I pagamenti digitali sono sempre più diffusi, anche per via della crescita esponenziale dello shopping online, ormai entrato a far parte delle nostre abitudini quotidiane. L’utilizzo delle carte di credito e debito sia nei negozi fisici che sui siti di e-commerce offre ormai ampie garanzie di sicurezza, ma è bene conoscere alcuni importanti suggerimenti riguardo i principali rischi che il loro uso comporta e come evitarli con qualche piccolo accorgimento.

Come funzionano le carte di credito e debito

Le carte rappresentano uno degli strumenti di pagamento più utilizzati, non soltanto per pagare online ma anche per effettuare transazioni senza contante nei negozi fisici. La praticità d’uso, unita a livelli di sicurezza sempre crescenti e a politiche incentivanti in tal senso da parte del Governo, come l’ormai famoso Cashback di Stato, è senza dubbio uno dei motivi che spinge gli utenti a scegliere questo sistema per i propri acquisti.

Sebbene vengano utilizzate in maniera simile, carte di credito e debito presentano alcune differenze sostanziali: le prime infatti prevedono l’addebito nel mese successivo rispetto a quello dell’acquisto, mentre quando si effettua una spesa con le carte di debito, come per esempio il Bancomat, l’importo viene immediatamente addebitato sul conto corrente collegato alla carta stessa. Queste ultime, inoltre, per essere utilizzate richiedono un codice PIN, fornito dalla stessa banca e inserito sul POS per autorizzare la transazione. Una terza via è quella delle carte prepagate, utilizzabili proprio come una carta di debito ma non collegate ad alcun conto bancario: in questo caso, le cifre vengono caricate dall’utente sulla carta e gli acquisti possono essere effettuati entro i limiti del saldo totale presente al momento della spesa.

Ma come utilizzare le carte in maniera del tutto sicura? Ecco alcuni suggerimenti utili.

Scegliere siti affidabili per i propri acquisti

Che si tratti di carte di credito, debito o prepagate, il primo consiglio da seguire è quello di affidarsi solo a siti in grado di garantire i migliori standard di sicurezza. Le carte offrono oggi di per sé elevati livelli di protezione per i titolari, tanto da essere ampiamente utilizzate anche su portali appartenenti a settori particolari come quelli per gli investimenti finanziari o per la partecipazione ai giochi da casino, da sempre attenti a fornire standard e protocolli avanzati in tal senso, ma è chiaro che l’attenzione dell’utente deve essere sempre alta: ecco perché la scelta dei portali su cui acquistare beni e servizi rappresenta un momento fondamentale.

Se ci si rivolge a siti web già noti e presenti da anni sul mercato, in genere si può stare tranquilli riguardo al rischio di truffe e raggiri. In linea di massima, comunque, per valutare l’affidabilità di un sito si consiglia di verificare la presenza di alcune caratteristiche, come il protocollo https nella barra degli indirizzi, l’indicazione di tutti i dati relativi all’azienda (denominazione sociale, sede, partita IVA, ecc.) e la presenza di certificazioni di qualità, laddove previste.

Non comunicare i dati della propria carta a terzi

I dati relativi alla carta di credito o di debito vanno comunicati solo ed esclusivamente in fase di pagamento tramite portale autorizzato: mai, dunque, inviare i propri estremi a terzi, per esempio via mail o telefonicamente. Proprio su queste leggerezze contano coloro che effettuano tentativi di phishing, ossia quella particolare forma di truffa in cui, attraverso una e-mail contraffatta e apparentemente proveniente da un operatore bancario o da un altro portale, si cercano di ottenere tali dati.

Il malcapitato che dovesse fornire codici personali al truffatore rischia, infatti, di vedersi addebitare spese per acquisti di cui non è a conoscenza e di dover richiedere il blocco della carta non appena si accorge dell’accaduto. Per fortuna, la tecnologia è da questo punto di vista sempre più al fianco dell’utente, come dimostra per esempio l’ormai ampio utilizzo di doppie chiavi di cifratura e codici di sicurezza temporanei, che in molti casi possono impedire ai malintenzionati di concludere la transazione, non essendone questi ultimi in possesso.

Ecco perché un ulteriore suggerimento è quello di preferire operatori in grado di garantire la disponibilità dei sistemi di sicurezza più avanzati attualmente presenti nel settore bancario e dei pagamenti digitali.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here