Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Curiosità

Quanto guadagnano i telecronisti Rai?Le cifre

Quanto guadagnano i telecronisti Rai? E’ la domanda che molti si pongono in concomitanza alla trasmissione delle partite di calcio nel corso di queste settimane. Sono partite sulla quale la Rai trattiene i diritti, come per l’Under 21, la Champions League in passato, Coppa Italia e Supercoppa italiana.

Quanto guadagnano i telecronisti? La cifra è un mistero

Ad oggi conoscere a quanto ammontano gli stipendi dei telecronisti Rai è davvero difficile. Le cifre non sono mai state rese note in maniera ufficiale. Sono stati pubblicati gli stipendi di coloro che godono di un rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato che corrisponde ad uno stipendio pari o superiore a 200 mila euro.

Per esempio Bulbarelli nel 2019 ha ricevuto una retribuzione lorda di 202.694 euro. Mediante questa informazione e considerando le caratteristiche del contratto collettivo nazionale dei giornalisti con accordo integrativo siglato tra Usigrai e Rai si può arrivare alla conclusione che i telecronisti Rai guadagnano una cifra che si aggira intorno ai 150 mila euro e questa sarebbe la retribuzione fissa. Poi c’è in aggiunta la retribuzione accessoria che invece ruota intorno a 1.954 euro e infine 40.908 euro la retribuzione variabile. Ogni giornalista e telecronista ha una storia a sè, c’è chi guadagna di più e chi meno, la somma cambia anche in base all’esperienza.

Chi sono i telecronisti più conosciuti

Le voci dei telecronisti sono sempre state le stesse nelle varie competizioni calcistiche: impossibile dimenticare quelle di Alberto Rimedio, Stefano Bizzotto, Luca De Capitani, Dario Di Gennaro, Giacomo Capuano, Gianni Bezzi, Marco Lollobrigida e Federico Calcagno.

Dal 2014 però il telecronista Rai delegato per gli incontri della Nazionale italiana di calcio è Alberto Rimedio che inizialmente è stato affiancato al collega Stefano Bizzotto, poi a Giovanni Trapattoni, poi a Walter Zenga durante gli Euro 2016, in seguito ad Alberto Zaccheroni e nel 2017, ancora una volta a Walter Zenga. Per un breve periodo nel 2018 ha lavorato con Antonio Di Gennaro.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.