Lucia Borgonzoni: cultura, marito, figli, stipendio

Nata a Bologna il 18 settembre del 1976, Lucia Borgonzoni è una politica italiana e senatrice per la Lega. Tra il 2018 e il 2019 è stata Sottosegretario di Stato al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, per il governo Conte I; ruolo per cui è stata confermata anche per il nuovo governo Draghi.

Dopo essersi diplomata all’Istituto Tecnico Aeronautico, ottiene un secondo diploma presso l’Accademia delle Belle Arti di Bologna, nel corso di Arti figurative. Successivamente, ha avuto la possibilità di esporre le sue opere in giro per l’Italia e ha lavorato come designer di interni.

Già durante gli anni delle superiori si era avvicinata alla politica, tesserandosi per Lega Nord. Nelle elezioni provinciali del 2009 viene eletta consigliere nella coalizione di centro-destra, da cui si dimette dopo essere stata eletta a consigliere comunale di Bologna. Nel 2016 si candida a sindaco, dove viene sconfitta da Virginio Merola del PD. Due anni dopo, invece, riesce a farsi eleggere al Senato della Repubblica, sempre sostenuta dal centro-destra. A marzo 2020 ha formalizzato definitivamente la rinuncia al seggio in consiglio regionale, preferendo rimanere in carica come senatrice. 

Qualche anno fa, fecero scalpore alcune sue dichiarazioni rilasciate in un’intervista a Un giorno da pecora, in cui aveva affermato di non leggere libri da anni, a causa del suo lavoro estremamente impegnativo.

Leggo poco, studio sempre cose per lavoro. L’ultima cosa che ho riletto per svago è Il Castello di Kafk.

Una curiosa rivelazione, se si pensa al ruolo che avrebbe dovuto ricoprire in politica.

Non solo, ma in seguito a ciò ha detto:

Ora che mi dedicherò alla cultura magari andrò più al cinema e a teatro. 

Lucia Borgonzoni: stipendio

Naturalmente, è impossibile sapere quanto guadagna di preciso Lucia Borgonzoni. Anche se, è risaputo, che in media un senatore guadagna circa sui 10mila euro al mese.

Previous articleChi sono le Sorelle Fontana? Film, abiti, figli, biografia, moda
Next articleTre film disturbanti (e censurati)