Considerato uno tra i cosiddetti “beni rifugio”, l’oro attira l’attenzione di moltissimi investitori e sono sempre di più coloro che si chiedono se, effettivamente, al giorno d’oggi, convenga o meno investire in questo metallo prezioso.

Oro: quale è il suo prezzo attuale?

L’oro è quotato a 36,65 euro al grammo e le recenti performance vengono considerate positive, segno di un bene destinato a non tramontare (almeno per il momento).

I numerosi investimenti sull’oro non sono di certo casuali ma trovano una delle motivazioni principali nel fatto che questo metallo prezioso venga considerato, oltre che sicuro, anche destinato a generare dei profitti nel tempo e la sua quotazione permette di non esporsi eccessivamente al rischio di inflazione e, contestualmente, a quello legato ad un – seppur potenziale – aumento dei prezzi.

Ma per investimenti cauti e mirati è sempre bene analizzare quello che è l’andamento del mercato: ecco perché, è indispensabile valutare attentamente le quotazioni dell’oro prima di decidere se acquistarlo o meno.

Oltre ai numerosi siti che monitorano le varie oscillazioni del mercato del metallo prezioso, gli investitori attenti sanno bene che dovranno fare qualche click per raggiungere la pagina della London Bullion Market Association, attendibile e affidabile anche perché riporta per ben due volte al giorno il fixing ufficiale.

Ma quali sono i reali e validi motivi per investire in oro?

Prima di tutto, come abbiamo già sottolineato, si tratta di un bene rifugio che permette investimenti in maniera diversificata e di affrontare al “meglio” anche i periodi neri di crisi economica.

Un’altra osservazione riguarda una domanda che, stando alle analisi degli specialisti, risulta sempre molto elevata. Ciò, ovviamente, rende l’oro ancor più prezioso.

Negli ultimi anni, le performance di questo metallo hanno fatto registrare sempre un’importante cifra percentuale in rialzo che crea precedenti che lasciano ben sperare.

Pertanto, chi fa il passo di investire nell’oro guarda al vantaggio di proteggere il proprio capitale con un metallo prezioso che, essendo difficile da estrarre, è certamente considerato pregiato ma, il mercato è anche caratterizzato da una bassa volatilità.

Non solo, investire in oro significa guardare al futuro e a rendimenti valutabili nel lungo periodo. Gli investitori esperti sanno anche che l’oro sarà certamente capace di garantire stabilità, in quanto si tratta di un bene fisico e come tale non può subire alcun default.

Attraverso queste ragioni, in conclusione, si può ben comprendere il perché – da sempre – l’oro rimane in cima alla lista dei desideri degli investitori.

x
Previous articleTessera sanitaria: le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate
Next articleRischio di controparte: che cosa comporta a livello finanziario?