Please wait..
Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Economia

Terremoto Partite IVA: la flat tax sarà confermata al 15%?

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze è intenzionato a non cambiare le carte in gioco per le Partite IVA che hanno optato per il regime forfettario.

Sembra essere confermata la flat tax o la tassa “piatta” al 15% o al 5% (per i primi 5 anni di attività).

A confermarlo è la stessa sottosegretaria MEF Maria Cecilia Guerra durante l’interrogazione presso la Commissione Finanze.

Partite IVA: Flat Tax confermata al 15%

È salva la flat tax al 15% per i titolari di Partita IVA in regime forfettario con ricavi e compensi fino a 65.000 euro annui.

Qualche giorno fa si era scatenato un terremoto ed erano sorti tanti dubbi ed ansie riguardanti la conferma della tassa “piatta” al 15% per i Forfettari.

Il Direttore generale delle Finanze, Fabrizia Lapecorella, aveva proposto di alzare l’aliquota per il regime forfettario al 23%.

Si trattava di un’ipotetica ipotesi allo studio, ma il MEF ha smentito e ha confermato l’aliquota al 15%.

A confermarlo è la stessa sottosegretaria al MEF Maria Cecilia Guerra, che ha sottolineato:

“La professoressa Lapecorella non ha suggerito delle linee di intervento, limitandosi a valutazioni che attengono alla maggiore o minore efficacia di alcune forme di prelievo e immaginando possibili forme evolutive di alcuni regimi di tassazione.”

Partite IVA Forfettarie: quali sono i requisiti necessari?

Il primo requisito per i soggetti titolari di Partita IVA Forfettaria è non superare i 65.000 euro all’anno.

Nel caso in cui si svolgano più lavori corrispondenti a diversi Codici ATECO è necessario considerare la somma dei ricavi e dei compensi relativi alle diverse attività svolte dalla Partita IVA Forfettaria.

Inoltre, occorre non aver percepito oltre 30.000 euro di redditi da lavoro dipendente o da pensione.

Altro requisito per le Partite IVA Forfettarie è non aver sostenuto spese superiori a 20.000 euro lordi per lavoro accessorio, lavoro dipendente e per compensi erogati ai collaboratori.

Partite IVA Forfettarie: obbligo estensione fattura elettrica

La Corte dei Conti nella Memoria sul Documento di Economia e Finanza 2021 ha indicato l’estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica per le Partite IVA in Regime Forfettario.

L’obbligo di estensione della fattura elettronica verrebbe esteso a una platea di 1,5 milioni di Partite IVA Forfettarie.

Per le Partite IVA Forfettarie si prospettano mesi di cambiamenti per quanto riguarda gli adempimenti da rispettare.

Fino al 2024 è stata richiesta dal Parlamento alla Commissione Europea una doppia estensione temporale e di beneficiari riguardante la proroga della fatturazione elettronica.

Si mira a monitorare il fatturato prodotto sull’intero territorio nazionale e a combattere l’evasione fiscale.

 

 

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Le più belle Immagini di Buongiorno nuove Per oggi Giovedì 06 Giugno 2024

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.