Tra le agevolazioni fiscali più interessanti previste dalla Legge di Bilancio 2021 c’è il Bonus Caldaia.

Rispondiamo ad un quesito posto da un lettore della Redazione:

“Buongiorno, vorrei chiedere se posso sostituire la vecchia caldaia con una nuova a condensazione di classe energetica A o superiore beneficiando dell’Ecobonus. Se sì, a quanto ammonta la detrazione fiscale? La percentuale di detrazione è la stessa sia che si tratti d’installazione di una nuova caldaia a condensazione di classe A con o senza montaggio delle valvole a termoregolazione? Posso richiedere lo sconto immediato in fattura, senza l’obbligo di comunicazione all’ENEA? Grazie per la risposta a tutte queste domande”.

Bonus Caldaia 2021: di cosa si tratta?

Per l’anno 2021 è possibile beneficiare dell’incentivo sulla caldaia ed è diretto a chi vuole sostituire il vecchio dispositivo con uno nuovo a condensazione di classe energetica A o superiore.

Il Bonus Caldaia è stato prorogato insieme al Bonus Mobili ed Elettrodomestici e al Bonus Ristrutturazioni.

Rispondendo al lettore possiamo chiarire subito che si può optare tra due tipi di agevolazioni: il bonus ristrutturazioni, per chi deve ristrutturare casa; l’ecobonus, per chi esegue lavori di risparmio energetico.

Bonus Caldaia 2021: % di detrazione fiscale a seconda dell’acquisto delle valvole termostatiche

Il Bonus Caldaia riconosce al contribuente una % di detrazione fiscale che include anche l’acquisto delle valvole termostatiche di ultima generazione da collegare ai propri caloriferi.

Lo sgravio fiscale prevede l’applicazione del:

  • 65% per l’installazione di una nuova caldaia a condensazione di classe A, con montaggio delle valvole a termoregolazione,
  • 50% per l’installazione di una nuova caldaia a condensazione di classe A, senza il montaggio delle valvole,
  • 0% per l’installazione di caldaie di classe B o inferiori.

Bonus Caldaia 2021: sconto immediato in fattura

Grazie al Decreto Crescita, era possibile scegliere di ottenere il Bonus Caldaia in due modi:

  • Detrazione Irpef in 10 anni con comunicazione all’ENEA (Ente per le nuove tecnologie, l’energia e l’ambiente).
  • Sconto immediato in fattura, senza l’obbligo di comunicazione all’ENEA.

Oggi non è più possibile beneficiare dello sconto immediato in fattura. Pertanto, il lettore/contribuente che ci ha posto la domanda può usufruire solo della Detrazione Irpef in 10 anni come unica opzione.

Ricordiamo, inoltre, che lo sconto dev’essere diviso in 10 importi uguali e ognuno di questi dev’essere comunicato nella dichiarazione dei redditi, a partire dall’anno successivo alla spesa sostenuta.

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here