo avvocato personale) e il principe Ranieri di Monaco.

Fece anche un accordo sospetto per acquistare la casa galleggiante dove Andrew Cunanan, l’assassino dello stilista italiano Gianni Versace, si era suicidato nel luglio 1997.

Forti ha utilizzato la casa galleggiante per essere mostrata in un documentario intitolato “The Smile of the Medusa”, in cui si sosteneva che la polizia di Miami Beach avesse simulato il suicidio di Cunanan per coprire una presunta connessione tra l’assassinio e il crimine organizzato.

Ha anche organizzato per incontrare il detective della polizia di Miami, Beach Gary Schiaffo per dargli foto di Cunanan, al fine di sostenere la sua teoria. Quando ciò non è accaduto, l’accordo è fallito (anche se il documentario non è mai stato mostrato negli Stati Uniti, Forti avrebbe accusato la polizia di Miami di averlo accusato a causa di ciò).

Omicidio di Dale Pike e arresto

Forti aveva probabilmente arruolato l’aiuto di Thomas Heinz Knott, suo vicino tedesco e un truffatore condannato, per ottenere la casa galleggiante da Matthias Ruhel e Siegfried Axtmann, i proprietari dell’immobile.

Knott e Chico hanno condiviso diverse conoscenze sull’isola di William, tra cui l’australiano di origine inglese Anthony “Tony” Pike, leggendario proprietario del famoso Pikes Hotel di Ibiza.
Quest’ultimo aveva ospitato diverse celebrità nel corso degli anni, tra cui George Michael, Julio Iglesias e Freddie Mercury.
Pike aveva intenzione di vendere l’hotel, dato che stava perdendo denaro, e Forti si propose di acquistarlo.

Alla fine è stato rivelato che Knott aveva truffato Tony Pike per tutto il tempo, usando illecitamente i numeri delle sue carte di credito per spese di stile di vita fino a centinaia di migliaia di dollari.
Secondo Knott, Forti stesso usò le carte di Tony per alcune spese almeno una volta, il che fece infuriare Thomas quando quest’ultimo si rese conto che gli acquisti erano stati fatti a suo nome.

Successivamente, Tony ha iniziato a soffrire di demenza da AIDS e Chico ha approfittato della sua malattia per fargli firmare innumerevoli documenti falsi. Secondo Knott, Pike non era altro che un burattino nelle mani di Forti, all’epoca.

La coppia si è recata a Ibiza per finalizzare l’accordo davanti a un notaio, che ha dichiarato che Tony era mentalmente in grado di firmare.
A quel punto, il manager di Pikes, Antonio Fernández, era diventato sospettoso delle attività di Knott e Forti.

Quando Forti andò all’hotel sostenendo di essere il proprietario, Fernández chiamò i due figli di Tony, Bradley e Dale, e disse loro che pensava che Tony fosse stato truffato.

Il figlio maggiore di Tony, Dale, ha deciso di volare a Miami per chiarire la situazione. Quando atterrò, la sera del 15 febbraio 1998, fu prelevato all’aeroporto da Chico. Quest’ultimo avrebbe poi mentito a sua moglie, dicendole che non aveva mai incontrato Dale.

Il 16 febbraio, il corpo nudo di Dale Pike è stato avvistato dal windsurfer David Suchinsky nella vegetazione vicino a Sewer Beach, sull’isola di Virginia Key.

Era stato colpito due volte alla testa con una pistola calibro 22 ed era stato trascinato nella sabbia fino al punto in cui alla fine è stato trovato.
In un primo momento, la polizia pensava che l’omicidio fosse correlato ad attività omosessuali sulla spiaggia, ma in seguito ha cambiato idea dopo aver identificato la vittima attraverso diverse prove recuperate sulla scena.

Quest’ultimo includeva: la carta d’imbarco di Pike, il suo modulo di visto, un portachiavi Pikes Hotel e una scheda telefonica con il numero di Forti.

