Quanto guadagna un collaboratore scolastico?

Quanto guadagna un collaboratore scolastico?
La risposta che appaga la vostra curiosità è: lo stipendio medio di un Collaboratore Scolastico è di 18.500 € lordi all’anno, quindi più o meno 1.080 € netti al mese.
Lo stipendio Collaboratore Scolastico può partire comunque da una retribuzione minima di 15.500 € lordi all’anno, e al massimo può superare i 20.000 € lordi all’anno.

Il collaboratore scolastico, secondo la tabella A del CCNL 24/07/03, così enuncia:

“Esegue, nell’ambito di specifiche istruzioni e con responsabilità connessa alla corretta esecuzione del proprio lavoro, attività caratterizzata da procedure ben definite che richiedono preparazione non specialistica.”

Quindi qual è la mansione di un collaboratore scolastico?

Un collaboratore scolastico, comunemente chiamato bidello, è un addetto ai servizi generali della scuola con compiti di accoglienza e di sorveglianza verso gli alunni, negli orari immediatamente prima e quelli successivi all’orario delle attività didattiche e durante la ricreazione, e del pubblico.

Si occupa inoltre della pulizia dei locali, degli spazi scolastici e degli arredi.
E’ il vigilante degli alunni, compresa l’ordinaria vigilanza e l’assistenza necessaria durante il pasto nelle mense scolastiche, di custodia e sorveglianza generica sui locali scolastici, di collaborazione con i docenti.
Presta ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche, all’interno e nell’uscita da esse, nonché nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale, come ad esempio con i bambini della scuola materna.

stipendi personale ata collaboratore scolastico stipendio   quanto guadagna un bidello  stipendio assistente tecnico assistente amministrativo stipendio  stipendio bidello

Stipendio personale Ata

In base alla tabella elaborata dalla Flc Cgil che riporta la retribuzione iniziale mensile lorda, un collaboratore scolastico guadagna al mese 1.361,21 euro.

E che orario fa?
L’orario ordinario di lavoro del personale Ata è regolato dall’articolo 51 del CCNL 2007, che dice che l’orario è di 36 ore, suddivise in sei ore continuative, di norma antimeridiane, o anche pomeridiane per le istituzioni educative e per i convitti annessi agli istituti tecnici e professionali.

In base poi alle regole d’istituto dove andrà a lavorare, potrebbero esserci modalità di articolazione di diversi orari e una richiesta diversa di flessibilità dell’orario di lavoro.

L’orario di lavoro massimo giornaliero è di nove ore.
Se la prestazione di lavoro giornaliera eccede le sei ore continuative il personale usufruisce a richiesta di una pausa di almeno 30 minuti al fine del recupero delle energie psicofisiche e dell’eventuale consumazione del pasto.
Tale pausa deve essere comunque prevista se l’orario continuativo di lavoro giornaliero è
superiore alle 7 ore e 12 minuti.
Sono autorizzate inoltre al personale Ata, le prestazioni eccedenti l’orario di servizio che sono retribuite con le modalità definite in sede di contrattazione integrativa d’istituto, parliamo quindi degli straordinari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here