Pavel Durov: parla italiano, patrimonio 

Pavel Durov è nato a Leningrado il 10 ottobre del 1984 ed è un imprenditore russo, noto per aver fondato il social network russo VK e il servizio di messaggistica istantanea Telegram. Quest’ultimo, gestito insieme al fratello Nikolaj 

Telegram è un servizio basato su cloud ed erogato senza fini di lucro dalla società Telegram LLC, una società a responsabilità limitata con sede a Dubai. I client ufficiali di Telegram sono distribuiti come software libero per Android, Linux, iOS, MacOS, Windows NT e Windows Phone. Caratteristiche di Telegram sono la possibilità di scambiare messaggi di testo tra due utenti o tra gruppi fino a 200.000 partecipanti, effettuare chiamate vocali e videochiamate cifrate punto-punto, scambiare messaggi vocali, videomessaggi, fotografie, video, sticker e file di qualsiasi tipo fino a 2 GB. 

Nonostante le origini russe, Pavel parla correttamente italiano perché si è trasferito a Torino quando era ancora molto piccolo, a causa del lavoro del padre, latinista e professore di filologia classica. Nel 2001 è rientrato in Russia, prima frequentando il ginnasio, e poi laureandosi in Filologia all’Università di Pietroburgo 

Durov, a soli 36 anni, possiede un patrimonio che ammonta a circa 3,4 miliardi di dollari, ed è stato definito il Mark Zuckerberg russo.  

Pavel Durov: Putin 

Durov ha una visione libertaria della politica e dell’economia, asserisce di essere vegetariano e si definisce un taoista. Ha pubblicato Manifesti anarco-capitalistici descrivendo le sue idee su come migliorare la Russia. Il giorno del suo 27º compleanno ha donato un milione di dollari alla Wikimedia Foundation. 

Per queste ragioni, la sua ideologia si trova molto distante da quella messa in atto da Putin, alla guida del Paese.  

Clicca qui per vedere il profilo Twitter di Pavel Durov! 

Pavel Durov: fidanzata 

Secondo quanto emerso finora dai giornali scandalistici, Durov avrebbe una relazione con la modella Alena Shiskova, con la quale è spesso ritratto, da solo e insieme ai loro amici. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here