Alessia Bonari: chi è 

Alessia Bonari, 23 anni, è stata protagonista di uno scatto che ha fatto il giro del web, postato durante i mesi più duri della pandemia da Covid-19. La giovane aveva condiviso sui suoi profili social un selfie dove appariva fisicamente molto provata dalle protezioni anti-contagio che le avevano segnato il visoUn’immagine che è rimasta impressa nel cuore di tutti, diventando iconica. 

Potete vedere la foto qui sotto: 

Si leggeva nella sua didascalia: 

Sono un’infermiera e in questo momento mi trovo ad affrontare questa emergenza sanitaria. Ho paura anche io, ma non di andare a fare la spesa, ho paura di andare al lavoro. Ho paura perché la mascherina potrebbe non aderire bene al viso, o potrei essermi toccata accidentalmente con i guanti sporchi, o magari le lenti non mi coprono nel tutto gli occhi e qualcosa potrebbe essere passato.

Sono stanca psicologicamente, e come me lo sono tutti i miei colleghi che da settimane si trovano nella mia stessa condizione, ma questo non ci impedirà di svolgere il nostro lavoro come abbiamo sempre fatto. 

Quello che chiedo a chiunque stia leggendo questo post è di non vanificare lo sforzo che stiamo facendo, di essere altruisti, di stare in casa e così proteggere chi è più fragile. Noi giovani non siamo immuni al Coronavirus, anche noi ci possiamo ammalare, o peggio ancora possiamo far ammalare. 

Alessia Bonari premiata a Venezia

Infermiera di Grosseto trasferita a Milano, Alessia è stata invitata alla Mostra del Cinema di Venezia, dove ha ricevuto il premio “personaggio dell’anno”, istituito da Tiziana RoccaUn riconoscimento che vuole essere un omaggio a tutti gli operatori sanitari che hanno lottato e continuano a lottare per garantire la salute di tutte le persone affette da questa terribile malattia che dallo scorso febbraio ha devastato, non solo il nostro Paese, ma tutto il mondo.  

La ragazza ha poi postato sul suo profilo Instagram un pensiero sulla manifestazione. Scrive: 

Grazie Venezia per tutto l’affetto ricevuto, ma soprattutto grazie alla mia Italia. Adesso però devo tornare a lavorare.  

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here