Gabriella Ferri
Gabriella Ferri
Gabriella Ferri una delle artiste più complete della musica italiana ricordata in particolare per essere stata interprete di canzoni dialettali. Nata il 18 settembre 1942 a Testaccio,
muore il 3 aprile 2004. Cade dal balcone della casa a Corchiano. Sulla sua morte ancora oggi aleggia un mistero. Non è chiaro se si sia trattato di un incidente o di un suicidio.
Ragazza irrequieta, anche a causa del rapporto col padre Vittorio che di mestiere fa l’ambulante. Con lui ha un legame particolare, contrastato, nonostante ciò rimane una figura centrale, vitale per Gabriella.
È dalla figura paterna che accoglie l’amore per l’arte, prende i testi scritti dal papà e li mette in musica. Così muove i suoi primi passi in un ambiente del tutto nuovo. Ha particolare dimestichezza col repertorio popolare.

Gabriella Ferri: carriera

Trasferitasi a Milano, collabora con Luisa De Santis, nasce un duo. Le giovani artiste conoscono Enzo Jannacci che le fa esibire all’Intra’s Derby Club attirando l’attenzione del discografico Walter Guertler. Partecipano alla trasmissione di Mike Buongiorno “La fiera dei sogni”, cantando “La società dei magnaccioni”. Il duo si scioglie due anni dopo.
Incide e pubblica i suoi primi album da sola. Il grande successo nel 1966 quando gira Stati Uniti e Canada in spettacolo. Il rientro a Roma è l’inizio di una nuova fase della carriera di Gabriella Ferri. Conosce Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Renzo Arbore, che le dà un cospicuo spazio nel suo canzoniere. Debutta al Bagaglino e qualche anno dopo, nel 1967 si ferma. Un momento buio per l’artista che convola a nozze. Un matrimonio di breve durata dal quale nasce Seva Borzak Jr.
Nel 1969 partecipa a Sanremo con “Se tu ragazzo mio”, ma è un flop, il brano viene eliminato subito. Ancora una volta il successo arriva dall’Argentina, dal Venezuela e dal Cile. Per questo intraprende un tour in quei paesi lasciando l’Italia.
Nel 1970 registra il suo secondo album. La carriera procede tra alti e bassi fino al 1987 quando si trasferisce negli Stati Uniti. L’ultimo singolo di lancio, “Er Zelletta”, col quale prova ancora una volta a salire sul palcoscenico per poi ritirarsi dalle scene per scarsi risultati. Negli anni 90 fa ancora un tentativo con qualche comparsa sporadica con risultati deludenti. Il suo talento, la passione, l’originalità, si spengono qualche anno dopo.

x
Previous articleEcco il trailer di Solos, nuova serie Prime Video: quando esce e il cast stellare completo
Next articleOtobio: come si assume, prezzo, recensioni