Andrea Failli è nato a Roma nel 1981. Nel 2004 ha conseguito la laurea in Sociologia con indirizzo politico-istituzionale.

Dopo vari traslochi si è stabilito a Torino, dove lavora nell’ambito del web e nel contempo porta avanti l’attività della band indipendente Cado nello specchio, di cui è cantautore.

Noi l’abbiamo intervistato per saperne di più sul suo libro Noi siamo la rivoluzione.

L’intervista a Andrea Failli

Parlaci un po’ di te…
Sono Andrea Failli, cantautore della Band indipendente Cado nello specchio.

Cosa ti piace leggere?
Non sono un lettore seriale, ci sono periodi che inizio a leggere e non mi fermo mai, un libro dopo l’altro. Poi ci sono periodi anche di mesi in cui non leggo nulla, ad esempio questo mese non ho letto nulla, ieri camminando per casa mi son fermato guardando la libreria e ho aperto un libro di poesie di Prévert e mi son letto qualche pagina.

Qual è il tuo hobby?
Il mio hobby è scrivere romanzi, ma ho scoperto che è un hobby troppo impegnativo, forse dovrei cambiarlo.

Parlaci del tuo libro. A chi lo consiglieresti e perché?
Consiglio il mio libro a tutti coloro che si interessano all’attualità, a coloro che non danno per scontato la società in cui viviamo ma che la mettono in dubbio dal punto di vista politico e sociale. Se credi ancora in un mondo migliore, leggi questo libro. In realtà Noi siamo la rivoluzione è una storia soprattutto di amicizia ma che si fonde con una trama politica che dà adito a riflessioni di diversa natura.

Come sono nati i personaggi?
Quelli che mi conoscono bene hanno rivisto nei personaggi dei miei amici ma è vero solo parzialmente, quando ti trovi a scrivere un romanzo ogni personaggio è un riassunto di persone che conosci, di libri letti, di canzoni ascoltate, di estati e serate infinite.

Ti è mai venuto il blocco dello scrittore?
Si, per chiudere questo romanzo ci ho messo 4 anni, la forma canzone è quel tipo di scrittura che mi si addice meglio, con la musica puoi dare una sfumatura alle parole e lasciare molto aperta l’interpretazione personale. Un romanzo no, un romanzo lo devi raccontare.

Quali sono le tue fonti di ispirazione?
La maggiore fonte di ispirazione è senza dubbio la musica, senza musica non oso immaginare quanto vuoto sarebbe questo mondo

Qual è il messaggio insito nel libro?
Essendo un romanzo di amicizia e amore ma intriso di politica, è una domanda che molti lettori mi hanno posto, ma io non ho nessun messaggio da inviare, ho scritto una storia e ognuno può cogliere il messaggio che vuole.

Quanto c’è di te nei tuoi personaggi?
Di me c’è poco, ma c’ tantissimo delle persone che ho conosciuto nella mia vita.

Progetti futuri?
Credo che questo sarà l’unico romanzo che pubblicherò, ne sono soddisfatto e per me è stata una vera sfida portarlo a termine tra lavoro e musica. Porto avanti i progetti musicali con la mia band Cado nello specchio e ho il sogno nel cassetto prima o poi di girare un film, ma per ora resta solo un sogno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here