Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Economia

Bonus facciate al 90% per il 2021, poi detrazione al 75%

Non si parla d’altro che di Superbonus 110%, il bonus che consente di effettuare interventi edilizi a costo zero. C’è un’altra agevolazione molto apprezzata ed è il Bonus facciate al 90% che, secondo quanto ha lasciato trapelare il Governo, potrebbe ridursi al 75% insieme ad altre agevolazioni per la ristrutturazione.

In sostanza, il Superbonus 110% resterà valido fino al 2024, mentre il Bonus facciate 90% (garantito per il 2021) dovrebbe in seguito ridursi al 75%. Tutto dipende da cosa deciderà l’esecutivo.

In questa guida, spieghiamo come funziona il Bonus facciate, quali sono i lavori ammessi e quelli esclusi, quali documenti sono necessari per richiedere la detrazione Irpef.

Bonus facciate al 90% per il 2021: come funziona, lavori ammessi ed esclusi

Il Bonus facciate prevede la detrazione fiscale del 90% senza limiti di spesa per i seguenti lavori edilizi effettuati nel 2020 o nel 2021:

– rifacimento delle facciate esterne di un edificio (include opere di pulitura e pittura e ristrutturazioni profonde);

– interventi su elementi esterni (balconi, parapetti, cornici, grondaie, ornamenti, fregi, ecc.)

Gli interventi massicci sulle facciate esterne (oltre il 10% dell’intonaco o se incidono sul fattore termico) dovranno rispettare requisiti minimi definiti dal Ministero per lo Sviluppo.

Gli immobili oggetto degli interventi possono appartenere a qualunque categoria catastale: l’importante è che siano localizzati nelle zone A e B previste dal decreto ministeriale n. 1444/1968.

Si può ottenere il Bonus facciate anche in caso di abusi edilizi purché siano di lieve entità (ovvero incidano meno del 2% sulla struttura).

Sono esclusi dal bonus i seguenti lavori:

– interventi sulle parti trasparenti (sostituzione di infissi);

– facciate interne, a meno che non risultino visibili dal suolo pubblico.

Attenzione, però. Gli interventi non ammessi possono essere agevolati con il Bonus casa (detrazione del 50% per lavori di ristrutturazione) fino a 96mila euro massimo. Questo bonus prevede solo la detrazione, non lo sconto in fattura o la cessione del credito

Documenti necessari per richiedere il Bonus facciate 90%

Se si sceglie la detrazione fiscale del 90% bisogna effettuare il pagamento dei lavori con bonifico indicando causale e codice fiscale (o partita IVA) del destinatario.

Nell’inserire la spesa dei lavori nella dichiarazione dei redditi, si dovranno indicare i dati catastali dell’immobile oggetto del bonus facciate.

E’ importante conservare alcuni documenti in quanto potrebbero essere richiesti dall’Agenzia delle Entrate, ovvero:

– fatture relative ai lavori edilizi;

– domanda di accatastamento;

– ricevute delle tasse pagate sull’immobile;

– delibere assembleari (solo per i condomini).

Se si opta per lo sconto in fattura, l’impresa edile incaricata ad effettuare i lavori anticiperà la somma per, poi, chiedere il rimborso con credito d’imposta.

Sconto in fattura o cessione del credito

Secondo quanto ha stabilito il Decreto Rilancio 2020, per il Bonus facciate 2021 è possibile optare per:

– detrazione fiscale 90% nell’arco di 10 anni in rate di pari importo;

– sconto in fattura;

– cessione del credito.

La possibilità di scegliere fra queste 3 opzioni è indicata nella scheda informativa pubblicata sul sito dell’AdE.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.