Gli investigatori hanno provato a contattare Knott, ma senza successo. Invece, raggiunsero Forti, e gli fecero credere che anche Tony fosse stato trovato assassinato per testare la sua reazione.
A quel punto, ha ripetuto la bugia che aveva detto prima a sua moglie, Tony, Knott, e al suo stesso avvocato: non ha mai incontrato Dale all’aeroporto.

Secondo il tenente assassino John Campbell, Forti ha fatto una domanda interessante mentre era al telefono con i detective, prima ancora che gli fosse detto dell’omicidio: “Dale Pike è morto?”, o qualcosa di simile.

Da parte sua, Forti dichiarò di essere stato informato della morte di Dale Pike da un amico di Tony, a New York City. Quando la polizia ha scoperto l’inganno di Forti, grazie al servizio di ricerca e ai registri dei suoi telefoni cellulari, quest’ultimo si è presentato alla stazione di polizia e ha ammesso di aver effettivamente prelevato Dale Pike, dopo che si era confrontato con le prove.

Forti avrebbe in seguito affermato che la polizia aveva mentito su questo: era andato alla stazione proprio per dire la verità, e aveva intenzione di farlo anche prima di essere confrontato con i registri.

In particolare, la polizia ha apparentemente acquisito i registri dei telefoni cellulari di Forti il 3 marzo, meno di un mese dopo questo interrogatorio. L’interrogatorio non è stato registrato, quindi è la sua parola contro quella degli investigatori.
Forti avrebbe anche accusato i poliziotti di averlo minacciato e insultato mentre veniva interrogato.

Sotto ulteriori interrogatori, Forti ha iniziato a sostenere il coinvolgimento di Knott nell’omicidio, sostenendo che la sua vita e la sua famiglia sarebbero state in pericolo se avesse rivelato dettagli.

Affermò che Knott lo aveva costretto a consegnare Pike ai suoi uomini (in particolare un ragazzo tedesco di nome Hans) al Rusty Pelican, un ristorante vicino a Sewer Beach, altrimenti avrebbe fatto del male alla sua famiglia. Forti avrebbe poi negato di aver sostenuto questa versione, sostenendo che era stato Dale Pike a chiedergli di andare al ristorante in primo luogo.

Secondo lui, Dale disse che avrebbe incontrato gli uomini di Knott.
L’unico problema è: Pike e Knott non si conoscevano personalmente. Secondo Fernández, hanno parlato solo una volta, al telefono, discutendo della frode con carte di credito.

chico forti  chico forti storia  chico forti ultime notizie  chico  enrico forti  chico chico  chici  chicco forte  chico x chico  carcere in america  chico italiano  chico usa  chico italia  caso forti  chico forti le iene chico forti di maio chico forti jo squillo chico forti libero

Omicidio di Dale Pike da parte di Chico Forti: modus operandi

Quando fu trovato e arrestato, Knott negò il coinvolgimento nell’omicidio, e in effetti aveva un alibi per la notte in questione: era a una cena a casa sua. Knott affermò che era Forti che in realtà stava cercando di metterlo in piedi. Secondo lui, due notti dopo l’omicidio, Chico si è presentato al suo appartamento e gli ha dato ottocento dollari per lasciare la città, sostenendo di essere stato perquisito dalla polizia locale per la frode con carte di credito.

Una pistola calibro 22 era effettivamente registrata a Thomas Knott, ma in realtà fu acquistata con i soldi di Chico, e il venditore non sapeva con certezza se fosse Chico o Thomas che alla fine la tenne. Alla fine, gli investigatori decisero che Knott non era responsabile della morte di Dale Pike.
Aveva ripetutamente rubato denaro a Tony, ma non avrebbe rischiato di essere incriminato con l’accusa di omicidio per quella che era una frode relativamente minore.

Rivolgendosi nuovamente a Forti, la polizia scoprì i documenti falsi che Chico aveva spinto Tony a firmare.

