Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Salute e Benessere

Massaggio carotideo: cosa provoca, tachicardia, a cosa serve

Massaggio carotideo a cosa serve

Il massaggio del seno carotideo è usato per diagnosticare la sincope del seno carotideo ed è talvolta utile per differenziare la tachicardia sopraventricolare (SVT) dalla tachicardia ventricolare. Come la manovra di Valsalva, è un trattamento per la SVT acuta. È meno efficace della gestione farmaceutica della SVT con verapamil o adenosina, ma è ancora la prima linea preferita di trattamento in un paziente emodinamicamente stabile.

Cosa provoca il massaggio carotideo, la carotide dove si trova

Il massaggio del seno carotideo può provocare uno dei quattro possibili effetti: (1) diminuzione temporanea della frequenza atriale in pazienti con tachicardia sinusale o AT automatica; (2) rallentamento della conduzione AVN e blocco AVN, che può smascherare l’attività elettrica atriale – cioè, rivelare onde P o onde di flutter in pazienti con AT o AFL diminuendo il numero di complessi QRS che oscurano la linea di base elettrica; (3) con alcuni SVT che richiedono la conduzione AVN, specialmente AVNRT e AVRT, il rallentamento transitorio della conduzione AVN può terminare l’aritmia interrompendo il circuito di rientro; meno comunemente, il massaggio del seno carotideo può causare il rallentamento e la terminazione di alcuni AT; o (4) in alcuni casi, non si osserva alcun effetto.

Massaggio seno carotideo tachicardia

La tachicardia sopraventricolare (SVT) è un’anomalia cardiaca comune che si presenta come un ritmo cardiaco veloce. SVT è un termine generico applicato a qualsiasi tachicardia che ha origine al di sopra dei ventricoli e che coinvolge il tessuto atriale o il tessuto del nodo atrioventricolare (AV).4 Questo disturbo del ritmo cardiaco può verificarsi in individui sani e può includere sintomi quali dolore al petto, palpitazioni, mancanza di respiro, sudorazione, sensazione di svenimento e, raramente, può verificarsi incoscienza. L’incidenza della SVT è di circa 35 casi su 100.000 pazienti con una prevalenza di 2,25 casi su 1.000 nella popolazione generale.2

Il trattamento della tachicardia sopraventricolare di solito comporta una combinazione di manovre vagali (VM), farmaci o terapia elettrica.4 L’uso delle manovre vagali come strumento di gestione di prima linea per l’inversione della SVT sia in medicina d’urgenza che nell’ambiente dell’emergenza pre-ospedaliera richiede un esame continuo e un perfezionamento per definire sia l’appropriatezza che l’efficacia.3 Per capire come funziona una manovra vagale per rallentare o terminare una frequenza cardiaca rapida, è importante comprendere la fisiopatologia alla base della SVT. La SVT è un battito cardiaco rapido che ha origine nelle camere sopra i ventricoli. Può verificarsi a causa di una varietà di ragioni, come anomalie strutturali e insufficienza cardiaca. L’uso di manovre vagali per la gestione della SVT richiede anche la definizione di ciò che costituisce un’aritmia sopraventricolare e di come questa possa essere efficacemente terminata attraverso un aumento della refrattarietà miocardica.

Seni carotidei, cosa sono

Il seno carotideo è una dilatazione dell’arteria carotide interna alla sua origine, alla biforcazione dell’arteria carotide comune.

Il seno carotideo viene coinvolto nel meccanismo di regolazione a breve termine della pressione sanguigna. Nel caso di un aumento di pressione ematica le pareti delle arterie subiscono uno stiramento, il quale provoca una stimolazione dei barocettori presenti sia nel seno carotideo che nell’arco aortico. In seguito a questa stimolazione avviene un aumento degli impulsi nervosi nel nervo glossofaringeo diretti al cervello che vanno ad attivare il sistema nervoso parasimpatico tramite l’efferenza riflessa nel nervo vago. Quest’ultimo provvederà ad aumentare il rilascio di acetilcolina che diminuirà l’attività del sistema nervoso simpatico. Tutto questo porterà una riduzione della frequenza cardiaca (con conseguente riduzione della gittata cardiaca) e vasodilatazione con diminuzione della pressione sanguigna. Tutto ciò può avvenire nel giro di pochi secondi o pochi minuti.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.