il-riso-contiene-glutine

Il riso contiene glutine? Sono tantissime le persone che si pongono questa domanda. Nelle prossime righe, abbiamo risposto assieme a questa domanda, cercando di capire qualcosa di più sul binomio celiaci riso. Dato che si tratta di una tematica di natura medica, il consiglio che diamo è quello di consultare il proprio nutrizionista di fiducia.

Il riso contiene glutine?

Il riso è annoverato tra gli alimenti senza glutine. Alla luce di ciò, può essere considerato tranquillamente nell’ambito di una dieta per celiaci. Grandissima notizia per chi ha appena ricevuto la diagnosi della patologia autoimmune!

In questi momenti, è naturale anche chiedersi il glutine dove si trova. Questo complesso proteico è presente nel grano duro, nel frumento, nelle germe di grano, nel bulgur. Quando ci si chiede dove si trova il glutine, è necessario chiamare in causa anche la segale, il cous cous, la birra.

Quando si punta a mangiare senza glutine, cosa è meglio includere nella dieta (oltre al riso)? Nell’ambito degli alimenti senza glutine elenco troviamo le uova e, per tornare al campo dei cereali, il mais. Gli alimenti senza glutine lista comprendono anche l’amaranto, le patate, i fagioli.

Dopo questa doveroso cenno, è il caso di tornare nuovamente sul binominio riso glutine per parlare di un interrogativo molto diffuso. Di cosa stiamo parlando? Delle domande che molti celiaci si pongono in merito al rischio di contaminazione durante le fasi di lavorazione.

No, non bisogna preoccuparsi di trovare glutine nel riso. Il motivo è molto semplice: vengono messe in atto delle misure di prevenzione molto severe, come per esempio la vagliatura che precede il confezionamento.

Come rispondere invece alle domande di chi si chiede se il riso integrale contiene glutine? Anche in questo frangente, la risposta è negativa. Il binomino riso e glutine non ha quindi alcun fondamento.

Le marche da acquistare per intolleranze

Il paragrafo precedente rende chiaro il fatto che non esiste un vero e proprio riso per celiaci. Dato che questo cereale è naturalmente privo di glutine, ci si può orientare verso qualsiasi marca. Se proprio si cerca il massimo dal punto di vista della salute e  della sostenibilità, si  può optare per marche i cui prodotti sono frutto di agricoltura biologica e biodinamica.

Se con il riso e le aziende che lo producono si può stare tranquilli, gli esperti consigliano, in caso di celiachia o intolleranza al glutine – le due condizioni sono differenti – di porre attenzione a prodotti come la gallette e i biscotti di riso. In questi frangenti, infatti, è possibile notare l’utilizzo di farine caratterizzate dalla presenza di glutine.

La cosa migliore da fare è quindi leggere l’etichetta dei prodotti che si acquistano, regola di buonsenso generale. Se si è celiaci o intolleranti al glutine e si fa shopping in un negozio non specializzato – con l’ovvia necessità di cercare i prodotti tra tutta la merce – è bene accertarsi della presenza della dicitura “senza glutine” o del simbolo della spiga di grano barrata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here