Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Curiosità

Quanto guadagna Maurizio Landini nuovo segretario CGIL

Quanto guadagna Maurizio Landini, ex leader della FIOM, prossimo segretario generale della CGIL che prende il posto di Susanna Camusso?

Rispetto a molti altri volti noti, appartenenti anche al mondo della politica, Maurizio Landini non vuole tenere segreti gli introiti. Afferma che la sua busta paga è di dominio pubblico perché vuole essere trasparente anche in questo e non tenere segreta la cifra che percepisce mensilmente e annualmente per il lavoro svolto.

Quanto guadagna Maurizio Landini, uno dei più apprezzati della CGIL

Maurizio Landini nel corso degli anni si è fatto apprezzare dai più soprattutto per le battaglie che ha portato avanti per tematiche conosciute in tutto il mondo come l’Ilva di Taranto e la Thyssen.

Portavoce di varie rivendicazioni, il suo stipendio come segretario della Fiom era di €2250 netti al mese, un terzo del guadagno dei parlamentari italiani.

Con il passaggio alla guida della CGIL lo stipendio ha subito uno scatto avanti. Mentre l’ex segretario Camusso percepiva però €4000 netti al mese, lui adesso ne guadagna 3700.

Qualche informazione sulla vita privata e lavorativa di Landini

Un lungo e duro testa a testa tra Landini e Colla, ha condotto alla vittoria del primo per andare dritti verso l’accordo che probabilmente sbloccherà la situazione entrata in fase di stallo con l’arrivo della Camusso.

Maurizio Landini, nato a Reggio Emilia nel 1961, prende parte alla Resistenza, si evidenzia come grande lavoratore, impegnato in un’azienda metalmeccanica dove svolge il lavoro come apprendista saldatore.

Dà avvio negli anni 80 alla sua attività sindacale presso la Fiom. Si fa apprezzare per l’impegno e la determinazione di alcune questioni realmente importanti. Prende a cuore i diritti dei lavoratori e si batte per loro. È lui a richiedere le trattative più delicate come il rinnovo dei contratti Piaggio ed Indesit e di molte altre grandi aziende conosciute in tutto il territorio italiano.

E’ a giugno del 2010 che viene nominato segretario generale della FIOM. Qui rimane fino a luglio 2017 quando arriva la nomina alla guida della CGIL.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.