Sartor, l’ex calciatore oggi 46 enne, è stato sottoposto ai domiciliari. Lo hanno beccato in una serra con una coltivazione fin troppo “speciale”. Il luogo prescelto era un casolare abbandonato. L’ex calciatore curava una piantagione di 106 piante di marijuana. A dare l’allarme, i vicini.

Sartor agli arresti, cosa è successo

A darne la notizia la gazzetta di Parma. Il casolare abbandonato scelto da Sartor per la coltura particolare, era entrato nell’occhio dei ciclone. Era stato potenziato l’impianto elettrico. Di notte si scorgevano delle luci e una strana attività. Nelle vicinanze si percepiva uno strano odore. Così la guardia di finanza lo ha trovato assieme a un altro 46enne di Parma, Marco Mantovani, intento a curare la “remunerativa” attività. Arrestato, l’ex giocatore si è avvalso della facoltà di non rispondere. Attualmente è agli arresti domiciliari.

Incriminato anche nel passato…

Già in passato era stato incriminato per la vicenda di Calcioscommesse del 2011. All’ora il tribunale di Bologna dichiarò “estinta la partecipazione ad associazione a delinquere”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here