Con questi ultimi, Pike si era sostanzialmente impegnato a dare il multimilionario Pikes Hotel, e tutti i suoi beni, a Forti, in cambio solo di un paio di decine di migliaia di dollari. Presumibilmente, Forti era stato anche coinvolto in diverse frodi immobiliari nell’area di Miami.

Come ciliegina sulla torta, un informatore di nome Ibrahim Kilani (il marito della sorella della fidanzata di Knott) ha affermato di essere stato assunto da Chico per uccidere un avvocato che lo aveva citato in giudizio, con il piano di omicidio notevolmente simile al modo in cui è stato eseguito quello di Dale Pike.

Tra tutte queste prove circostanziali, gli investigatori alla fine hanno trovato la “pistola fumante”: una piccola quantità di sabbia nel gancio del rimorchio del SUV di Forti, che, secondo gli esperti dell’Università di Miami, proveniva dalla spiaggia dove Dale Pike è stato trovato assassinato (Forti avrebbe in seguito sostenuto che si trattava di una prova piantata).

Al suo processo del 2000 per omicidio (è stata applicata la regola dell’omicidio criminale, il che significa che poiché l’omicidio è stato scatenato dalla commissione di un crimine, frode, era di primo grado indipendentemente dall’intento), gli avvocati difensori di Forti, Ira Lowey e Paul Steinberg, hanno tentato di sostenere che Chico era un ricco padre di famiglia che non aveva alcun motivo per commettere questo omicidio, e puntò il dito verso Thomas Knott.

D’altra parte, il procuratore Reid Rubin ha descritto Forti come un truffatore a sangue freddo diventato assassino. Alla fine, è stato giudicato colpevole e condannato all’ergastolo senza possibilità di libertà condizionale.

Offerto una pena ridotta in cambio di informazioni sui complici, sia la polizia che l’accusa concordano sul fatto che avrebbe avuto bisogno di compiere l’omicidio, ha preferito rimanere in silenzio.

Forti proclama ancora la sua innocenza, sostenuta anche da un gruppo composto da diversi professionisti e personaggi televisivi italiani, la famiglia e gli amici di Chico, il suo nuovo avvocato Joe Tacopina e una giurata del suo processo, Veronica Lee.

Quest’ultima sostiene che il processo non è stato equo e che è stata spinta da altri membri della giuria a votare colpevole anche se pensava che ci fosse un ragionevole dubbio. Nel corso degli anni, poliziotti, avvocati e persino il giudice coinvolto nel caso di Forti sono stati accusati di una sorta di “cospirazione” contro quest’ultimo.

Chico forti e l’omicidio oggi

La vicenda è recentemente riemersa alla ribalta sia negli Stati Uniti che in Italia, dove l’opinione pubblica è divisa. Tuttavia, una prova appena scoperta che dimostri l’innocenza di Forti sarà necessaria per invalidare il processo del 2000, e non è ancora venutafuori.

Thomas Knott trascorse un po’ di tempo in prigione con l’accusa di frode, e fu poi riportato in Germania. Tony Pike seppellì le ceneri di Dale sotto un albero all’ingresso del Pikes Hotel. È morto nel febbraio 2019.

Non è mai stato confermato se Forti abbia premeditato l’omicidio di Dale Pike o meno, o se avesse dei complici.
Pike è stato portato in auto a Sewer Beach, Virginia Key, dove Forti probabilmente gli ha sparato due volte alla parte posteriore della testa con una pistola calibro 22.

Il corpo è stato successivamente spogliato, presumibilmente nel tentativo di farlo sembrare un omicidio legato all’omosessualità, quindi trascinato in un luogo appartato nella vegetazione vicina.

Chico Forti Luigi Di Maio

Arrivano nel modo più improbabile aggiornamenti sul caso dell’ex produttore televisivo detenuto dal 2000 negli Usa dove sta scontando una condanna all’ergastolo per omicidio, nell’ambito di una vicenda giudiziaria ricca di punti oscuri.

Dieci mesi fa il ministro degli Esteri Luigi Di Maio aveva annunciato che “Chico Forti tornerà in Italia”. Poi più nulla

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here