Sale il pressing delle forze politiche e delle Regioni per garantire, nel rispetto delle regole sul contenimento del contagio, ristori immediati e la possibilità di far continuare le attività nelle aree dove i numeri del Covid lo consentono. Salvini e il presidente della regione Emilia-Romagna Bonaccini hanno simultaneamente chiesto al Governo di lasciare aperti i servizi di ristorazione anche la sera fino almeno al coprifuoco delle 22.

Il pressing sul governo

Il pressing sul Governo da parte della politica e delle associazioni di categoria si sta facendo sempre più insistente. Anche sul fronte dei ristori. Gli indennizzi ormai non viaggiano più in parallelo alle chiusure e ai divieti. Nell’ultimo fine settimana i tecnici hanno iniziato a spingere sull’acceleratore per chiudere entro la fine del mese, o al massimo per l’inizio di marzo, il nuovo decreto ristori. La nuova normativa dovrà anche prolungare la moratoria per il pagamento delle rate previste nell’ambito della “pace fiscale”.

Previous articleFondazione Inda: incontri online con Claudio Strinati, Eva Cantarella, Sergio Grasso e Paola Piacenza
Next articleFesta di carnevale con Covid. Contagiati alunni e insegnanti