Ve lo ricordate il film Robin Hood della Disney?

Ebbene è stato ufficializzato il remake in live action.

Robin Hood: curiosità sull’animazione Disney

Robin Hood del 1973 è diretto da Wolfgang Reitherman. È il 21º Classico Disney ed è basato sulla leggenda di Robin Hood, utilizzando però animali antropomorfi al posto delle persone.

È il primo Classico Disney la cui produzione sia cominciata dopo la morte di Walt Disney e in cui quest’ultimo non sia stato coinvolto in alcun modo.

Inizialmente lo studio aveva considerato un film su Renart la volpe. Tuttavia, poiché Walt Disney era preoccupato che Renart non fosse una scelta adatta per un eroe, Ken Anderson utilizzò molti suoi elementi in Robin Hood.

Infatti, nel film d’animazione, Robin Hood è una volpe maschio, è un astuto e generoso ladro gentiluomo che ruba ai ricchi per dare ai poveri. È adorato dal popolo di Nottingham, poiché loro unica speranza contro le ingiustizie.

È inoltre agile, bravo sia nel travestimento che a recitare, e praticamente imbattibile nel tiro con l’arco. Durante il film si traveste in una varietà di ruoli: da chiromante, da cicogna e da anziano mendicante cieco.

Poiché al lungometraggio venne assegnato un piccolo budget, gli artisti riutilizzarono scene da precedenti Classici Disney. Questo è evidente soprattutto nel corso del numero di canto e danza Il re fasullo d’Inghilterra, dove per i movimenti dei personaggi vennero riciclate le scene di danza de Il libro della giungla, Gli Aristogatti e Biancaneve e i sette nani.

Per le animazioni di Little John e Sir Biss vennero riciclate quelle di Baloo e Kaa de Il libro della giungla.

La scena dove Lady Cocca stringe la proboscide dell’elefante che tenta di dare l’allarme è uguale a una scena del film Il libro della giungla, e in entrambi i film i due pachidermi riproducono il medesimo suono oltre alla stessa conseguente espressione.

In altre scene vengono riutilizzate musiche e suoni tratti da Gli Aristogatti, La bella addormentata nel bosco e Cenerentola.

Nel film vengono riciclati anche dei vestiti: l’abbigliamento di Robin Hood e del Principe Giovanni è uguale, rispettivamente, a quello di Peter Pan e del re di Pomi d’ottone e manici di scopa.

Infine, spesso il film riutilizza le stesse animazioni diverse volte: ciò succede per alcune azioni dei rinoceronti, degli amici di Saetta e dello Sceriffo di Nottingham.

Robin Hood: incassi dell’animazione Disney

Il film, come già accennato, fu prodotto con un budget ridotto (costò circa 1,5 milioni di dollari, più o meno come Biancaneve), ma ebbe un grande successo fin dalla sua uscita iniziale, ottenendo circa 9,5 milioni.

La riedizione del 1982 fece arrivare gli incassi totali a più di 32 milioni.

Il film, inoltre, ricevette una nomination all’Oscar alla migliore canzone per Love, ma perse a favore di The Way We Were dal film Come eravamo.

Robin Hood in live action: cast e data d’uscita

La Disney sta sviluppando un remake live action del suo classico, perché ha deciso di narrare di nuovo la storia per gli abbonati di Disney+, come è già accaduto per Lilli e il vagabondo.

Carlos Lopez Estrada dirigerà il film da una sceneggiatura di Kari Granlund, già responsabile del precedente live action Lilli e il vagabondo.

Purtroppo, non si conoscono ancora ulteriori dettagli.

Quindi, per il momento è tutto. Come sempre… stay tuned! Vi aggiorneremo appena possibile.

Previous articleQuando esce “Pinocchio” in live action? Data ufficiale di uscita, cast, anticipazioni e curiosità
Next articleQuando esce “Peter Pan & Wendy”? Data ufficiale di uscita, cast, anticipazioni e curiosità