infezione tatuaggio

Infezione tatuaggio, come funziona e come avviene? Oggi, per la rubrica di salute e benessere, vediamo come funziona e quali sono le cure più comuni per il trattamento di questi problemi alla pelle.

Infezione tatuaggio sintomi

I sintomi possono essere un campanello di allarme molto importante. Quali sono?

  • Gonfiore, pelle arrossata e dolorante nella zona del tatuaggio;
  • Vesciche;
  • Prurito;
  • Se c’è un’infezione grave in corso, febbre;
  • Malessere;
  • Pus e bolle bianche;
  • Nausea;
  • Vomito;
  • Dolori muscolari e alle articolazioni, come se avessi fatto male un allenamento.

Infezione tatuaggio dopo anni è possibile? Sì, se ci sono particolari condizioni. Infatti, secondo l’Istituto Superiore di sanità, i tatuaggi possono creare infezione anche dopo 15 anni da quando si fanno. Le cause sono diverse: esposizione al sole elevata nella zona del tatuaggio e intervento di batteri come lo staphylococcus aureus.

Il problema può avvenire subito quando non si va in un centro specializzato, dove l’igiene è la prima cosa, oppure per via di una reazione allergica agli inchiostri utilizzati.

La setticemia tatuaggio è il segnale che l’infezione è andata avanti e che si deve intervenire subito. Per evitare danni gravi, però, dovresti chiamare un medico prima che l’infezione arrivi a questi livelli.

Infezione tatuaggio cosa fare

La prima cosa da fare è andare dal medico di base e, se l’infezione sta già mostrando pus, richiedere la visita specialistica da un dermatologo. L’esperto indicherà le terapie da seguire e come muoversi per lavare la zona soggetta a infezione.

A qualsiasi punto sia l’infezione, mai grattare e mai innervosirsi, anche se sul momento sembra molto difficile.

Malessere dopo tatuaggio: quando preoccuparsi?

Il malessere non sempre viene riconosciuto come conseguenza del problema, anzi. Spesso ci si sente solo stanchi e si pensa a un carico eccessivo di lavoro, oppure a una sensazione temporanea.

Se i capogiri diventano frequenti e si evidenzia un’infezione tatuaggio pus, allora non ci sono molti dubbi… Questo problema può comportare anche un’infezione tatuaggio bolle.

Queste si trovano nella zona del tatuaggio. Possono avere grandezze diverse in base alla gravità della situazione e, quando sono piene di pus, grattandole si sente dolore.

Di fronte a una situazione del genere, c’è da preoccuparsi e da affrontare il problema con una terapia adeguata.

Infezione tatuaggio cura

Il medico può prescrivere un Augmentin per infezione tatuaggio. In alternativa, si può combattere l’infezione tatuaggio Gentalyn Beta. Non prendere mai questi medicinali da solo, ma aspetta sempre la visita del medico e del dermatologo.

Il medico ti indicherà quando assumere i farmaci e come procedere con la cura. Oltre ai medicinali, si possono prescrivere delle creme (al cortisone e non) per combattere l’infezione in corso.

Trattamento dell’infezione

Il trattamento è topico (quando si usano prodotti direttamente sulla pelle), farmacologico (con medicinali) e con terapie e sedute in ospedale (fototerapia) nei casi più gravi. I rimedi naturali nella zona infetta possono comportare anche un aumento dei danni, quindi in questi casi conviene evitare.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here