Kasia Lenhardt: figlio, causa morte, Boateng

Nata nel 1995, Kasia Lenhardt è stata una modella tedesca (di origine polacca), trovata morta nella sua abitazione martedì scorso a Berlino. Ex compagna del calciatore Jérome Boateng – fratello di Kevin Prince Boateng -, la 25enne si sarebbe suicidata, stando alle prime ricostruzioni degli inquirenti in merito al decesso. Il giorno prima di morire, la modella aveva pubblicato una storia sul suo profilo Instagram in cui aveva scritto: “Nuovo capitolo”. Naturalmente, nessuno si sarebbe mai aspettato un epilogo simile.

Kasia aveva raggiunto la popolarità nel 2012, a soli 16 anni, quando aveva partecipato al programma Germany’s Next Top Model. Come anticipato, aveva avuto una relazione piuttosto burrascosa con Jérome Boateng, tanto che, dopo la separazione avvenuta un anno fa, non si erano risparmiati insulti pesanti a vicenda. Ricordiamo che la coppia aveva avuto un figlio, nato quando Kasia aveva solo 19 anni.

Clicca qui per vedere il profilo Instagram di Kasia Lenhardt!

Nelle ultime ore, comunque, stando a quanto riportato dai principali quotidiani, la polizia avrebbe iniziato a indagare proprio sul calciatore, con l’accusa di lesioni personali alla modella che potrebbero averla indotta a togliersi la vita. Non solo, ma il fatto che si fossero lasciati poco tempo fa, potrebbe risultare una cosa decisiva ai fini dell’indagine. A sfavore di Boateng andrebbero anche le molteplici relazioni extraconiugali che avrebbero minato lo stato emotivo di Kasia; non solo, ma ci sarebbe anche una vecchia denuncia contro di lui, poi ritirata, risalente al 2019, in cui la modella lo aveva accusato di lesioni all’orecchio. A questo proposito, emerge un particolare inquietante: quando è stata ritrovato il corpo di Kasia, infatti, a questo mancava un lobo. Che possa trattarsi, invece di suicidio, di omicidio?

Al momento non ci sbilanciamo, aspettiamo solo che la giustizia faccia il suo corso. Non ci resta che mandare il nostro messaggio di cordoglio alla famiglia. Fortemente provata da questa tragica e indicibile situazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here