Alfred Molina racconta il ritorno di Doc Ock in 'Spiderman: No Way Home'

Alfred Molina ha interpretato per la prima volta il fisico nucleare trasformato in megalomane di Otto Octavius ​​in SpiderMan 2, diretto da Tobey Maguire del 2004.

Ora riprende il ruolo dopo oltre 15 anni nella nuova sceneggiatura di Tom Holland SpiderMan: No Way Home .
Molina ha detto in un’intervista che aveva “l’ordine di non parlarne” durante le riprese. Tuttavia, la notizia è ovunque su Internet e ha spiegato Molina, prima di etichettarsi come “il segreto peggio tenuto a Hollywood”.
Molina ha poi profuso il ritorno del personaggio, dando uno sguardo alle conversazioni dietro le quinte che ha avuto con il regista di No Way Home, Jon Watts .

A proposito di lavorare a No Way Home , Molina ha detto: “È stato unico!
Incredibile tornare indietro nel tempo così, dopo 17 anni, per interpretare lo stesso ruolo, dato che negli anni a venire mi sono trasformato e ora ho due menti, un bargiglio, zampe di gallina e una parte bassa della schiena leggermente instabile “.

In Spider-Man 2 , un incidente di laboratorio trasforma il futuro mentore di Peter Parker nel micidiale Doc Ock, giustamente chiamato per i tentacoli meccanici che escono dalla sua schiena.

Doc Ock entra in conflitto diretto con Peter Parker poiché desidera ardentemente perfezionare il suo reattore a fusione sperimentale a tutti i costi.
Doc Ock semina il caos su New York City fino a quando Parker fa appello alla benevolenza e all’umanità che giace in profondità sotto la superficie malvagia di Ock.
Ock quindi spinge se stesso e il suo reattore nell’East River, portando alla sua morte definitiva.

Tom Holland dice anche che ‘SpiderMan: No Way Home’ completa la sua comparsa nei film e quindi sarà l’ultima apparizione, ma “Se Mi Rivogliono, Sarò Lì In Un Batter D’occhio”

Spiderman Film: quando arriva il nuovo movie della Marvel?

SpiderMan: No Way Home deve spiegare come Doc Ock è tornato dalla morte, a cui Watts ha detto: “In questo universo, nessuno muore davvero”.

Secondo quanto riferito, il suo rientro riprenderà da quel momento “finale” nel fiume, presumibilmente permettendo a qualche magia di riprendere le redini.
Sebbene i Marvel Studios abbiano deluso raramente sul fronte narrativo, Molina ha condiviso i dilemmi personali che aveva intorno al suo ritorno.

Parlando del ruolo, Molina ha spiegato di essere preoccupato per la sua fisicità.
Capì che gli effetti tecnici potevano rimuovere gli anni visivamente ma non potevano invertire il processo di invecchiamento in termini di movimento.

Molina ha fatto riferimento a The Irishman , condividendo: “Hanno reso il viso di Robert De Niro più giovane, ma quando combatteva, sembrava un ragazzo più grande. Sembrava un vecchio! Questo è ciò che mi preoccupava di fare di nuovo questo personaggio. “ Eppure, Molina ha poi ricordato un dettaglio fondamentale: “i tentacoli fanno tutto il lavoro!”

Molina ha spiegato che fanno tutto “le braccia che stanno uccidendo, distruggendo” e deve semplicemente mantenere un’espressione minacciosa fissata sulla telecamera.

Sebbene né la Sony né la Marvel abbiano confermato esplicitamente il ritorno dell’attore, la notizia è uscita da un po’ di tempo e questa intervista ha semplicemente fornito ai fan un altro bocconcino di informazioni su cui teorizzare.

No Way Home è attualmente programmato per la prima volta il 17 dicembre 2021.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here