Reddito Emergenza 2021: nuove domande dal 1° luglio

Con il Decreto Sostegni bis arrivano altri 4 mesi di Reddito Emergenza 2021. Verranno erogati nei mesi estivi, da giugno a settembre 2021. Il REM di 400 euro fissi per i disoccupati che hanno terminato la Naspi non è stato prorogato. Per loro viene eliminata la graduale riduzione dell’indennità di disoccupazione nei mesi successivi al quarto fino a fine 2021.

Le domande per la richiesta del REM potranno essere inoltrate sul sito INPS a decorrere dal 1° luglio fino al 31 luglio.

Requisiti e modalità di erogazione dovrebbero essere le stesse previste per il reddito di emergenza del Sostegni 1. Ad ogni modo, a breve l’INPS emanerà la circolare con le istruzioni dettagliate.

Reddito emergenza 2021: requisiti del Sostegni 1

Il Decreto Sostegni 1 ha assegnato ulteriori 3 mensilità di REM a famiglie con:

– ISEE inferiore a 15mila euro;

– reddito familiare, a febbraio 2021, inferiore alla soglia di 400 euro moltiplicati per il corrispondente parametro della scala di equivalenza fino ad un massimo di 2 (800 euro) o ad un massimo di 2.1 in caso di familiari non autosufficienti o con disabilità grave;

– patrimonio mobiliare familiare nel 2020 inferiore ai 10mila euro, soglia aumentata di 5mila euro per ogni componente successivo al primo e fino a massimo di 30mila euro. Questo massimale aumenta di 5mila euro in caso di familiare non autosufficiente o con disabilità grave.

In base alle varie situazioni familiari, il reddito di emergenza va da un minimo di 400 euro fino ad un contributo massimo di 1.470 euro.

REM: modalità di pagamento

Le modalità di pagamento del Reddito di emergenza sono tre:

– bonifico bancario o postale sul conto intestato al richiedente;

– libretto postale;

– bonifico domiciliato, ovvero pagamento in contanti presso lo sportello di Poste Italiane. Il REM viene pagato presso gli sportelli di Poste Italiane anche nel caso in cui le coordinate bancarie o l’Iban siano indicati nella domanda in modo errato.

Reddito emergenza 2021: incompatibilità

Il REM è incompatibile con:

– altri benefici percepiti per fronteggiare la crisi Covid-19;

– indennità da 2400 euro per lavoratori a termine o precari introdotte dal Decreto Sostegni;

– pensione diretta o indiretta tranne l’assegno ordinario di invalidità;

– rapporto di lavoro dipendente con retribuzione lorda superiore a 400 euro, ad eccezione dei contratti di lavoro intermittente senza indennità di disponibilità;

– reddito di cittadinanza.

Come richiedere il Reddito di emergenza 2021

La domanda per il REM deve essere inviata esclusivamente online al sito istituzionale INPS (con autenticazione tramite PIN, SPID, CNS E CIE).

In alternativa, è possibile rivolgersi agli istituti di patronato oppure ai centri di assistenza fiscale convenzionati con l’INPS.

In genere, l’erogazione del REM avviene dal mese successivo alla data della domanda.

Exit mobile version