menu natale 2020 ricette

Il Natale 2020 non permetterà le classiche tavolate con decine e decine di persone, brindisi, baci e abbracci. Per tutto questo dovremo aspettare il Natale del prossimo anno, quando si spera che il Covid-19 diventi solo un brutto ricordo.

Tuttavia, come precisato nel decreto emanato dal Governo, il pranzo di Natale, seppure molto ristretto, si può fare. Come fare per stupire i commensali? Ecco alcune ricette che possono consentire al vostro menu di Natale di essere comunque molto gettonato.

Si parte dagli antipasti, e per il pranzo di Natale può essere una buona idea proporre delle gustosissime tartine natalizie salate, tutte a base di pesce: si va dalle acciughe al tonno, passando per il salmone e i gamberetti. Un antipasto molto veloce da preparare ma allo stesso tempo dal grande gusto e particolarmente bello da vedere. Basta prendere alcune fette di pancarrè, tagliarle in diagonale in modo da ottenere dei triangolini e farcirle con i vari pesci sopra citati.

Menu di Natale 2020, lasagna vegetariana e cotechino con le lenticchie

Superati gli antipasti, il menu di Natale entra nel vivo con il primo. Solitamente, il pranzo di Natale vede come protagonista la lasagna, ma per stupire i vostri ospiti potreste pensare ad una lasagna un pò speciale, ovvero la lasagna vegetariana. Niente carne, quindi, ma solo verdure: carote e zucchine ad esempio (meglio ancora se a dadini), funghi, cavolfiori, piselli, senza dimenticare le mozzarelle, il parmigiano grattugiato, la besciamella e l’olio di oliva.

La preparazione è la stessa della lasagna normale: il consiglio è di aggiungere un pò di mozzarella in più, per esaltare il gusto delle verdure e rendere tutto più “filante”.

Infine, per il secondo, meglio seguire la tradizione. Puntate quindi sul cotechino con le lenticchie, mettendo a cuocere le lenticchie con cipolla, carota e sedano (magari aggiungendo anche alcuni odori, come alloro e rosmarino), oltre ovviamente a sale e pepe. Per il cotechino saranno sufficienti una carota e un pò di sedano, in modo tale da esaltare ulteriormente il sapore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here